Il “centro del centro” delle Filippine diventa Hope Spot

Barracuda tornado nel VIP (Gage Veridiano / CAS)
Barracuda tornado nel VIP (Gage Veridiano / CAS)

L'hotspot per le immersioni subacquee Verde Island Passage nelle Filippine è stato descritto come il "centro del centro" della biodiversità marina - e ora è stato nominato "Hope Spot" dall'organizzazione benefica internazionale per la conservazione degli oceani Mission Blue, gestito dall'oceanografa Dott.ssa Sylvia Earle. Si prevede che la designazione aprirà la strada a un’ulteriore protezione ufficiale.

Il VIP, come è noto il passaggio, separa le isole di Luzon e Mindoro e collega il Mar Cinese Meridionale al Mar delle Filippine orientali. Coprendo 1.14 milioni di ettari di habitat di barriera corallina, mangrovie e alghe, si dice che fornisca sostentamento a milioni di persone attraverso la pesca e l'ecoturismo. 

Anthias nel nuovo Hope Spot VIP (Tofer Morales)
Anthias su un reef VIP (Tofer Morales / CAS)

Nonostante gli sforzi di conservazione, il VIP si trova ad affrontare il degrado ambientale e le minacce, tra cui a recente fuoriuscita di petrolio, come riportato su Divernet. È un importante canale di navigazione commerciale e ci sono molte industrie lungo la costa della baia di Batangas, comprese raffinerie di petrolio e impianti chimici.

Gli Hope Spots, scientificamente identificati come fondamentali per la salute degli oceani, sono sostenuti da ambientalisti locali sostenuti da Mission Blue. Si dice che la nuova designazione riconosca sia la ricca biodiversità che il significato culturale ed economico del passaggio e rappresenti un passo fondamentale nel portare avanti le sue pretese di diventare un sistema nazionale integrato di aree protette delle Filippine e di essere dichiarata un'area marina particolarmente sensibile. dal Organizzazione marittima internazionale

Campioni del luogo della speranza

Santuario marino di Banton (Joal Ascalon)
Santuario ittico di Banton (Joal Ascalon / CAS)

Il nuovo status di VIP è stato sostenuto da California Academy of Sciences (CAS) e i suoi partner di ricerca. “Questa designazione Hope Spot è una testimonianza di anni di sforzi di collaborazione da parte nostra Hope for Reefs team e i nostri colleghi filippini”, ha affermato Terrence Gosliner, curatore senior del CAS di zoologia degli invertebrati, che ha condotto ricerche marine nelle Filippine per più di 30 anni.

“Riconosce anche quanto sia speciale il Passaggio dell’Isola Verde. Sede di più specie di vita marina di qualsiasi altra parte degli oceani, è davvero un luogo straordinario che deve essere preservato per le generazioni future”. 

Gosliner e il suo collega, il professor Wilfredo Licuanan dell'Università De La Salle di Manila, hanno condotto ricerche per migliorare le tecniche di allevamento e deposizione delle uova dei coralli che potrebbero essere utilizzate per lavori di ripristino in aree prive di resilienza naturale e hanno collaborato con la Fondazione ABS-CBN per formare volontari della comunità. per monitorare le loro barriere coralline.

Cittadini-scienziati al lavoro su una barriera corallina VIP (Joal Ascalon / CAS)
Cittadini-scienziati al lavoro su una barriera corallina VIP (Joal Ascalon / CAS)

Si dice che l’Ufficio filippino per la pesca e le risorse acquatiche (BFAR) sia interessato all’approccio. interessati alla loro metodologia. 

“È poco tecnologico ma accurato nei dati che stiamo raccogliendo”, ha affermato Gosliner. “Se BFAR lo adotta, ha il potenziale per diventare nazionale. Per poter raggiungere i nostri obiettivi 30×30, è necessario identificare barriere coralline resilienti”. Si spera di raddoppiare alla fine il numero di comunità lungo il VIP utilizzando tecniche di monitoraggio per valutare la salute delle barriere coralline locali.

Isola Verde (Bart Shepherd)
Barriera corallina al largo dell'Isola Verde (Bart Shepherd / CAS)

“Le barriere coralline sono le foreste pluviali del mare”, ha detto Sylvia Earle, “Lasciamoci ispirare dalla resilienza di questi coralli e lasciamoci motivare dall’urgente necessità di agire”. Mission Blue ne ha ora identificati 156 Punti di speranza, che copre 57 km quadrati di oceano.

Anche su Divernet: Tentazioni per un viaggio subacqueo: Filippine e Malesia, Sea Shepherd prende di mira i bracconieri del Med “Hope Spot”., L’Egitto estenderà la protezione della barriera corallina del Mar Rosso, Pronto per essere un subacqueo cittadino-attivista?

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x