Portalo ad Angelo

Trichechi crogiolanti, e dietro di loro l'Ortelius.

SUBACQUEO ARTICO

A bordo dell'avventura artica

Tra la Norvegia continentale e il Polo Nord si trova l'arcipelago norvegese delle Svalbard. L'immersione deve assumere la forma di una spedizione: PETER DE MAAGT sale a bordo

Una balena di sorprese post-immersione

Trichechi crogiolanti, e dietro di loro l'Ortelius.

GIRARSI!  Il dorso slanciato e la tipica dorsale alta a forma di falce pinna ha appena rotto la superficie.

Una balenottera minore! Avevamo appena terminato un'immersione sotto la banchisa artica. L'acqua era piena di krill, piccolo plancton e alghe in fiore, il che costituiva una sfida.

Alla scoperta della fauna selvatica artica

Several sea angels tried to hide between the krill, but once you pointed your torch on them their orange-red coloration in the tail and horn-like organs in the mouth gave them away.

Un'immersione impegnativa e le balenottere minori

Abbiamo provato a trovare il merluzzo artico nascosto sotto il lastrone di ghiaccio, ma la visibilità era così limitata che non ci siamo riusciti. Abbiamo deciso di interrompere l'immersione perché l'acqua gelida ci mordeva il viso e ci intorpidiva le dita.

Un po' seccati, siamo riemersi. La delusione però è stata di breve durata poiché ci siamo resi conto che la grande quantità di krill attirava sul sito anche le balenottere minori. Abbiamo visto ripetute immersioni di alimentazione da parte di almeno tre di questi giganti.

In genere, i visoni espirano una volta in superficie e poi si immergono per un periodo più lungo per nutrirsi. Tuttavia, abbiamo dovuto aspettare solo pochi minuti prima che ne riapparisse uno. Abbiamo assistito a questo spettacolo magico da molto vicino.

Questa è stata una vera immersione in spedizione: benvenuti alle Svalbard!

Natura e storia delle Svalbard

L'arcipelago delle Svalbard si trova nell'Oceano Artico e le isole sono conosciute per le loro distese di natura incontaminata. Storicamente, sia la caccia alle balene che la cattura di balene sono state le attività principali alle Svalbard, ma con una crescente consapevolezza la sostenibilità è diventata un principio guida.

La maggior parte delle Svalbard è stata dichiarata riserva naturale, parco, santuario o area altrimenti protetta. Ospita la natura incontaminata dell'Artico e una fauna selvatica unica in un ambiente aspro e fragile allo stesso tempo.

Dalla città mineraria al Portale dell'Avventura: Longyearbyen

Il cuore pulsante delle isole e l’insediamento principale è la città di Longyearbyen, situata sull’isola più grande dell’arcipelago, Spitsbergen. Longyearbyen è un'antica città mineraria dalla bellezza inquietante. Ovunque si possono vedere resti desolati di un'estrazione del carbone fallita. I tralicci di legno delle vecchie teleferiche che un tempo portavano giù il carbone sono oggi silenziosi testimoni del passato.

Il viaggio ha inizio: l'imbarco sull'Ortelius

Ma Longyearbyen è riuscita con successo a trasformarsi in una porta d'ingresso per tour avventurosi in visita alle Svalbard e all'Artico in generale. Le persone che vivono lì sono un curioso mix di avventurieri, scienziati e ambientalisti.

Siamo rimasti stupiti nel sentire che oggi non è possibile nascere, invecchiare o morire alle Svalbard. Non ci sono strutture per il parto, né per gli anziani (quando non sei più economicamente produttivo devi andartene) e non c'è posto dove seppellire le persone. Che bizzarro!

Ma la nostra visita a Longyearbyen dura solo mezza giornata e ci imbarchiamo sull'Ortelius, sul quale passeremo la settimana.

Dopo tutti i briefing obbligatori e aver preparato i nostri kit per le immersioni in acque fredde, possiamo finalmente andare a dormire in attesa di ciò che verrà.

Il sole non tramonta mai in questo periodo dell’anno e ci vuole un po’ di tempo per regolare il proprio orologio interno.

