Cipro ha sequestrato i reperti di relitti ottomani

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Cipro ha sequestrato i reperti di relitti ottomani

Relitto ottomano

Immagine: Recuperi Enigma

I resoconti della scoperta di più relitti nelle profondità del Mediterraneo orientale, avvenuta cinque anni fa, hanno recentemente fatto notizia, sulla base delle informazioni rilasciate dalla società di salvataggio britannica Enigma Recoveries. 

Ma i manufatti recuperati dal sito da Enigma utilizzando un ROV furono sequestrati da Cipro all'epoca, e ora il Dipartimento di Antichità dell'isola si è scagliato contro la società, accusandola di aver scavato illegalmente antichi relitti, secondo un rapporto del Cyprus Mail.

I soccorritori, che si erano stabiliti a Limassol mentre recuperavano manufatti da un relitto del XVII secolo, sono anche accusati dal dipartimento di “estrarre violentemente oggetti, causando la distruzione del loro contesto”.

Enigma Recoveries ha riferito di aver trovato una dozzina di relitti ellenistici, romani, islamici e ottomani a una profondità di circa 2 km nel bacino levantino, che si trova tra Cipro e il Libano ma al di fuori delle loro acque territoriali.

Si dice che quasi 600 manufatti siano stati recuperati da una nave mercantile ottomana di 43 metri risalente al 1630.

I reperti includevano 360 piatti e tazze cinesi della dinastia Ming, nonché oggetti che vanno dal vetro e dalla ceramica all'incenso e al pepe, provenienti da paesi che vanno dal Belgio, Italia e Spagna allo Yemen e all'India.

Tuttavia, quando la nave da ricerca dell’Enigma tornò a Limassol, i manufatti furono sequestrati dai funzionari doganali di Cipro con la motivazione che non erano stati elencati come carico.

Enigma ha affermato che le autorità avevano pianificato di mettere all'asta gli oggetti, ma il dipartimento delle antichità lo nega, ribattendo che Enigma è "ben noto sia a Cipro che ad altri paesi, così come alle organizzazioni internazionali tra cui l'UNESCO, per le sue attività di scavi sottomarini illeciti" .

28 Aprile 2020

Il dipartimento, che fa parte del Ministero dei trasporti, delle comunicazioni e dei lavori di Cipro, afferma che l’intenzione di Enigma di vendere gli oggetti era “evidente nei documenti depositati presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti”.

Enigma afferma che l’equipaggio della sua nave non era stato informato del fatto che Cipro richiedeva che i reperti culturali fossero elencati come carico. Afferma inoltre di aver registrato i manufatti in linea con la pratica archeologica, anche se il dipartimento di antichità afferma di aver supervisionato la conservazione degli oggetti e che la sua stessa registrazione aveva rivelato la loro “estrazione violenta”.

Il dipartimento aggiunge di aver recentemente modificato la legge sulle antichità “per rafforzare la protezione del patrimonio culturale sottomarino in tutte le zone marittime della Repubblica di Cipro”.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x