Il produttore di CCR prende di mira gli aerei per combattere il Covid-19

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Il produttore di CCR prende di mira gli aerei per combattere il Covid-19

Dottor Daniel Reynolds

“È una corsa contro il tempo per assicurarsi partner per ulteriori studi clinici”, afferma il dottor Daniel Reynolds, fondatore del produttore britannico di rebreather a circuito chiuso Lungfish Dive Systems. 

Il dottor Reynolds ha spostato la sua attenzione dalle immersioni CCR alla sua iniziativa di trasformare alcune delle migliaia di aerei commerciali ora rimasti a terra vicino ai centri abitati a causa della pandemia di Covid-19 in camere di ossigeno iperbariche per curare i malati.

“Agli attuali tassi di mortalità, se il trattamento si dimostrasse efficace, la differenza di un giorno nella velocità di risposta potrebbe significare una differenza di migliaia di vite salvate”, afferma il dottor Reynolds.

Attualmente meno della metà dei pazienti affetti da Covid-19 sottoposti a ventilazione meccanica sopravvive al virus. L’ossigenoterapia iperbarica (HBOT), la respirazione di ossigeno sotto pressione, potrebbe impedire ai pazienti di peggiorare fino al livello al quale necessitano di ventilazione, afferma il dottor Reynolds – ma la carenza di camere HBOT ha impedito una seria considerazione di tale trattamento.

“Sono sicuro che questa idea sarà venuta in mente a molti subacquei – infatti ne abbiamo parlato spesso prima che la crisi diventasse davvero grave”, ha detto Divernet.

“Se l’ossigeno aiuta, perché non avere più ossigeno? Tuttavia, come tutti gli altri, davamo per scontato che i ventilatori sarebbero stati sufficienti per far fronte alla situazione fintanto che ne avessimo avuto abbastanza, e non ci abbiamo pensato seriamente”.

Mentre Lungfish veniva coinvolto nella progettazione di ventilatori per aiutare a far fronte alla crisi del coronavirus, il dottor Reynolds ha chiesto ai medici perché i pazienti ventilati avevano un tasso di sopravvivenza così basso, anche utilizzando kit di fascia alta.

“Quando abbiamo sentito la risposta – che erano morti per insufficienza multiorgano a causa di ipossia cronica, nonostante fossero ventilati – abbiamo subito pensato che l’O2 iperbarico potesse essere una soluzione.

“Abbiamo iniziato a consultarci con i nostri contatti nel campo della medicina iperbarica per valutare se potesse funzionare, e con i contatti nel settore aerospaziale e in altri settori come l’ingegneria civile per trovare un modo per ampliarlo”.

Gli aerei di linea commerciali possono essere pressurizzati a circa 1.6 volte la pressione atmosferica, il livello richiesto per un trattamento potenzialmente efficace.

“All'inizio avevamo immaginato che il trattamento potesse essere simile ai lunghi soggiorni sotto pressione utilizzati nel trattamento della malattia da decompressione. Tuttavia, sembra in questa fase che l’effetto dell’HBOT nel sopprimere l’infiammazione potrebbe essere altrettanto importante, se non di più, del superamento della barriera di diffusione di un polmone compromesso”, ha affermato il dottor Reynolds.

Gli esperimenti a Wuhan in Cina hanno mostrato miglioramenti nei pazienti dopo relativamente pochi trattamenti brevi.

Il dottor Reynolds sostiene che gli aerei utilizzati come camere HBOT improvvisate potrebbero alleviare la pressione sugli ospedali trattando un gran numero di pazienti in modo non invasivo per evitare che necessitino di cure intensive complete. La terapia potrebbe portare benefici anche ai paesi in via di sviluppo, dove sono disponibili meno strutture terapeutiche.

"Ho presentato questa idea al governo del Regno Unito attraverso contatti nella pubblica amministrazione non appena sono stato ragionevolmente sicuro che sia il trattamento che l'espansione (dell'aereo) avrebbero potuto essere pratici, intorno al 10 aprile", ha detto il dottor Reynolds DIVERTIMENTO. “So che altri hanno continuato a farlo, attraverso diversi canali all’interno del governo. 

“Crediamo che il governo ne sia consapevole ma non abbia ancora agito di conseguenza. Riteniamo che ciò sia dovuto alla mancanza di uno studio clinico conclusivo”.

23 Aprile 2020

Egli ritiene che vi siano tre ragioni principali per cui gli studi clinici non hanno avuto luogo.

In primo luogo, l’industria iperbarica ha emanato linee guida contro il trattamento dei pazienti affetti da Covid-19 per paura di complicazioni sconosciute o della diffusione del virus. "Le linee guida non vietano assolutamente gli studi" per "Covid-19, tuttavia danno questa impressione, nonostante l'opinione medica degli esperti sia esattamente il contrario", afferma il dott. Reynolds. 

Dice anche che nel Regno Unito le camere ospedaliere più adatte agli studi clinici sono ora chiuse, con il personale occupato a curare i pazienti.

All’estero, le sperimentazioni “imminenti” erano state ostacolate da problemi finanziari, di approvazione e di reclutamento dei pazienti. "Se la tecnica dovesse rivelarsi efficace, nel frattempo diverse migliaia di persone perderebbero la vita", afferma.

Tuttavia, l’industria aeronautica stava adottando “passi positivi” per attuare rapidamente il piano nel caso in cui gli studi clinici avessero avuto successo.

“Ci sono stati offerti sia aerei che camere iperbariche con cui effettuare le prove e il trattamento, e almeno un importante aeroporto, attualmente chiuso, ha segnalato la volontà di aiutare”.

A breve dovrebbe iniziare una sperimentazione clinica in un ospedale canadese La campagna di Lungfish per garantire le sperimentazioni nel Regno Unito può essere trovata qui.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x