Testare le acque: l'immersione di check-out

Al mattino presto ci svegliamo avvolti da una nebbia mistica, il che significa rimandare l'immersione di check-out. Questa immersione si sarebbe rivelata essenziale perché molti problemi erano stati individuati e dovevano essere risolti.

PER ESEMPIO, un membro del team ha scoperto nel modo più duro che è essenziale chiudere la cerniera del tuo muta stagna correttamente. La sua immersione è stata molto breve; praticamente il tempo necessario per tuffarsi in acqua e rientrare nel RIB.

Orso polare delle Svalbard 1117
Un orso polare si avvicina alla nave.

Come puoi immaginare, aveva bisogno di una certa tolleranza per le battute. A peggiorare le cose, quella sera stessa uno schizzo dell'evento fu affisso sulla bacheca nell'area del bar.

Per il resto dei subacquei la visibilità era ragionevole. Sul fondo è stata vista una razza e diversi nudibranchi tra le alghe. Una foca del porto giocava intorno alle barche per le immersioni mentre finivamo la nostra immersione. Alcuni di noi sono poi partiti per una passeggiata esplorativa.

Tornato a bordo, l'Ortelius riprese il suo viaggio. Si mosse in avanti con un suono forte e implacabile, scricchiolando e schioccando mentre polverizzava il ghiaccio in frammenti. Quando si rompe, la scia di prua della nave la spinge via, lasciando un sentiero di acqua limpida da attraversare.

I gabbiani tridattili, con il loro verso acuto e nasale, kitti-weeeik, accompagnavano la nave tutto il giorno. Speravano di catturare il merluzzo polare, portato in superficie durante il risucchio creato dal ribaltamento di enormi pezzi di ghiaccio di tanto in tanto.

Un incontro umiliante con un orso polare

Non appena avvistavano uno sfortunato merluzzo, si emozionavano e litigavano per ogni singolo pesce tra le fessure.

Abbiamo visto grandi aggregazioni di uccelli marini, un misto di gabbiani, sule e pulcinelle di mare. Ovunque guardassimo potevamo vedere diversi tipi di alche, e uno di noi ha coniato il nome “aspirante pinguino”.

Gli alca sono superficialmente simili ai pinguini con la loro colorazione in bianco e nero, la postura eretta e alcune delle loro abitudini. Possono “volare” sott'acqua ma, pur essendo ottimi nuotatori e subacquei, hanno un'andatura goffa.

Il termine "pinguino" deriva da una specie di alca artica: l'alca maggiore. Era un uccello marino e, come i pinguini dell'emisfero australe, non volava ed era molto agile nell'acqua ma estremamente goffo sulla terra.

Sfortunatamente, l’alca impenne si estinse nel 1844 a causa della caccia umana e del furto delle uova.

Adeguare l'itinerario: affrontare la sfida artica

COME ERA A spedizione combinata di immersioni e orsi polari, abbiamo trascorso il giorno successivo cercando di trovare gli orsi. Secondo la brochure di vendita, il piano originale era di navigare a nord di Spitsbergen, fino alle isole Sjuoyane, dove c'erano ottime possibilità di avvistarli, ma presto ci siamo ritrovati in mezzo ai banchi di ghiaccio.

Il vento aveva spinto la banchisa sul nostro percorso, formando una fitta calotta di ghiaccio. L'Ortelius può resistere alla banchisa, ma i gommoni non sarebbero in grado di lasciare la nave, il che significa che sarebbe impossibile immergersi o esplorare la terra.

Quindi il capitano ha deciso di deviare dalla rotta prevista e tornare sui propri passi. La natura ha deciso il percorso, rendendo il viaggio una vera e propria spedizione.

La brochure suonava vera: “Questo itinerario è solo indicativo. I programmi possono variare a seconda delle condizioni meteorologiche e del ghiaccio locale. La flessibilità è fondamentale per le crociere esplorative”.

