I subacquei trovano il tragico relitto dello Space Shuttle

I sub scoprono la sezione dello Space Shuttle Challenger precipitato al largo della costa della Florida (History Channel)
I sub scoprono la sezione dello Space Shuttle Challenger precipitato al largo della costa della Florida (History Channel)

Alla ricerca di aerei della Seconda Guerra Mondiale al largo della costa atlantica della Florida, i subacquei Michael Barnette e Jimmy Gadomski non si aspettavano di trovare i resti di un veicolo spaziale, ma quella è stata la loro strana esperienza all'inizio di quest'anno.

Dopo aver visto i subacquei video filmati, i funzionari della NASA hanno successivamente confermato che ciò che avevano trovato faceva parte del tragico Challenger Space Shuttle sul quale morirono sette astronauti nel 1986.

La sezione lunga 6 metri ricoperta di piccole piastrelle quadrate è stata ritrovata parzialmente sepolta nella sabbia all'inizio di marzo. La scoperta è stata annunciata solo ora perché coincide con l'uscita di un documentario televisivo di History Channel in Nord America il 22 novembre.

I sommozzatori della Florida facevano parte di una squadra che effettuava immersioni preliminari in possibili siti di relitti aerei segnalati dai pescatori al largo della costa della Florida, alla ricerca in particolare di un aereo di salvataggio PBM Martin Mariner scomparso nel 1945. 

La missione STS-51L Challenger libera la torre del Kennedy Space Center (NASA) della NASA
La missione STS-51L Challenger libera la torre del Kennedy Space Center (NASA) della NASA

Barnette, fondatore dell'Associazione degli esploratori subacquei e biologo marino della NOAA, ha il merito di aver identificato più di 30 siti di relitti. Trimix avanzato istruttore Gadomski possiede la Florida Technical Diving a Fort Lauderdale.

Dopo una seconda immersione nel sito, il team del documentario ha condiviso i risultati inizialmente con l'astronauta in pensione Bruce Melnick, che ha consigliato loro di avvicinarsi alla NASA. L'agenzia spaziale ha confermato in agosto che il manufatto faceva parte del Challenger.

Una varietà di piastrelle isolanti sono state utilizzate nel sistema di protezione termica degli Space Shuttle per proteggere la pelle e la struttura dall'intenso calore generato al momento del rientro. 

Tuttavia, nel 1986 si verificò un grave malfunzionamento solo 73 secondi dopo il decollo dal Kennedy Space Center della Florida su quella che sarebbe stata la 25a missione dello Space Shuttle della NASA, STS-51L. Durante la notte si era formato del ghiaccio sulla navetta, ma le preoccupazioni di alcuni membri del personale erano state messe da parte quando la nave era stata autorizzata al lancio.

Un'indagine dell'agenzia ha successivamente dimostrato che temperature inaspettatamente fredde avevano compromesso l'integrità delle guarnizioni O-ring nei giunti del segmento del booster del razzo solido.

Francis Scobee comandò quella che sarebbe stata l'ultima missione Challenger, con il pilota Michael Smith, gli specialisti di missione Ronald McNair, Ellison Onizuka e Judith Resnick, lo specialista del carico utile Gregory Jarvis e il primo civile mai andato nello spazio, l'insegnante Christa McAuliffe. 

L'equipaggio dello Space Shuttle STS-51L (NASA)
L'equipaggio della STS-51L (NASA)

"Anche se sono trascorsi quasi 37 anni da quando sette esploratori audaci e coraggiosi hanno perso la vita a bordo del Challenger, questa tragedia sarà impressa per sempre nella memoria collettiva del nostro Paese", ha affermato l'amministratore della NASA Bill Nelson. “Per milioni di persone in tutto il mondo, me compreso, il 28 gennaio 1986 sembra ancora ieri. 

“Questa scoperta ci offre l’opportunità di fermarci ancora una volta, di valorizzare l’eredità dei sette pionieri che abbiamo perso e di riflettere su come questa tragedia ci ha cambiato. Alla NASA, il valore fondamentale della sicurezza è – e deve rimanere per sempre – la nostra massima priorità, soprattutto perché le nostre missioni esplorano una parte del cosmo mai vista prima”.

Cultura della sicurezza

Al disastro del Challenger, e successivamente a quello del Columbus Space Shuttle, è stato attribuito il merito di aver portato alla NASA una nuova cultura della sicurezza. 

“È ironico che studiamo la normalizzazione della devianza nelle immersioni tecniche formazione, e il disastro del Challenger è stato il luogo in cui il termine è stato usato per la prima volta", ha commentato un subacqueo sulla pagina Facebook di Gadomski. Il termine si riferisce al processo attraverso il quale la devianza dal comportamento corretto può diventare normalizzata in una cultura aziendale o governativa.

Barnette ha commentato che l'esperienza di "toccante storia" dei subacquei era stata così inaspettata perché avevano supposto che tutti i rottami del Challenger fossero stati recuperati dalla NASA durante le indagini sull'incidente.

Sebbene il documentario in sei parti di History Channel che include la scoperta abbia il titolo Il Triangolo delle Bermuda: nelle acque maledette, il relitto del Challenger è stato trovato a nord-ovest di quell'area. 

NASA sta valutando quali azioni intraprendere riguardo al manufatto, che è legalmente proprietà del governo degli Stati Uniti. Ha anche colto l'occasione per chiedere a tutti gli altri subacquei che credono di essersi imbattuti - o raccolti - nel relitto dello Space Shuttle di contattarlo all'indirizzo ksc-public-inquiries@mail.nasa.gov

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x