Le squadre di sub si concentrano sulle ostriche autoctone

Squadra di sommozzatori al largo dell'Isola di Wight (Operazione Oyster)
Squadra post-immersione al largo dell'Isola di Wight (Operazione Oyster)

Gusci di ostriche autoctone a una profondità di 35 metri e un raro cavalluccio marino spinoso sono stati tra i ritrovamenti inaspettati dei subacquei evidenziati nel rapporto Operation Oyster 2022 del British Sub-Aqua Club, pubblicato per coprire il primo anno intero del progetto.

Lanciato nel 2021, Operation Oyster è il principale progetto scientifico-cittadino di BSAC, creato per consentire ai subacquei di svolgere un ruolo nel ripristino dei banchi di ostriche in tutto il Regno Unito.

La sua “missione” è quella di cercare e documentare le prove della popolazione nativa di ostriche del Regno Unito, che ha visto un calo della popolazione del 95% negli ultimi 150 anni a causa della pesca eccessiva, delle malattie, dell’inquinamento e della perdita di habitat.

Operation Oyster sta collaborando con la BLUE Marine Foundation, l'ente benefico marino scozzese Seawilding, la Zoological Society of London (ZSL) e l'Università di Portsmouth e i dati raccolti vengono resi accessibili anche alla comunità scientifica.

“Abbiamo fatto immersioni in tutto il Regno Unito nel 2022 e abbiamo trovato prove di ostriche piatte autoctone dove non ce le aspettavamo”, riferisce il coordinatore di Operation Oyster Andy Hunt. Le singole ostriche sono state registrate nell'Isola di Wight, in Cornovaglia, a Teignmouth, nel Donegal e nel Sound of Mull, ma il progetto non ha ancora trovato barriere coralline di ostriche autoctone vive o letti consistenti. 

Grande guscio di ostrica nativa (Operazione Oyster)
Grande guscio di ostrica autoctono scoperto l’anno scorso (Operazione Oyster)

Hunt rimane comunque fiducioso. “Le ostriche autoctone vivono in alcuni punti, ma non nella quantità di una volta. Una scoperta chiave delle attività del 2022 è stata un deposito di carbonio di vecchi gusci di ostriche piatte autoctone che potrebbero aiutarci a mostrarci come erano i fondali marini e cosa dovremmo mirare a ripristinare».

Questa consistente barriera corallina si trovava a Loch Craignish, e i subacquei del progetto sperano di tornare lì e nell'area del Giura questa primavera per scoprire come avrebbero potuto essere i loro letti di ostriche nativi 150 anni fa.

Pietre miliari del 2022

Le principali tappe fondamentali nel 2022, secondo il rapporto, includono immersioni di progetto in tre siti scientifici nel Solent che hanno rivelato singole ostriche autoctone in una serie di habitat, inclusi relitti e barriere coralline, e una serie di spedizioni Sound of Mull e Cape Wrath che hanno coinvolto un tempo di immersione totale di poco meno di 158 ore su 191 immersioni.

“L’Operazione Oyster è un progetto a lungo termine e, sebbene l’attenzione sarà costante sulle immersioni e sulla raccolta di dati, si tratta in definitiva di aiutare a ripristinare l’equivalente di acqua fredda delle barriere coralline attorno alla nostra costa”, afferma Hunt. “Questa è anche una fantastica opportunità per tutti i subacquei di essere coinvolti e di aggiungere un importante scopo ambientale alle loro immersioni”.

I subacquei possono scarica il rapporto e scopri di più su come partecipare qui. "I partecipanti devono essere membri del BSAC, tuttavia possono iscriversi direttamente e non devono necessariamente iscriversi a un club", afferma il BSAC.

Anche su Divernet: Il perito costiero addestra gli osservatori del mare, BSAC presenta Advanced Ocean DiverOra i bambini di 10 anni possono immergersi con il BSAC

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Grammatica corretta
Grammatica corretta
1 anno fa

Uh, intendi HONE IN? 🤦🏻‍♂️

SEGUICI SU

2
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x