I subacquei australiani identificano il veliero in ferro

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

I subacquei australiani identificano il veliero in ferro

KGS X

Suono di Re Giorgio

All'inizio dell'anno il subacqueo australiano Marc Payne ha scoperto il relitto di quello che credeva fosse il Herschel, uno dei primi velieri in ferro costruiti in Inghilterra a metà del XIX secolo. 

La sua scoperta, a 15 miglia al largo di Albany, all'estremità sud-occidentale del paese, è stato segnalato su Divernet a gennaio; e ora, verso la fine dell'anno, i sommozzatori archeologici del Western Australian Shipwrecks Museum hanno confermato la sua teoria.

Payne aveva detto al West Australian che, sebbene avesse segnalato molti naufragi al museo nel corso dei 30 anni in cui si era immerso per la ricerca dell'abalone, questa era stata la prima volta che la posizione non era stata ufficialmente registrata.

50m Herschel è stato costruito nel 1857 dalla Canada Works a Birkenhead. Tra il 1870 e il 1880 aveva trasportato migranti tedeschi, molti dei quali speravano di prosperare grazie alla corsa all'oro nel Queensland.

Le HerschelIl capitano di era stato portato davanti a una commissione d'inchiesta nel 1877, in seguito alle denunce dei passeggeri per il duro trattamento subito durante un viaggio da Amburgo - ma la commissione aveva concluso che erano stati trattati relativamente bene, rispetto a quelli della maggior parte delle navi migranti .

In 1893 l' Herschel fu convertito in una nave di carbone per una compagnia norvegese a Port Adelaide e rimorchiato nell'Australia occidentale. Quattordici anni dopo fu affondata al largo dell'isola interna nel King George Sound.

Payne si era imbattuto in quelli che sembravano frammenti dello scafo e li aveva seguiti fino a circa 22 metri, dove aveva trovato la prua.

7 Dicembre 2019

La squadra di sommozzatori del museo ha confermato l'identità del relitto ed ha espresso sorpresa ad ABC News che, sebbene la prua e la poppa si fossero staccate, gran parte della struttura era rimasta intatta, con i resti sparsi su un'area di 100 metri quadrati.

Stanno ora creando un modello 3D fotogrammetrico del sito e affermano che la scoperta di Payne fornirà una preziosa visione della storia marittima dell’Australia occidentale.

Payne ha detto che con la buona visibilità nella zona, la fiorente vita marina e molto ancora da vedere sul relitto, lo renderebbe un sito attraente da visitare in futuro per i subacquei.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x