“I coralli morti non fanno bambini”

Il ricercatore Tory Chase e la sua collezione di piastrelle in terracotta.

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

“I coralli morti non fanno bambini”

Collezionare tesserejpg

Collezionare tessere che misurano la nuova produzione di corallo. (Foto: Tory Chase, ARC, Università James Cook)

Secondo una nuova ricerca, i danni già causati alla Grande Barriera Corallina australiana dal riscaldamento globale hanno compromesso la capacità dei suoi coralli di riprendersi.

"I coralli morti non fanno bambini", ha affermato l'autore principale, il professor Terry Hughes, direttore del Centro di eccellenza ARC per gli studi sulla barriera corallina presso la James Cook University.

Ha affermato che il numero di nuovi coralli che si insediano nella GBR è diminuito dell’89% in seguito alla perdita senza precedenti di coralli adulti avvenuta negli anni consecutivi di riscaldamento globale del 2016 e 2017.

7 Aprile 2019

Lo studio ha misurato quanti coralli adulti sono sopravvissuti lungo il più grande sistema di barriera corallina del mondo a seguito di uno stress termico estremo e quanti nuovi coralli hanno prodotto nel 2018 per ricostituire la GBR. La perdita di adulti ha provocato un crollo nella ricostituzione dei coralli rispetto ai livelli misurati negli anni precedenti prima dello sbiancamento di massa.

“Il numero di larve di corallo prodotte ogni anno e il luogo in cui viaggiano prima di stabilirsi su una barriera corallina sono componenti vitali della resilienza della Grande Barriera Corallina. Il nostro studio mostra che la resilienza della barriera corallina è ora gravemente compromessa dal riscaldamento globale”, ha affermato il coautore Prof Andrew Baird.

“Il più grande calo nella ricostituzione, un calo del 93% rispetto agli anni precedenti, si è verificato nella ramificazione dominante e nel corallo tavola Acropora. Da adulti questi coralli forniscono la maggior parte dell’habitat corallino tridimensionale che supporta migliaia di altre specie”, ha affermato.

“Il mix delle specie di piccoli coralli è cambiato, e questo a sua volta influenzerà il futuro mix di adulti, poiché una ripresa più lenta del normale si svolgerà nel prossimo decennio o più”.

“Il declino nel reclutamento dei coralli corrisponde all’entità della mortalità dei riproduttori adulti in diverse parti della barriera corallina”, ha aggiunto il professor Hughes. “Le aree che hanno perso il maggior numero di coralli hanno avuto il maggiore calo nella ricostituzione”.

“Ci aspettiamo che il reclutamento dei coralli si riprenda gradualmente nei prossimi cinque-dieci anni, man mano che i coralli sopravvissuti crescono e molti di loro raggiungono la maturità sessuale – presupponendo ovviamente che non vedremo un altro evento di sbiancamento di massa nel prossimo decennio”.

La GBR ha subito quattro eventi di sbiancamento di massa dovuti al riscaldamento globale: nel 1998, 2002, 2016 e 2017. Gli scienziati prevedono che il divario tra le coppie di eventi di sbiancamento dei coralli continuerà a ridursi con l’intensificarsi del riscaldamento globale.

"È altamente improbabile che potremmo sfuggire a un quinto o sesto evento nel prossimo decennio", ha affermato il coautore Prof. Morgan Pratchett. “Fino ad ora pensavamo che la Grande Barriera Corallina fosse troppo grande per fallire”, ha detto.

“Ad esempio, quando una parte è stata danneggiata da un ciclone, le barriere coralline circostanti hanno fornito alle larve il recupero. Ma ora, l’entità dei gravi danni causati dalle temperature estreme nel 2016 e nel 2017 è stata di quasi 1500 km, molto più grande della pista di un ciclone”.

Il professor Pratchett ha affermato che “le barriere coralline meridionali sfuggite allo sbiancamento sono ancora in ottime condizioni, ma sono troppo lontane per ricostituire le barriere coralline più a nord”.

“C’è solo un modo per risolvere questo problema”, ha affermato il professor Hughes, “ed è affrontare la causa principale del riscaldamento globale riducendo a zero le emissioni nette di gas serra il più rapidamente possibile”.

La carta è pubblicato su Nature.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x