Scorecard Covid sviluppata per la sicurezza dei subacquei

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Scorecard Covid sviluppata per la sicurezza dei subacquei

Cava 1

Una scheda di valutazione progettata per aiutare i subacquei esposti o infetti dal virus Covid-19 a calcolare se è sicuro per loro riprendere le immersioni è stata prodotta dal Comitato medico subacqueo del Regno Unito.

I subacquei che hanno subito alterazioni polmonari o cardiache derivanti dal virus potrebbero rischiare barotraumi o altre difficoltà respiratorie immergendosi, come riportato su Divernet in aprile e maggio. Devono anche tenere in considerazione il coronavirus quando completano gli ultimi moduli di autovalutazione medica dei subacquei.

The UKDMC, a network of 56 medical referees with accredited diving medicine expertise, advises the British Sub-Aqua Club, Sub-Aqua Association and Scottish Sub-Aqua Club on diving-medicine issues.

La sua scheda di punteggio assegna punti per ciascuno degli otto elementi della storia medica di un subacqueo nel 2020, con il punteggio incrociato con una tabella per determinare il consiglio attuale. 

Gli indicatori negativi includono nuova tosse persistente, febbre, aumento della mancanza di respiro, perdita del gusto o dell’olfatto, contatto noto non protetto con un malato accertato o sospetto di Covid-19, un test anticorpale o un tampone faringeo positivo e sintomi abbastanza gravi da richiedere il ricovero ospedaliero. 

Per qualsiasi punteggio compreso tra 1 e 7, si suggerisce di prendere in considerazione l’esecuzione di un test sugli anticorpi Covid-19 approvato dal governo (attualmente quelli prodotti da Abbott e Roche), perché un test negativo potrebbe dare il via libera.

29 Giugno 2020

In caso contrario si consiglia al subacqueo di consultare un medico referente non prima che siano trascorsi tre mesi dall'ultima malattia e una volta ritornata alla normale capacità di esercizio. L'elenco degli arbitri potete trovarlo qui.

Punteggi più alti richiedono l’esecuzione di test prima di poter prendere in considerazione il ritorno alle immersioni. Per quelli con punteggi abbastanza alti da riflettere una probabilità quasi del 100% di cambiamenti polmonari, si consiglia normalmente ai subacquei di attendere almeno un anno dopo essere stati dimessi dall'ospedale e sentirsi completamente guariti e tornati alla normale capacità di esercizio prima di discutere un ritorno alle immersioni.

Potrebbero, tuttavia, essere in grado di riprendere le immersioni prima se i test potessero dimostrare che i polmoni e il cuore non sono stati colpiti.

Trovi la scorecard qui.

* SUBACQUEI SCOZZESI hanno accolto con favore l'annuncio di un allentamento della restrizione della distanza di cinque miglia sui viaggi ricreativi a partire dal 3 luglio. “Questo è stato probabilmente il più grande ostacolo al ritorno alle immersioni in Scozia”, afferma l’ente governativo ScotSAC. "Ciò rende il viaggio verso i siti di immersione molto più fattibile." 

Dal 10 luglio, le persone in Scozia possono incontrarsi in gruppi estesi all’aperto, anche se la distanza fisica di 2 metri rimane invariata. La restrizione di viaggio di cinque miglia rimane attualmente in vigore in Galles.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x