L'articolo sul naufragio collega il discendente allo strumento di navigazione

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Da sinistra: Paul Wilkin, James Canney e Eddie Huzzey.

Una caratteristica recente su un naufragio in DIVER rivista ha comportato la consegna di uno strumento di navigazione della metà del XIX secolo a un discendente del suo proprietario originale.

Il subacqueo belga Stefan Panis ha catturato l'immaginazione dei lettori con recenti articoli sulle immersioni su relitti con carichi interessanti, compresa la Josephine Willis. La nave da 1000 tonnellate di legname aveva trasportato passeggeri e merci durante il viaggio di 100 giorni tra Londra e Auckland, in Nuova Zelanda, sotto il capitano Edward Canney.

Leggi anche: Argento naufragato, ottone: persino una Ford Modello T!

Il tragico viaggio di Josephine Willis

Il 3 febbraio 1856 la nave salpò trasportando 70 passeggeri, 35 membri dell'equipaggio e un prezioso carico di ceramiche e altri manufatti. Dopo essere stato speronato accidentalmente nello stretto di Dover dal piroscafo di ferro Mangerton, affondò con la perdita di 70 persone. Panis faceva parte della squadra che riscoprì il relitto 156 anni dopo.

Il discendente scopre il legame familiare

James Canney, il pronipote del capitano Canney, ha letto l'articolo in DIVERTIMENTO ed è riuscito a contattare Panis e, tramite lui, gli altri membri del team di immersioni Eddie Huzzey e Paul Wilkin.

Si incontrarono a casa di Wilkin, dove i sommozzatori regalarono a Canney un ottante, uno strumento di misura utilizzato per la navigazione che avevano recuperato dal relitto.

Proprietà e custodia dei manufatti

Tutti i reperti rinvenuti dai subacquei sul Giuseppina Willis sono stati dichiarati al destinatario del relitto ma sono tenuti in custodia, dice Panis.

"L'ottante appartiene ancora alla Corona fino a quando il Ricevitore del Relitto non prenderà una decisione sull'assegnazione della proprietà e del titolo, ma questa era una situazione insolita", ha detto DIVERTIMENTO.

"Voglio dire, quante persone riescono a vedere qualcosa di proprietà di un antenato dopo 162 anni, per non parlare di qualcosa che è rimasto sul fondo del mare per tutto quel tempo?"

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x