Subacqueo scomparso in Thailandia dopo una discesa in solitaria

Squadra di soccorso (Comune di Rawai)
Squadra di soccorso (Comune di Rawai)

Un uomo rumeno che in precedenza non si era immerso oltre i 18 metri è scomparso in Thailandia, dopo essere sceso in solitaria per liberare un'ancora incagliata a circa 30 metri.

È in corso un'operazione di ricerca per Sebastian Emil Somesan, 46 anni, dopo che ieri pomeriggio (8 gennaio) non è riuscito a tornare al suo motoscafo ormeggiato vicino all'isola Kaew Noi, al largo di Phuket. 

Somesan, che vive a Phuket, aveva lasciato la spiaggia di Nai Harn alle 9 del mattino per immergersi al largo dell'isola con un amico rumeno, Alexandru Florin Miron. Li aveva accompagnati una donna tailandese, Saowalak Kanhawong.

I due uomini avevano completato un'immersione insieme, ma Somesan era entrato di nuovo in acqua dopo aver trovato l'ancora bloccata quando si preparavano a partire. Secondo Aroon Solos, sindaco della città più vicina, Rawai, Somesan non si era mai tuffato oltre i 18 metri prima. Quando non è riuscito a tornare sulla barca, Miron aveva chiamato la moglie intorno alle 12.45 per chiederle di contattare il servizio di salvataggio di Rawai. 

Barca di salvataggio (Comune di Rawai)
Barca di salvataggio (Comune di Rawai)

Avevano risposto utilizzando un gommone e moto d'acqua, ma sono stati presto raggiunti da una squadra composta da volontari delle forze di difesa, polizia marittima, personale dell'esercito e sommozzatori professionisti locali. 

"Ci sono ancora forti correnti, anche se siamo alla fine della stagione dei monsoni", ha detto quella sera il governatore di Phuket Narong Woonciew al centro di comando dei soccorsi, sottolineando le difficoltà incontrate dalla squadra di ricerca. 

Morti nei Caraibi

La fine dell'anno ha già portato con sé diversi incidenti che hanno coinvolto subacquei e snorkelisti, almeno due dei quali mortali.

Il californiano Robbie Pierce, 63 anni, è morto durante un'immersione subacquea il 3 gennaio mentre era in vacanza a Bonaire, nel sud dei Caraibi, anche se non sono stati rilasciati dettagli sulle circostanze della sua morte.

Figura di alto profilo nel mondo degli sport motoristici fuoristrada internazionali, la società di Pierce Jimco Racing lo ha descritto come "il nostro grande leader, pilota, costruttore, imprenditore e membro della Hall of Fame degli sport motoristici fuoristrada". 

La stella delle corse fuoristrada Robbie Pierce
La stella delle corse fuoristrada Robbie Pierce

Diceva anche che le immersioni subacquee erano la sua "seconda più grande passione nella vita", anche se sulla sua pagina Facebook poco prima di Capodanno Pierce aveva dichiarato che erano passati più di 20 anni dall'ultima volta che si era immerso ma che Bonaire sembrava "il posto perfetto". per iniziare bene l’anno”. 

Altrove nei Caraibi, un uomo britannico è annegato mentre faceva snorkeling con il figlio adolescente durante una vacanza con la famiglia nella Repubblica Dominicana. Ian Simpson, 55 anni, non è riuscito a riemergere dopo essere uscito in acque agitate al largo della spiaggia di Caleton de Bruno vicino a Cabrera il 29 dicembre.

Le grida di aiuto di suo figlio hanno portato fuori la gente del posto su un peschereccio e hanno trovato il suo corpo galleggiare al largo della vicina spiaggia di El Puerto. È stato dichiarato morto per annegamento in un ospedale locale.

Lesioni alla testa e alle mani

In seguito ai gravi infortuni all'elica della barca sostenuto da uno snorkeller in Messico riportato Divernet recentemente, nel paese si è verificato un altro incidente simile, questa volta che ha coinvolto un subacqueo. L’uomo ha riportato ferite alla testa mentre riemergeva al largo della trafficata spiaggia di Pelicanos a Los Cabos, nella penisola messicana della Bassa California.

Barche all'Arco di Los Cabos (Stan Shebs)
Barche all'Arco di Los Cabos (Stan Shebs)

Molte barche turistiche trasportano subacquei e snorkelisti per visitare il famoso arco sulla punta meridionale della baia di Cabo San Lucas. Non è chiaro se l'imbarcazione responsabile fosse entrata in un'area coperta da boe o se il subacqueo senza nome fosse riemerso all'esterno di essa. 

I paramedici hanno curato il subacqueo sul posto e lo hanno portato in una struttura medica dove la ferita non è stata ritenuta pericolosa per la vita.  

E in Sud Africa, il divemaster Renier Kruger è stato morso da uno squalo pinna nera oceanico noto come Smiley dopo 30 minuti di immersione con esca al largo di Protea Banks, sulla costa del KwaZulu-Natal. Ora si sta riprendendo dopo cinque ore di intervento chirurgico per ricostruire la sua mano sinistra. 

"Per fortuna, ho una soglia del dolore alta", ha detto il 26enne, che è fermamente convinto che dopo aver effettuato più di 1,000 immersioni con gli squali da quando aveva 12 anni, il "morso d'amore" sia stato un incidente derivante da una possibile cecità in uno degli occhi di Smiley o l'errata identificazione della mano di Kruger come esca. Sperava di immergersi di nuovo entro sei settimane.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x