Corpo ritrovato sul relitto – testa ritrovata 120 anni dopo?

Subacqueo con la testa ma va bene con il corpo
Tuffatore con la testa marmorea di Eracle

Più di 120 anni dopo la scoperta del famoso relitto di Anticitera in Grecia, i subacquei sono stati in grado di spostare enormi massi per rivelare la testa monumentale di un antico eroe, oltre ad essere sorpresi di imbattersi in denti umani.

Leggi anche: I sub esplorano un antico relitto di marmo del Mediterraneo

Una squadra di sub della Scuola svizzera di archeologia in Grecia ha appena completato uno scavo di tre settimane del sito del relitto, iniziato il 23 maggio sotto la supervisione dell'Ephorate of Underwater Antiquities, parte del Ministero della Cultura e dello Sport. L'impresa, che rappresenta la seconda fase di un programma quinquennale iniziato lo scorso anno, è stata descritta come “ricca di reperti”. 

I sommozzatori tecnici Haris Mitrou, Nikos Giannoulakis e Dimitris Romios e quattro sommozzatori della Guardia Costiera stavano usando una miscela di gas per trascorrere del tempo sul relitto profondo 40-50 metri. 

La prima parte dell'operazione ha comportato la rimozione di diverse tonnellate di grossi massi che precedentemente avevano reso inaccessibile parte del relitto. I subacquei hanno attaccato il sollevamento borse ma utilizzava quello che veniva descritto come un innovativo sistema di gonfiaggio dalla superficie. Questo è stato sviluppato da Hublot Xplorations, il produttore di orologi svizzero Hublot è uno dei principali sponsor del programma.

Con una nuova area del sito esposta, gli archeologi hanno poi scoperto la testa di marmo, più grande della vita, di un semidio barbuto che sembrava rappresentare Eracle (Ercole) nello stile statuario Farnese. Si ritiene che appartenga probabilmente a una colossale statua senza testa che era stata scavata dal relitto subito dopo la sua scoperta nel 1900 ed esposta al Museo Archeologico Nazionale ad Atene.

Questa è la testa...
Questa è la testa… (Eforata delle Antichità Subacquee)
Corpo di Eracle
…ma si adatta a questo corpo? (Ilya Shrygin)

I sommozzatori hanno rinvenuto anche la base marmorea di un'altra statua con gli arti inferiori nudi di una persona, anche se a causa della spessa concrezione si è rivelata difficile l'identificazione.

Base in marmo sollevabile da subacquei
Sommozzatori sollevano base e gambe in marmo (Eforata delle Antichità Subacquee)
Dente
Sono stati rinvenuti anche denti umani (Eforata delle Antichità Subacquee)

"La grande sorpresa è arrivata dalla scoperta di due denti umani in una massa solida che conteneva anche tracce di rame", hanno detto gli archeologi. “L’analisi del materiale genetico aiuterà a determinare il sesso e altre caratteristiche genetiche della persona a cui appartenevano”.

Sono stati trovati anche molti altri oggetti, come chiodi di bronzo e di ferro e un peso di piombo per un'ancora di legno, insieme a masse informi di metallo incastonate in una concrezione pesante che potrebbero essere identificabili mediante la scansione a raggi X. 

Subacquei che sollevano 2
Operazioni di sollevamento (Eforata delle Antichità Subacquee)
Subacqueo che lavora sul sito
Sommozzatore al lavoro nel sito di Anticitera (Eforata delle Antichità Subacquee)

Situato vicino all'isola di Anticitera nel Mar Egeo tra Creta e il Peloponneso, il naufragio risale al 60 a.C. circa. È associato alla scoperta tra i suoi contenuti del “Meccanismo di Anticitera”, un tipo di calcolatrice considerato uno dei primi precursori del computer, oltre a statue e monete in marmo e bronzo.

Molti di questi oggetti furono estratti dalla Marina ellenica negli anni successivi a quelli in cui i pescatori di spugne si imbatterono per caso nel relitto nel 1900. Jacques-Yves Cousteau si immerse nel sito con licenza governativa nel 1976, ma fu solo nel 2012 che iniziarono le indagini archeologiche organizzate.

La Soprintendenza alle Antichità Subacquee curerà la conservazione dei reperti.

Il team archeologico era diretto dalla dottoressa Angeliki G Simossi, direttrice dell'Eforato delle Antichità di Eubea, e dal professor Lorenz Baumer dell'Università di Ginevra, e supportato dalla nave da ricerca Typhoon. La Fondazione Ekaterini Laskaridis è l'altro sponsor principale degli scavi.

Anche su Divernet: Il team britannico decifra il codice di Anticitera, I subacquei ritornano al relitto di Anticitera, Il braccio rotto potrebbe indicare la strada per statue di bronzo, I subacquei tecnici fanno nuove scoperte sul naufragio di Anticitera

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Robert Johnson
Robert Johnson
1 anno fa

Eeeek !!!

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x