Legge britannica “incoerente” che non rispetta balene e delfini

Violazione delle balenottere minori: leggi incoerenti nel Regno Unito (Mike Tetley / Lunenburg Whale Watching Tours)
Violazione della balenottera minore (Mike Tetley / Lunenburg Whale Watching Tours)

Il quadro giuridico del Regno Unito inteso a proteggere i mammiferi marini è “incoerente e non sufficiente per preservare efficacemente queste preziose specie”, secondo un rapporto del comitato ristretto della Camera dei Comuni pubblicato oggi (28 giugno). La debolezza delle leggi del Regno Unito è evidenziata dal tipo di misure attuate in alcune parti del mondo come gli Stati Uniti.

Leggi anche: Notizie sgradite sulle balene da Islanda + Marineland

Il rapporto “fa luce sulle lacune negli sforzi del Regno Unito per proteggere balene e delfini”, afferma Conservazione di balene e delfini (WDC), l'organizzazione benefica con sede nel Regno Unito, Germania, Stati Uniti e Australia. Gestisce anche lo Scottish Dolphin Centre a Moray Firth.

Il comitato per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari rurali (EFRA) ha preso in considerazione le prove fornite dall’amministratore delegato del WDC, Chris Butler-Stroud, durante la stesura del rapporto.

“Questo rapporto costituirà una lettura scomoda per il governo britannico”, afferma Butler-Stroud. “Ciò mette in netto contrasto l’orgogliosa storia di questo paese di difendere balene e delfini in tutto il mondo con i suoi fallimenti nel proteggerli adeguatamente nei nostri mari”.

Non era troppo tardi per correggere la situazione, ha detto, esprimendo sostegno alla richiesta della commissione per una “legislazione primaria su misura” per affrontare i problemi. 

“Una legge britannica sulla protezione dei mammiferi marini colmerebbe le lacune evidenziate dal rapporto della commissione EFRA, eliminerebbe le incoerenze nella nostra legislazione, impedirebbe che i porti del Regno Unito vengano utilizzati per sostenere la caccia a balene e delfini e renderebbe questo paese un faro per la protezione di balene e delfini, ", ha detto Butler-Stroud.

Minke salta “segno di buon auspicio”

Mentre il rapporto stava per essere pubblicato, la BBC ha riferito della rara vista di una balenottera minore che ha fatto breccia nel nord-est dell'Inghilterra, al largo della circoscrizione elettorale costiera del presidente della commissione EFRA, Sir Robert Goodwill. “Questo è un segnale di buon auspicio per il successo del nostro rapporto”, ha commentato il deputato conservatore.

“Abbiamo formulato molte raccomandazioni per aiutare a proteggere i mammiferi marini – nel Regno Unito e all’estero. Ma non avremmo mai potuto sperare, nemmeno nei nostri sogni più sfrenati, di vederli evidenziati da una balenottera minore al largo della costa del mio cortile a Scarborough. 

“Mi piace pensare che la balena chieda a tutti di leggere il rapporto – e chieda al governo di prendere sul serio le sue raccomandazioni”. 

Il rapporto della commissione EFRA evidenzia il fatto che balene e delfini nelle acque del Regno Unito affrontano un “mosaico” di minacce perché le misure per proteggerli sono ben poco paragonabili alle migliori pratiche a livello internazionale, come esemplificato dal Marine Mammal Protection Act degli Stati Uniti. 

I mammiferi marini svolgono un ruolo vitale nel mantenere un ecosistema sano e nel contribuire a combattere il cambiamento climatico, afferma il WDC, “tuttavia non sappiamo se le popolazioni di balene e delfini del Regno Unito siano in declino, stabili o in crescita”. 

“Gran parte della storia dei mammiferi marini rimane nascosta nelle profondità degli oceani”, afferma il comitato EFRA, chiedendo nuove soluzioni per monitorare le popolazioni, compreso un maggiore uso di satelliti, microfoni subacquei e intelligenza artificiale.

Monitoraggio delle catture accessorie

Secondo il rapporto, la più grande minaccia per i mammiferi marini è la cattura accidentale, ma gli attuali livelli di monitoraggio della pesca sono considerati insufficienti per valutare il numero di morti o feriti in questo modo nel Regno Unito. 

Il comitato vuole che il governo pubblichi un piano d’azione entro dicembre 2023 per introdurre il monitoraggio obbligatorio delle catture accessorie e collabori con i governi decentrati su un piano per ridurre significativamente il numero di catture accessorie. 

Ciò richiederà probabilmente l’uso di telecamere o osservatori fisici posizionati sulle navi e, a causa del costo e della difficoltà del compito, dovrebbe essere introdotto gradualmente nell’arco di diversi anni.

Il rapporto invita inoltre il governo ad accelerare l’azione volta all’attuazione e al rispetto delle aree marine altamente protette, progettate per consentire il recupero della vita marina.

Vuole anche smettere di dare ai paesi ancora impegnati nella caccia ai cetacei – Islanda, Norvegia, Giappone e Isole Faroe – un passaggio facile durante i negoziati sul commercio o sulla pesca. 

Il Regno Unito non dovrebbe stipulare nuovi accordi commerciali a meno che non includano impegni specifici per la conservazione dei mammiferi marini e deve fare di più per integrare le considerazioni ambientali, compreso il benessere degli animali, negli accordi di libero scambio. 

La relazione della commissione EFRA è intitolata Protezione dei mammiferi marini nel Regno Unito e all'estero. 

Anche su Divernet: L'inizio della fine per la caccia alle balene, Le megattere compaiono nel sud-ovest, Salvataggio di balenottere minori a ovest di Londra, I delfini alzano la voce contro il frastuono umano, Demenza dei delfini: è per questo che si arenano?

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x