L'apneista a pelle nuda batte il record di profondità del ghiaccio 

Insanguinato ma trionfante: David Vencl dopo la sua immersione sotto il ghiaccio
Insanguinato ma trionfante: David Vencl dopo la sua immersione sotto il ghiaccio

Indossando solo calzoncini, fini, cappuccio e mask, "L'uomo del ghiaccio ceco" David Vencl ha conquistato il record mondiale di apnea dopo aver completato un'agghiacciante immersione verticale di 52.1 m attraverso un buco di ghiaccio nel lago svizzero di Sils.

Vencl, che ha 40 anni, ha conquistato il record per l'immersione più profonda sotto il ghiaccio in costume da bagno tutto d'un fiato il 14 marzo, anche se dovrà essere ufficialmente verificato dal Guinness World Records. Gli ci sono voluti 1 minuto e 54 secondi per recuperare un tag dalla linea di discesa e riemergere, un po' più lentamente di quanto si aspettasse.

Leggi anche: Niente pinne, 1 respiro, 4+ lunghezze, 7° record mondiale

Nonostante abbia sputato sangue in superficie, l'apneista ha stappato rapidamente una bottiglia di champagne per celebrare la sua impresa e un successivo controllo medico non ha rilevato danni fisici. La temperatura dell'acqua nel sito vicino a St Moritz era compresa tra 1 e 4°C e la temperatura dell'aria intorno a 4°C.

La resistenza al freddo estremo è stata fondamentale anche quando Vencl è diventato detentore del Guinness World Record due anni fa. L'immersione in apnea era avvenuta sul piano orizzontale, mentre l'apneista nuotava per 81 metri tra le buche di ghiaccio in un lago ceco ghiacciato, senza indossare né mutafini. L'immersione, durata 1 minuto e 35 secondi, è ancora il record è stato riportato on Divernet.  

L'apneista David Vencl stappa lo champagne
Vencl stappa lo champagne

Vencl ha detto del suo ultimo risultato: “Non ho migliorato alcune prestazioni precedenti con questo record, ma ho percorso completamente un percorso che nessuno ha mai percorso prima. Certo, ci sono stati alcuni tentativi di scendere in profondità nel ghiaccio, ma sempre solo con la muta, il che fa un’enorme differenza”.

“Lungo, duro e doloroso”

Vencl descrisse il suo formazione regime per il tentativo di profondità come “lungo, duro e doloroso”. Ha detto che due delle sue preoccupazioni principali erano se sarebbe stato possibile bilanciare la pressione fino a una profondità di 50 metri in condizioni di freddo e se ci sarebbe stato un rischio di barotrauma in qualsiasi parte del suo sistema respiratorio.

Lui e la sua squadra erano giunti alla conclusione che, sebbene esistesse un rischio, l'immersione difficilmente avrebbe causato danni gravi o permanenti. “Cammino sul limite, ma sempre sicuro e in controllo”, ha detto. “Non voglio farlo di nuovo. Ci ho provato e andiamo avanti”.

Come apneista competitivo, Vencl è classificato all'ottavo posto nella Repubblica Ceca dall'ente governativo mondiale AIDA ed è il Bi-Assetto Costante nazionale.fini campione (78 m di profondità). Guarda la sua ultima immersione nel ghiaccio on YouTube.

Anche su Divernet: Rompighiaccio: l'apneista stabilisce il record mondiale in speedos, Rompighiaccio: crollano i record di apnea, Nuovo sport? È il wakeboard sotto il ghiaccio!, Ice cool

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x