Abbiamo visto anche gli orsi polari. Il capo spedizione individuò un minuscolo punto giallo che si muoveva leggermente sul ghiaccio, insieme a diversi uccelli, e questo fu il segnale per il capitano di prendere la rotta in quella direzione. Ha spostato abilmente l'Ortelius fino a poche centinaia di metri dall'orso e noi ci siamo avvicinati lentamente per non disturbarlo.

Da poche centinaia di metri avevamo un'ottima vista e la possibilità di scattare buone foto. L'orso era un maschio maturo molto grande, in buone condizioni fisiche. Si trovava accanto alla carcassa di una foca barbuta, di cui erano rimaste intatte solo la pelle e la gabbia toracica.

Le ossa erano state ripulite dai gabbiani. Era uno spettacolo impressionante.

Poco dopo abbiamo visto un secondo maschio adulto, più piccolo. Non mostrò segni di paura e si avvicinò a poppa.

La sua lingua entrava e usciva costantemente dalla bocca, suggerendo che stesse cercando di valutare meglio le cose con il suo senso dell'olfatto.

Cenare con gli orsi polari: un'esperienza artica unica

Poiché la cena stava per essere servita sulla nave, immagino che fosse interessato a mangiare un boccone. Che modo di concludere la giornata, con questo delizioso antipasto per le prelibatezze a venire.

Immersioni sotto i banchi di ghiaccio: un'esperienza indimenticabile

UN ALTRO TENTATIVO È STATO fatto per tuffarsi nel pack. Il leader dell'immersione è riuscito a trovare un lastrone di ghiaccio relativamente piccolo e, poiché era abbastanza lontano dal ghiaccio denso, è stato dichiarato sicuro immergersi.

Again we were greeted by a large amount of plankton and krill, so we decided to venture just beneath the edge of the ice. Because it was a relatively thin floe there was a very strange current beneath the surface, and although we felt as if we were circling the floe we came up at the same point where we had entered.

Una credenza comune è che il ghiaccio sottile sia dannoso, ma la nostra guida subacquea ha spiegato che banchi più sottili possono avere un effetto positivo, poiché più luce può penetrare nelle profondità in cui sono disponibili i nutrienti, consentendo agli organismi di crescere.

Di conseguenza, più alghe e batteri possono svilupparsi nell’acqua appena sotto la calotta glaciale per nutrire creature marine più grandi.

1117 angelo marino delle svalbard
Gli angeli marini sono lumache marine pelagiche – si è sviluppato il tradizionale piede di lumaca alaappendici simili, da qui "angelo"

Il complesso ecosistema sotto il ghiaccio

Parte di questo cibo viene immediatamente consumato dagli animali che vivono in alto nella colonna d'acqua. I pezzi più pesanti possono affondare sul fondo per nutrire gli abitanti dei fondali marini. Le alghe sono la fonte di cibo per il krill, piccoli crostacei simili a gamberetti che costituiscono l'alimento principale per la maggior parte degli animali artici: foche, balene, pinguini e altri uccelli e pesci.

L'operazione di immersione è semplice: sono previste una o due immersioni al giorno sotto il ghiaccio sottile, lungo le pareti, dalla riva o dai gommoni. A causa della posizione remota e della mancanza di strutture di emergenza nelle vicinanze, la profondità massima è fissata a 20 metri.

Una delle immersioni in gommone era vicino a Danskegattet Likholmen Rock, un sito storico perché è vicino al punto in cui partì la spedizione artica in mongolfiera dello svedese Salomon August Andrée del 1897 nel tentativo di raggiungere il Polo Nord. Fallirono e tutti i membri della squadra morirono. Sulla spiaggia vicina al sito è ancora possibile vedere la base di lancio.

Il fondale marino variava da 5 a 50 metri e aveva una pendenza graduale. Siamo entrati in 5 metri d'acqua e siamo scesi a circa 20 metri per vedere molte creature, grandi e piccole, tra le alghe e nella colonna d'acqua.

Several inch-long sea-butterflies danced before our maschere, moving in and out of camera focus and making us forget the extreme cold hitting our faces.

