I subacquei possono aiutare a combattere la sindrome di White

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

I subacquei possono aiutare a combattere la sindrome di White

White

Immagine: UNAM / BARCO LAB.

Ai subacquei della seconda barriera corallina più grande del mondo, la Mesoamericana nei Caraibi occidentali, viene chiesto di aiutare a combattere una misteriosa malattia conosciuta come Sindrome Bianca che sta devastando i coralli dal Messico all'Honduras.

L’appello proviene dall’organizzazione benefica Sustainable Travel International (STI). Ha lanciato una campagna sui social media per subacquei, snorkelisti e altri visitatori per condividere fotografie scattate durante l'esplorazione dei siti della barriera corallina.

La campagna è la prima fase di un più ampio programma NEMO (Natural Environment Marine Observers) progettato per aumentare la consapevolezza della comunità sulla conservazione della barriera corallina; raccogliere dati sul monitoraggio della salute della barriera corallina per gli scienziati marini; e finanziare spedizioni per combattere la malattia.

La barriera corallina mesoamericana si estende per oltre 600 miglia al largo delle coste del Messico, Belize, Guatemala e Honduras. È visitato da più di 16 milioni di persone all'anno, molte delle quali vi si immergono o fanno snorkeling, creando circa 2 milioni di posti di lavoro.

La malattia è stata identificata nel giugno 2018. La sua origine è sconosciuta, ma gli scienziati ritengono che sia la stessa malattia della perdita di tessuto dei coralli pietrosi (SCTLD), che deriva dalla scarsa qualità dell'acqua e ha colpito più della metà del tratto della barriera corallina della Florida e si è diffusa in tutto il mondo. i Caraibi. Anche se STDLC trasforma anche il corallo in bianco, è diverso dallo sbiancamento del corallo.

“La SCTLD si diffonde incredibilmente velocemente e ha un tasso di mortalità molto alto”, ha affermato il dottor Lorenzo Alvarez-Filip del Laboratorio Biodiversity & Reef Conservation (BARCO) presso l’Università Nazionale Autonoma del Messico.

27 ottobre 2019

“Per le oltre 20 specie di coralli colpite da questa malattia, la quantità di corallo persa nei primi sei mesi dall’epidemia è equivalente alla quantità persa nei 40 anni precedenti. Abbiamo bisogno di tutto il supporto possibile per monitorare questa malattia al fine di ridurre al minimo ulteriori danni”.

Ai subacquei partecipanti vengono fornite indicazioni su come cercare colonie di coralli che mostrano bande bianche, macchie o lesioni. Viene chiesto loro di pubblicare le fotografie su Instagram utilizzando l'hashtag #SupportNEMO, aggiungendo la data e il luogo (coordinate GPS o sito di immersione).

Sono inoltre incoraggiati a condividere foto dell'inquinamento marino e della fauna selvatica.

Le foto saranno analizzate dal NEMO Reef Response Team, una task force composta da scienziati marini e ambientalisti dell'Autorità messicana del Parco Marino, della Healthy Reefs Initiative e del BARCO LAB.

Sperano che le immagini li aiutino a comprendere la malattia e a monitorarne la diffusione in modo da poter sviluppare e testare trattamenti, ridurre l’inquinamento, identificare modi per prevenirne la diffusione e iniziare gli sforzi di ripristino.

Anche la STI lo è lanciando una campagna di crowdfunding mirava a raccogliere 40,000 dollari in 40 giorni – il tempo in cui si dice che la sindrome di White possa impiegare per uccidere un’intera colonia di coralli.

Si dice che i fondi verranno utilizzati per sviluppare un’applicazione web NEMO per la scienza dei cittadini, educare le comunità locali sulla conservazione della barriera corallina e finanziare le spedizioni del team di risposta per combattere la malattia.

Scopri di più sulla STI qui.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x