Ritardo “straordinario” della denuncia di morte di un subacqueo

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Ritardo “straordinario” della denuncia di morte di un subacqueo

macellaio

Desmond Boucher.

In Inghilterra si sono svolte due inchieste sulla morte all'estero di due subacquei nello stesso fine settimana dell'estate scorsa.

Desmond Boucher, 59 anni, di Ebbw Vale, era presente vacanza a Sharm el-Sheikh, in Egitto. Un subacqueo esperto che viaggiava per immergersi fino a cinque volte l'anno, viveva e lavorava come commerciante di valuta e fotografo a Cheltenham.

Sabato 6 luglio, Boucher è emerso da un'immersione a Gordon Reef lamentando un senso di oppressione al petto. Dopo aver perso conoscenza è stato portato all'ospedale internazionale di Sharm, dove è stato dichiarato morto.

In un'inchiesta tenutasi presso la corte dei coroner di Gwent e riportata in Galles Online, il coroner senior Caroline Saunders ha osservato che un patologo egiziano aveva effettuato un esame post mortem e aveva concluso che la morte di Boucher era il risultato di una "grave insufficienza respiratoria" - che, come ha sottolineato, era una modalità di morte piuttosto che una causa.

Le autorità egiziane non solo non avevano fornito un rapporto dettagliato sui ritrovamenti, ma avevano restituito il corpo intatto per ulteriori esami.

Il patologo dottor James Harrison aveva effettuato una seconda autopsia una volta che il corpo di Boucher era stato rimpatriato nel Regno Unito, ma non era stato in grado di stabilire una causa medica della morte perché era stato imbalsamato, colpendo i tessuti, e il cuore era stato rimosso e non restituito.

Il medico legale ha affermato che ulteriori informazioni erano state richieste più volte alle autorità egiziane, ma le era stato detto che sarebbero potuti volerci fino a quattro anni prima che il rapporto completo fosse pubblicato. "Non farò un commento, ma lo trovo davvero straordinario", ha detto.

Ha registrato che la morte di Boucher è avvenuta per cause naturali a seguito di una malattia cardio-respiratoria, ma ha affermato che se fossero emerse nuove prove per modificare tale conclusione, si potrebbe aprire un'altra inchiesta.

L’altra inchiesta, presso la corte del coroner del Somerset a Taunton, riguardava la morte di Alexander “Zeddy” Seymour, 32 anni, nato in Canada ma la cui città natale è stata indicata come Frome.

Seymour era un esperto biologo marino e subacqueo che faceva ricerche su squali e razze come coordinatore per l'organizzazione benefica per la conservazione marina MarAlliance con sede in Belize. Secondo un rapporto di inchiesta del Somerset Live, viveva a Capo Verde, al largo dell'Africa occidentale, per sette anni.

Domenica 7 luglio dello scorso anno Seymour si era immerso con la sua squadra per marcare gli squali tigre nella baia di Pedra de Lume, al largo dell'isola di Sal. 

10 Giugno 2020

Gli altri erano tornati alla loro barca ma lui era tornato in acqua per fare apnea, ha detto il coroner senior Tony Williams. Successivamente il suo corpo riemerse e si scoprì che era annegato.

Un'autopsia è stata eseguita a Bath e il medico legale ha concluso che quella di Seymour era stata una morte accidentale a seguito di un episodio di barotrauma, o lesione correlata alla pressione, che aveva portato al suo annegamento.

Da allora MarAlliance ha istituito un fondo per borse di studio Zeddy Seymour per sostenere l’istruzione dei figli dei pescatori di Capo Verde, che secondo quanto riferito lo conoscevano come “l’uomo che nuota con gli squali”.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x