Grandi nomi sostengono la campagna per il rispetto degli squali

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Grandi nomi sostengono la campagna per il rispetto degli squali

BBMGWEB

 I presentatori televisivi Steve Backshall e Hugh Fearnley-Whittingstall si sono uniti a Wendy Benchley, vedova del creatore di Jaws Peter Benchley, nel sostenere la richiesta di un giornalismo responsabile sugli squali da parte dell'organizzazione benefica britannica Bite-Back Shark & ​​Marine Conservation.

Decenni di titoli di giornale che etichettano gli squali come “mostri”, “assassini” e “bestie” hanno creato un clima di paura e disprezzo che sta ostacolando le iniziative di conservazione degli squali, afferma Bite-Back, che ha appena prodotto una serie di linee guida per i resoconti dei media degli incontri con gli squali.

Un recente sondaggio ha rivelato che il 46% delle persone in Gran Bretagna considera gli squali più terrificanti di ragni, serpenti e roditori messi insieme – e che il 64% preferirebbe che non esistessero.

11 agosto 2018

“È ora che i giornalisti comprendano come questi titoli sensazionali e queste falsità stiano perpetrando un odio verso gli squali che giustifica il loro massacro sconfinato”, ha affermato Backshall. “In quanto tale, penso che i media siano complici di uno dei più grandi stermini deliberati nella storia del nostro pianeta”.

Le popolazioni delle principali specie di squali, tra cui il grande squalo bianco, lo squalo martello, il pinna bianca oceanico e lo squalo volpe, sono diminuite del 90% negli ultimi 60 anni. Bite-Back afferma che circa 73 milioni di squali vengono massacrati ogni anno, e la Gran Bretagna è tra le 25 principali nazioni dedite alla pesca degli squali.

Eppure, nonostante i continui riferimenti al “terrore” nei media, in genere solo sei persone all’anno in tutto il mondo muoiono a causa dell’incontro con gli squali, afferma l’organizzazione benefica, che sottolinea che i cani uccidono circa 25,000 persone, mentre le mucche britanniche uccidono ogni anno più persone di tutti gli squali in tutto il mondo. il mondo.

“Gli squali stanno ricevendo una cattiva stampa che semplicemente non meritano”, ha detto lo chef e attivista Hugh Fearnley-Whittingstall. “Decenni di titoli sensazionali hanno privato gli squali del loro status di specie marine vitali e troppo spesso hanno lasciato il pubblico spaventato per poche ragioni.

"Apprezzerei qualsiasi mossa da parte dei media per denunciare equamente gli squali piuttosto che limitarsi a didascalie clickbait stanche e imprecise."

Bite-Back ha anche ottenuto il sostegno dell’ambasciatrice dell’oceano Wendy Benchley, il cui defunto marito è spesso citato come uno dei principali colpevoli della demonizzazione degli squali.

"Mentre il cinema è un luogo di intrattenimento, i giornali e i canali mediatici sono un luogo di fatti", ha affermato. “Per troppo tempo la stampa ha offuscato i confini tra realtà e finzione e l’ha fatta franca denunciando gli squali come mostri mangiatori di uomini quando semplicemente non era vero.

“Credo che questa costante rappresentazione degli squali come cattivi piuttosto che come eroi dell’oceano stia ostacolando gli sforzi di conservazione degli squali”.

"Nessun'altra creatura su questo pianeta viene descritta con un linguaggio provocatorio inteso a diffondere paura, panico e odio", ha affermato il direttore della campagna Bite-Back Graham Buckingham. “Di conseguenza, la semplice presenza di uno squalo in mare suscita titoli sensazionali e accattivanti.

“Siamo ansiosi di lavorare con la stampa e raggiungere un punto in cui gli incontri con gli squali siano riportati in modo accurato ed equo e in un modo che non metta a repentaglio il nostro pianeta blu”.

Per tutti i lettori di Divernet spinti a ricordare ai media offensivi una pratica responsabile nel riportare storie di squali, è possibile scaricare le nuove linee guida per i media di 15 pagine di Bite-Back.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x