Il “chiaro di luna pericoloso” è collegato agli attacchi di squali

attacchi di squali
Squalo toro, CRED: Vladimir Turkenich, Shutterstock

Gli attacchi di squali contro subacquei e altri utenti dell’acqua sono relativamente rari, ma secondo un nuovo studio scientifico esiste un fattore naturale che potrebbe renderli più probabili: gli effetti della Luna.

Un team della Louisiana State University (LSU) a Baton Rouge ha appena pubblicato una ricerca basata sull'analisi di 55 anni di dati completi sugli attacchi di squali, e ha concluso che più complete sono le fasi lunari, maggiore è il livello degli attacchi.

Leggi anche: Snorkeller perde piede a causa di uno squalo nel TCI

L’“effetto lunare”, una correlazione tra le fasi lunari e l’attività animale e vegetale, è stato a lungo notato attraverso le prove che le maree gravitazionali influenzano il sonno, il movimento e la crescita delle specie terrestri, ma come ciò avvenga rimane poco chiaro.

Tuttavia, gli scienziati affermano che nel loro studio la correlazione tra i livelli di luce e gli attacchi di squali era chiara, con un’incidenza di attacchi superiore alla media durante i periodi di maggiore illuminazione lunare e inferiore quando era disponibile meno luce lunare. 

Il lavoro si è basato sui dati raccolti tra il 1960 e il 2015 per l'International Shark Attack File presso il Florida Museum of Natural History presso l'Università della Florida. Ma sembra che il collegamento con le fasi lunari non sia necessariamente un caso di “chiaro lunare pericoloso”.

"Non è una questione di più luce notturna per gli squali da vedere", spiega Steve Midway, professore associato della LSU e ricercatore del progetto. “La maggior parte degli attacchi di squali avvengono alla luce del giorno. Tuttavia, la Luna può esercitare altre forze sulla Terra e sui suoi oceani in modi molto più sottili – ad esempio, l’attrazione gravitazionale che vediamo influenzare le maree”. 

Surfisti in mare

È anche possibile che l’effetto lunare derivi dall’attività umana piuttosto che da quella degli squali. Ad esempio, i surfisti sono un gruppo che ha maggiori probabilità di essere colpito dagli attacchi di squali, che spesso si verificano in superficie quando gli animali li scambiano per prede naturali. Tuttavia, le migliori condizioni d'onda tendono a verificarsi intorno alla luna piena, quindi è possibile che l'enorme numero di surfisti in mare in quei momenti aumenti la probabilità e l'incidenza degli attacchi.

Anche se gli scienziati sottolineano che è quindi troppo presto per trarre conclusioni definitive, affermano che la loro ricerca rappresenta un passo avanti verso una migliore comprensione degli attacchi di squali e potrebbe aiutare a formulare raccomandazioni per rendere più sicure le attività ricreative nell’oceano.

“L’abbondanza di dati che abbiamo suggerisce che c’è qualcosa che vale la pena continuare a esaminare”, afferma Midway. Lo studio è pubblicato sulla rivista Frontiere nella scienza marina.

Gennaio 20 22

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x