Boom del corallo in GBR – ma i timori restano

Subacqueo della barriera corallina su GBR
Esplorazione della copertura corallina della Grande Barriera Corallina da parte di un subacqueo trainato (AIMS / LTMP)

La Grande Barriera Corallina settentrionale e centrale ha registrato la più alta quantità di copertura di corallo duro da quando l’Istituto australiano di scienze marine (AIMS) ha iniziato il suo programma di monitoraggio a lungo termine 36 anni fa – ma gli esperti non si stanno ancora entusiasmando troppo.  

AIMS è appena stato pubblicato Rapporto riepilogativo annuale sulle condizioni della barriera corallina per il 2021/22 mostra un altro anno di maggiore copertura corallina su gran parte della GBR, che si estende per oltre 2300 km. In 87 barriere coralline rappresentative esaminate tra agosto 2021 e maggio 2022, la copertura media di coralli duri a nord di Cooktown è aumentata dal 27% dell’anno precedente al 36% e nella GBR centrale dal 26% al 33%.

Resta invece la preoccupazione per la regione meridionale, dove la copertura è scesa dal 38% nel 2021 al 34%.  

Corallo nella GBR centrale
Coralli duri a Hyde Reef nella GBR centrale (AIMS / LTMP)
CULLE su corallo
Stella marina corona di spine nella GBR settentrionale (AIMS / LTMP)

Secondo il CEO di AIMS, il dottor Paul Hardisty, i risultati nella GBR settentrionale e centrale sono indicatori che le aree danneggiate della barriera corallina possono ancora riprendersi. “Un terzo dell’aumento della copertura corallina che abbiamo registrato nel sud nel 2020/21 è andato perso l’anno scorso a causa delle continue epidemie di stelle marine corona di spine. Ciò dimostra quanto sia vulnerabile la barriera corallina ai continui disturbi acuti e gravi che si verificano sempre più spesso e durano più a lungo».  

L’aumento della frequenza degli eventi di sbiancamento di massa dei coralli è un “territorio inesplorato”, ha detto, con l’evento di quest’anno il quarto negli ultimi sette anni – e il primo a verificarsi durante un evento La Niña (la controparte più fredda di El Niño). 

“Nei nostri 36 anni di monitoraggio delle condizioni della Grande Barriera Corallina non abbiamo mai visto eventi di sbiancamento così ravvicinati”, ha affermato il dottor Hardisty. “Ogni estate la barriera corallina è a rischio di stress termico, sbiancamento e potenziale mortalità, e la nostra comprensione di come l’ecosistema risponde a ciò è ancora in fase di sviluppo. 

“Gli eventi di sbiancamento del 2020 e del 2022, sebbene estesi, non hanno raggiunto l’intensità degli eventi del 2016 e del 2017 e, di conseguenza, abbiamo riscontrato una minore mortalità. Questi ultimi risultati dimostrano che la barriera corallina può ancora riprendersi in periodi privi di disturbi intensi”. 

Indagine sui coralli
Dr Mike Emslie, team leader del programma di monitoraggio a lungo termine dell'AIMS (AIMS / LTMP)
Indagine sui coralli nella GBR meridionale
La preoccupazione maggiore resta per la GBR meridionale (AIMS/LTMP)

Il dottor Mike Emslie, team leader del programma di monitoraggio AIMS, ha affermato che l’aumento della copertura corallina continua a essere guidato dalla rapida crescita Acropora coralli. Ma ha avvertito che il genere è particolarmente vulnerabile ai danni delle onde del tipo generato da forti venti e cicloni tropicali.

"Sono anche molto sensibili allo sbiancamento dei coralli, quando la temperatura dell'acqua raggiunge livelli elevati, e sono la preda preferita delle stelle marine corona di spine", ha detto. “Ciò significa che grandi aumenti della copertura di coralli duri possono essere rapidamente annullati da disturbi sulle barriere coralline Acropora predominano i coralli”.  

Il dottor Emslie ha affermato che il cambiamento climatico sta causando ondate di caldo marino sempre più frequenti e di lunga durata. “Il picco dell’evento di sbiancamento più recente di marzo si è verificato quando lo stress da calore accumulato ha causato uno sbiancamento diffuso ma non una mortalità estesa”, ha affermato. 

“La crescente frequenza del riscaldamento delle temperature oceaniche e l’entità degli eventi di sbiancamento di massa evidenzia la minaccia critica che il cambiamento climatico rappresenta per tutte le barriere coralline, in particolare mentre si stanno verificando epidemie di stelle marine corona di spine e cicloni tropicali. Futuri disturbi possono invertire la ripresa osservata in un breve lasso di tempo”.

Anche su Divernet: Cosa servirà affinché il corallo sopravviva?, GBR sbianca di nuovo – Mentre i pesci sbiadiscono fino al grigio, 10 modi in cui la tecnologia sta salvando il corallo, Scoperta una barriera corallina imponente in GBR

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x