Individuato il luogo del naufragio più tragico d'Australia

Montevideo Maru, vista nel 1941
Montevideo Maru, vista nel 1941

Il relitto della nave da trasporto giapponese della Seconda Guerra Mondiale Montevideo Marù, affondato da un sottomarino statunitense in quello che è considerato il peggior disastro marittimo dell'Australia, è stato ritrovato a più di 4 km di profondità nel Mar Cinese Meridionale al largo di Luzon, nelle Filippine.

Il capitano e l'equipaggio della USS Storione non erano a conoscenza di chi fosse trasportato dalla nave giapponese senza contrassegni. Il sottomarino ha inseguito la nave da 7,267 tonnellate Montevideo Marù tutta la notte e, utilizzando quattro siluri, la affondò in poco più di 10 minuti prima dell'alba del 1° luglio 1942.

Leggi anche: Dov'è andata Blythe Star? Risolto il mistero lungo 50 anni

USS Sturgeon (US Navy) il sottomarino che involontariamente silurò una nave piena di prigionieri di guerra australiani
Il sottomarino USS Storione (Marina americana)

Successivamente è emerso che a bordo erano presenti 845 prigionieri di guerra australiani e 209 civili, alcuni provenienti da altri paesi ma tutti catturati nella battaglia di Rabaul in quella che allora era la Nuova Guinea, pochi mesi prima. Gli unici sopravvissuti furono circa 20 delle 88 guardie e membri dell'equipaggio giapponesi.

Il relitto è stato scoperto dopo quasi cinque anni di ricerca e pianificazione da parte della Silentworld Foundation con sede a Sydney, guidata dall'uomo d'affari australiano, filantropo ed esploratore di storia marittima John Mullen. La fondazione sostiene e promuove l'archeologia, la storia, la cultura e il patrimonio marittimo dell'Australasia.

Silentworld ha lavorato al progetto con lo specialista olandese di indagini in acque profonde Fugro, utilizzando la sua nave Fugro Equatore, sostenuto dalla Rabaul & Montevideo Maru Society e dal Dipartimento della Difesa australiano.

“Capitolo terribile”

Il relitto è stato trovato 110 km a nord-ovest di Luzon il 18 aprile, dopo una ricerca durata 12 giorni utilizzando un AUV con scansione sonar incorporata. Il team del progetto composto da archeologi marittimi, conservatori, specialisti di operazioni e ricerca ed ex ufficiali della marina è stato in grado di identificare il relitto dalle immagini emerse. Il sito è stato registrato ma non sarà disturbato.

Come le scansioni AUV si allineavano con i piani della Montevideo Maru (Fondazione Silentworld / Fugro)
Come le immagini AUV hanno identificato il Montevideo Marù (Fondazione Silentworld/Fugro)

“La scoperta del Montevideo Marù chiude un capitolo terribile nella storia militare e marittima australiana”, ha commentato Mullen. “Le famiglie hanno aspettato anni per avere notizie dei loro cari scomparsi, prima di apprendere il tragico esito del naufragio. Alcuni non sono mai arrivati ​​ad accettare del tutto che i loro cari fossero tra le vittime. 

“Oggi, ritrovando la nave, speriamo di dare pace alle tante famiglie devastate da questo terribile disastro… Sono orgoglioso di essere cittadino di un Paese che non dimentica mai né smette di cercare coloro che sono dispersi durante il loro dovere, qualunque cosa accada. quanti anni potrebbero passare”.

I primi commando

I fratelli Sidney, Dudley e Daryl Turner avevano tutti fatto parte della 1st Independent Company, i primi commando australiani, e morirono insieme nella tragedia. Il loro discendente Andrea Williams, che contribuì a fondare i Rabaul e Montevideo Marù La società nel 2009 era a bordo Fugro Equatore quando fu localizzato il naufragio.

«Avendo avuto un nonno e un prozio come internati civili Montevideo Marù ha sempre significato che la storia fosse importante per me, così come lo è per tante generazioni di famiglie i cui uomini sono morti", ha detto. "Far parte del team di Silentworld che ha ritrovato il relitto è stato estremamente emozionante e anche appagante."

I parenti di oltre 20 vittime del naufragio avevano già ringraziato Silentworld sulla sua pagina Facebook poche ore dopo la diffusione della notizia della scoperta.

“I soldati, i marinai e gli aviatori australiani che avevano combattuto per difendere Rabaul si erano arruolati da tutto il paese per prestare servizio, e incontrarono un terribile destino in mare sul Montevideo Marù", ha detto il tenente generale Simon Stuart, capo dell'esercito australiano. 

“Oggi ricordiamo il loro servizio e la perdita di tutte le persone a bordo, comprese le 20 guardie e l’equipaggio giapponesi, i marinai norvegesi e le centinaia di civili provenienti da molte nazioni… Una perdita come questa attraversa i decenni e ricorda a tutti noi il costo umano del conflitto. Per non dimenticare.

in 2009 Mondo silenzioso ha risolto un mistero durato 180 anni individuando il sito del relitto dell'HMCS Sirena, perso sulla barriera corallina del Queensland nel 1829, e nel 2017 ha contribuito a localizzare il primo sottomarino australiano HMAS AE1.

Morte di un subacqueo a Malapascua

Un sub americano è morto durante una delle regolari immersioni mattutine a Kimod Shoal per osservare gli squali volpe al largo dell'isola di Malapascua, nelle Filippine.

Mark Alan Shea, 67 anni, si stava immergendo con un divemaster e altri due subacquei stranieri intorno alle 7.20 di ieri (21 aprile). A circa sei minuti dall'inizio dell'immersione la guida lo vide iniziare ad affondare, lo recuperò e lo riportò in superficie privo di sensi. 

Il CCR è stato applicato sulla barca, che si trovava a circa 30 minuti da Malapascua. Shea è stato dichiarato morto dopo ulteriori tentativi di rianimarlo in un ospedale di Daanbantayan, sulla terraferma di Cebu. La polizia stava aspettando il permesso dei parenti di Shea per eseguire un Post mortem visita medica.

Anche su Divernet: Relitti di guerra storici e profondi situati nelle Filippine, Immersione virtuale sul sottomarino giapponese della Seconda Guerra Mondiale, Vescovo si immerge nel relitto più profondo del mondo Sammy B, Storia fatta con l'immersione sui relitti più profondi

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x