Costruito per la velocità, non per il comfort termico

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Costruito per la velocità, non per il comfort termico

Grande bianco
Grande squalo bianco. (Foto: Elias Levy)

La maggior parte dei pesci sono a sangue freddo, ma circa 35 specie hanno sviluppato la capacità di riscaldare i muscoli, gli occhi e il cervello.

Il fatto di essere a sangue caldo, come il grande squalo bianco e il tonno rosso dell'Atlantico, consente a questi pesci di mantenere i loro corpi a una temperatura più elevata rispetto all'acqua circostante, ma solo ora gli scienziati credono di poter spiegare il motivo di ciò.

In precedenza era stato suggerito che, poiché i muscoli più caldi sono più potenti, consentono ai pesci di nuotare più velocemente, consentendo loro allo stesso tempo di sopravvivere a una gamma più ampia di temperature, rendendoli meno suscettibili al riscaldamento dell’oceano.

Il team internazionale di biologi marini provenienti da Irlanda, Australia, Stati Uniti, Tasmania, Hawaii e Giappone ha ottenuto quella che secondo loro è la prima prova diretta del vantaggio evolutivo dell'essere a sangue caldo. Hanno scoperto che i pesci potevano effettivamente nuotare fino a 1.6 volte più velocemente delle specie a sangue freddo, ma che non erano meglio attrezzati per far fronte ai cambiamenti climatici.

Una varietà di squali e pesci ossei sono stati catturati con amo e lenza in modo che i dispositivi di biolocazione potessero essere attaccati ai loro fini mentre venivano fissati accanto alla barca prima di rilasciarli rapidamente. I dati, comprese le temperature dell'acqua incontrate dai pesci nei loro habitat, nonché la loro profondità e velocità, sono stati combinati con i dati già disponibili.

La velocità extra mostrata probabilmente avrebbe reso gli animali migliori cacciatori e/o viaggiatori e li avrebbe aiutati a elaborare e identificare la preda, afferma il team, perché più velocemente nuotano, più velocemente un'immagine si muove attraverso i loro occhi.

14 luglio 2021

Molte delle specie a sangue caldo sono in pericolo, con il tonno rosso dell’Atlantico classificato come in via di estinzione e lo squalo bianco vulnerabile.

"I nostri risultati indicano che la capacità di riscaldare i loro corpi non consente loro di occupare intervalli di temperatura o profondità più ampi", ha affermato uno dei membri del team, Lucy Harding, dottoranda in fisiologia dei pesci al Trinity College di Dublino.

“Ciò significa che potremmo aver sopravvalutato la resilienza dei pesci a sangue caldo nell’affrontare i cambiamenti delle temperature oceaniche”.

Lo studio è pubblicato su Functional Ecology.

maggiore

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x