Gli spuntini di seppia dipendono da cosa c'è per cena

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Le seppie evitano gli spuntini per lasciare spazio ai loro pasti preferiti, è quanto emerge da una nuova ricerca dell'Università di Cambridge. Rendendosi conto che i gamberetti – il loro cibo preferito – saranno disponibili la sera, mangeranno meno granchi durante il giorno.

Leggi anche: Cacciatori di ombre: perché i pesci trombetta fanno l'autostop

"È stato sorprendente vedere con quanta rapidità le seppie hanno adattato il loro comportamento alimentare", ha detto la prima autrice dello studio Pauline Billard. “In pochi giorni si è saputo se la sera ci sarebbero stati i gamberetti oppure no. Questo è un comportamento molto complesso ed è possibile solo perché hanno un cervello sofisticato”.

Quando i ricercatori fornivano in modo affidabile un gambero ogni sera, la seppia comune europea (Seppia officinalis) sono diventati più selettivi nel mangiare granchi durante il giorno. Quando venivano forniti loro gamberetti serali in modo casuale, diventavano rapidamente opportunisti, aumentando la loro assunzione di granchi durante il giorno.

Imparando e ricordando i modelli di disponibilità del cibo, le seppie ottimizzano la loro attività di foraggiamento non solo per garantire di mangiare abbastanza, ma anche per assicurarsi di mangiare più dei loro cibi preferiti.

Per valutare queste preferenze, i ricercatori hanno testato 29 seppie mettendo contemporaneamente granchi e gamberetti a uguale distanza da loro, cinque volte al giorno per cinque giorni. Tutto è andato per i gamberetti.

Cefalopodi e vertebrati si sono differenziati in termini evolutivi circa 550 milioni di anni fa, ma l'organizzazione del loro sistema nervoso è notevolmente simile, affermano i ricercatori.

“Questa strategia di foraggiamento flessibile dimostra che le seppie possono adattarsi rapidamente ai cambiamenti nel loro ambiente utilizzando l’esperienza precedente”, ha affermato il prof. Nicola Clayton, che ha guidato lo studio. “Questa scoperta potrebbe fornire una preziosa visione delle origini evolutive di un’abilità cognitiva così complessa”.

Finanziato dall'Agenzia nazionale francese per la ricerca lo studio è pubblicato in Biology Letters.

In ulteriori rivelazioni sulle capacità intellettuali dei cefalopodi, questa volta provenienti dall'Università australiana del Queensland, sembra che il cervello dei calamari sia complesso quasi quanto quello dei cani.

Per comprendere la capacità dei cefalopodi di mimetizzarsi istantaneamente, il dottor Wen-Sung Chung e il professor Justin Marshall del Queensland Brain Institute dell’università hanno effettuato la prima mappatura del cervello dei calamari in 50 anni, utilizzando tecniche di risonanza magnetica.

Hanno esaminato i calamari della barriera corallina (Sepioteuthis lessiana).

"Questa è la prima volta che la tecnologia moderna viene utilizzata per esplorare il cervello di questo straordinario animale e abbiamo proposto 145 nuove connessioni e percorsi, oltre il 60% dei quali sono collegati ai sistemi visivi e motori", ha affermato il dott. Chung.

Ha detto che i cefalopodi, che includono polipo, seppie e calamari, avevano un cervello complesso “che si avvicinava a quello di un cane e superava topi e ratti, almeno in numero di neuroni. Ad esempio, alcuni cefalopodi hanno più di 500 milioni di neuroni, contro i 200 milioni di un ratto e i 20,000 di un normale mollusco”.

Esempi di comportamento complesso dei cefalopodi includono la capacità di mimetizzarsi nonostante siano daltonici, contare, riconoscere schemi, risolvere problemi e comunicare utilizzando una varietà di segnali (a cui ora si aggiunge la pianificazione dei pasti).

Lo studio ha rilevato nuove reti di neuroni che governano comportamenti come la locomozione e il “camuffamento in contrasto” – quando i calamari mostrano colori diversi sulla parte superiore e inferiore del loro corpo, in modo che si confondano con lo sfondo se visti dall’alto o dal basso.

Il team ora vuole stabilire perché diverse specie di cefalopodi hanno sviluppato diverse suddivisioni del cervello.

Il loro studio è pubblicato su iScience.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x