Subacqueo del CCR “lasciato morire” dai trafficanti di cocaina

agente di polizia con pacco di cocaina recuperato
Un agente di polizia con un mattone della cocaina recuperata (NSW Police Force)

Un subacqueo con rebreather trovato privo di sensi vicino a pacchi contenenti 50 kg di cocaina è poi morto – e la polizia australiana ha cercato di determinare esattamente cosa gli è successo.

Il sub è stato trovato ieri mattina (9 maggio) sulla riva del fiume Hunter nel porto di Newcastle, nel Nuovo Galles del Sud, 160 chilometri a nord di Sydney. Passanti e paramedici hanno tentato di rianimarlo ricorrendo alla rianimazione, ma l'uomo è morto sul posto.

Secondo quanto riferito, la squadra australiana contro la criminalità organizzata e la polizia federale hanno identificato l'uomo come sudamericano, ma non ne hanno ancora fatto il nome. Si sta indagando se avesse recuperato la droga dallo scafo di una nave in un'operazione andata male. 

Ritengono inoltre che la cocaina trovata con lui fosse solo una parte di una spedizione che potrebbe ammontare a circa 300 kg, per un valore stradale stimato pari a oltre 11 milioni di sterline. Hanno già trovato altri 50 kg in pacchi impermeabili, ma temono che alcuni possano già essere in circolazione.

Il subacqueo è stato trovato nelle vicinanze di una nave portarinfuse registrata nelle Isole Marshall chiamata Areti GR, arrivato da San Lorenzo in Argentina il giorno prima dopo un viaggio di un mese attraverso il Pacifico trasportando farina di soia.

Veduta aerea del contrabbando di cocaina di Newcastle NSW
Il porto di Newcastle, dove è stato ritrovato il sommozzatore (Google Earth)

Erano state osservate due piccole imbarcazioni nelle vicinanze Areti GR la notte prima che il sub fosse trovato e la polizia stava cercando almeno altre due persone che sospettavano avrebbero lavorato con lui. "Queste persone sono fuggite, quindi è piuttosto disgustoso che quest'uomo sia stato lasciato a morire, indipendentemente da ciò in cui era coinvolto", ha commentato il sovrintendente del dipartimento Rob Critchlow. 

Gli agenti delle forze di frontiera australiane hanno perquisito la nave e interrogato l'equipaggio, che ora è stato riferito che tutti erano stati scagionati, mentre i sommozzatori della polizia continuavano a perquisire le acque circostanti.

Descrivendo Newcastle come un “punto di rischio” per il traffico di droga, la polizia ha indicato che era un approccio familiare – anche se “vecchia scuola” – per i sindacati della criminalità organizzata trasportare droghe illecite su navi internazionali all'insaputa degli equipaggi. Ogni anno circa 2,000 navi attraccano a Newcastle, perché è il più grande terminal australiano per le esportazioni di carbone.

La polizia ritiene che il subacqueo sarebbe entrato in Australia indipendentemente dalla nave. Non hanno specificato la marca del rebreather che stava usando, ma hanno chiesto ai negozi di immersione che avrebbero potuto vendere attrezzatura CCR o Sharkskin muta recentemente per contattarli. Vorranno anche scoprire quanta familiarità avesse con l'attrezzatura del rebreather.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x