Ritornando all'Ortelius, che si era riposizionato al largo di Amsderdamoya, abbiamo visitato il bottino di trichechi a Smeerenburg. Il gruppo di trichechi stava prendendo il sole sulla sabbia e alzò letargicamente la testa per guardarci intorno una o due volte.

Concludere la spedizione: l'immersione finale

UNA DELLE MIGLIORI le immersioni sono state le ultime. Al mattino abbiamo visto diverse balene blu dalla nave, un inizio di giornata promettente. Nel pomeriggio i gommoni sono partiti per immergersi a Sagaskjeret, una piccola isola nella baia di Alkornet.

Il sito aveva molte alghe e la vista era impressionante, ma l'acqua era fredda a zero gradi. Lo scenario sottomarino era favoloso, con canaloni e passaggi attraverso cui nuotare.

Le pareti erano di un bianco limpido, come le bianche scogliere di Dover, mentre il fondale era ricoperto di macerie grigio-marroni. Sui muri crescevano alghe verdi. Questo era uno scenario grandangolare ideale, ma eravamo predisposti per la macro, data la scarsa visibilità delle immersioni precedenti.

Abbiamo comunque apprezzato immensamente il sito. Le rocce erano ricoperte di vita, sulla loro superficie vivevano anemoni e migliaia di ricci di mare. Dopo l'immersione, abbiamo fatto una passeggiata a terra, salendo sulla cresta di Alkornet per goderci lo splendido scenario e scattare foto alle renne che passavano.

Per i subacquei, questa destinazione remota e strabiliante offre l'opportunità di avventure difficili da eguagliare e la possibilità di trascorrere del tempo immergendosi con creature marine raramente incontrate altrove, come lumache alate e angeli marini.

Le immersioni nelle acque polari non sono paragonabili a nessun'altra immersione; la combinazione di acqua molto fredda, luce solare, krill, plancton e banchi di ghiaccio crea uno spettacolo che non è mai lo stesso di giorno in giorno.

Oltre ad esplorare sotto la calotta glaciale, puoi partecipare ad escursioni a terra e goderti alcune delle migliori opportunità di incontri ravvicinati con la vita artica sulla terraferma. Questa combinazione ti assicura di ricordarla come un'esperienza irripetibile.

FATTO

COME ARRIVARE> Voli giornalieri da e per le Svalbard, di più in estate. La maggior parte sono da e per Tromsø (due ore), ma in estate puoi volare direttamente da Oslo (tre ore).

IMMERSIONI E ALLOGGIO> Puoi prenotare qualsiasi cosa, da piccole imbarcazioni che trasportano circa 10 passeggeri per crociere esplorative informali a grandi navi rinforzate per il ghiaccio o rompighiaccio che trasportano da 150 a 200 passeggeri. Sia Ortelius che Plancius trasportano 116 passeggeri in 53 cabine, spedizioni in tutto l'oceano

QUANDO ANDIAMO> Le Svalbard si trovano molto a nord ma hanno un clima relativamente mite rispetto ad altre zone a questa latitudine. La temperatura media a Longyearbyen varia da -14°C in inverno a 6°C in estate, che è il periodo migliore per visitarla, tra maggio e settembre. Negli altri mesi l'arcipelago gela.

I SOLDI> Corona norvegese, ma sulle navi più grandi è possibile pagare in sterline, euro o dollari americani. Le Svalbard non hanno IVA o tasse speciali su alcol o tabacco e buoni prezzi su una vasta gamma di prodotti, ma le merci portate da lì alla terraferma necessitano di sdoganamento all'arrivo, quindi ci sono limiti a ciò che può essere acquistato esentasse.

PREZZI> Il prossimo viaggio Ortelius di 11 notti nell'Artico con immersioni subacquee opzionali è a maggio 2018 e i prezzi vanno da 3150 a 5750 euro a persona, a seconda del tipo di cabina. Wildfoot Travel offre anche viaggi di 9 o 10 notti su Plancius nel luglio 2018, da £ 3691-4200 a persona, viaggio a piedi selvaggi

Informazioni sui VISITATORI> visita Sval Bard

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x