Il Titanic del suo tempo

Lavorando sul collare di ancoraggio
Lavorando sul collare di ancoraggio
Alexander Sotiriou
Alexander Sotiriou

Il sito profondo di un relitto romano fu trovato vicino a Creta oltre un secolo fa. Tra gli altri manufatti ha prodotto il più antico conosciuto al mondo computer.

Cousteau, inevitabilmente, era lì, ma solo di recente i subacquei hanno messo in gioco la tecnologia moderna, riferisce ALEXANDROS SOTIRIOU, membro del team. Foto di ALEXANDROS TOURTAS

Stai andando alla deriva fuori rotta in mari inesplorati durante una tempesta. La tua nave è un veliero in legno, senza motore o apparecchiature elettroniche, ed è pesantemente carico di preziose opere d'arte.

Le onde continuano a torturare la nave e ogni uomo a bordo è impegnato a lottare per controllare l'innalzamento del livello dell'acqua nelle stive.

Il suono brutale delle onde che si infrangono sulle rocce vicine ti dà speranza per la tua salvezza, poiché la nave presto affonderà.

È così che ci si deve sentire a bordo della nave romana che affondò al largo dell'isola di Anticitera, a circa 20 miglia nautiche a nord-ovest di Creta, nel Mar Egeo, intorno al 60-50 a.C.

Mappa di Anticitera
Mappa di Anticitera

"La nave era molto probabilmente una delle più grandi dell'epoca, si ritiene fosse lunga più di 40 metri e larga almeno 14 metri, con una profondità minima dello scafo di 6.5 metri e una capacità di carico da 2.3 a 2.5 tonnellate", afferma Aggeliki. Simosi, capo dell'Eforato greco delle antichità sottomarine (EUA) e direttore del Progetto Antikythera 2012.

La nave era stata probabilmente noleggiata da un ricco mercante per trasportare una selezione di opere d'arte.

Altre statue
Altre statue

Il carico comprendeva statue di bronzo e di marmo ma anche vari altri manufatti insoliti, come il Meccanismo di Anticitera, ora riconosciuto come il primo "Meccanismo" conosciuto al mondo.computer".

Il Meccanismo di Anticitera, 2000 anni prima dei Mac
Il Meccanismo di Anticitera, 2000 anni prima dei Mac

Si trattava di uno strumento complesso in grado di calcolare la posizione di alcune stelle e pianeti ed era anche in grado di prevedere le eclissi di sole e luna.

Anticitera è un'isola abbastanza piccola (6.5 miglia di lunghezza, due miglia di larghezza) situata strategicamente su un'affollata rotta commerciale marittima che collega le coste orientali e occidentali del Mediterraneo.

È stata abitata fin dall'antichità e prosperò fino alla seconda guerra mondiale, quando circa 800 abitanti di Anticitera furono evacuati a Creta dalle forze di occupazione tedesche.

Oggi sull’isola vivono meno di 30 persone, che è collegata al resto della Grecia solo tre volte a settimana tramite il servizio di traghetti.

Il suo negozio è anche un bar, una taverna e un ufficio postale. Non ci sono trasporti pubblici, le strutture sanitarie sono essenziali e il tempo scorre molto lentamente.

INTORNO ALLA PASQUA 1900, una piccola barca a vela che trasportava un gruppo di pescatori di spugne greci con l'elmetto protettivo trovò rifugio sulla costa di Anticitera durante una tempesta. Uno di loro si è preparato per raccogliere frutti di mare per l'equipaggio.

Le scogliere rocciose scendevano quasi verticalmente da un'altezza sopra il mare fino a una profondità di oltre 40 metri. Con una visibilità di almeno 30 metri, il subacqueo poteva vedere il fondo molto prima di raggiungerlo, ma difficilmente poteva credere ai suoi occhi.

Figure umane e animali pietrificate erano sparse ovunque sul fondo del mare sotto di lui. Guerrieri in lotta, donne danzanti, cavalli in corsa: tutto era parzialmente sepolto nella sabbia.

Pensava che la narcosi da azoto potesse giocargli brutti scherzi. Afferrando uno dei bracci che sporgevano dalla sabbia, fece segno al tender di salire. L'equipaggio non avrebbe mai creduto alla sua storia senza prove.

I pescatori di spugne tornarono presto con attrezzatura e supporto sufficienti per condurre il primo recupero archeologico sottomarino conosciuto per il governo greco.

I lavori iniziarono nel 1901 e durarono quasi due anni. La capsula del tempo, vecchia di 2000 anni, è stata aperta, riportando alla luce informazioni e manufatti preziosi.

Le condizioni di lavoro erano estreme e spesso pericolose. Con profondità di immersione fino a 70 metri, i subacquei potevano trascorrere pochissimo tempo sul fondo, ma correvano comunque un alto rischio di malattia da decompressione. Non tutti sono riusciti a tornare sani e salvi e alcuni sono addirittura morti.

Il lavoro divenne sempre più impegnativo man mano che i risultati diminuivano. Si decise di abbandonare i lavori nel momento in cui sul fondo non rimanevano resti importanti.

Famosi reperti includono il Meccanismo di Anticitera, le statue del Giovane e del Filosofo, parti di altri bronzi, 36 statue di marmo e una serie di altri manufatti.

I resti del Filosofo
I resti del Filosofo

Più di 70 anni dopo, Jacques Cousteau e il suo team hanno visitato l'antico relitto per girare un documentario.

I progressi tecnologici rispetto alla spedizione precedente hanno fatto sì che in pochi giorni i subacquei fossero riusciti ad arricchire ulteriormente la collezione di manufatti, ora ospitata presso il Museo Archeologico Nazionale di Atene.

NELL'OTTOBRE DELL'ANNO SCORSO, un team internazionale di archeologi e subacquei greci, americani e britannici ha visitato nuovamente Anticitera.

Gli obiettivi del Progetto Antikythera 2012 erano di esaminare l'intera costa sottomarina fino a una profondità di 40 metri, ricollocare il sito del relitto e condurre un progetto completo di archeologia subacquea.

Ogni operazione verrebbe attentamente documentata per produrre a digitale database con rapporti dettagliati, immagini fisse e video.

Erano disponibili rebreather a circuito chiuso all'avanguardia, veicoli di propulsione subacquea e telecamere ad alta definizione, insieme al supporto tecnologico e finanziario della Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI).

I membri del team hanno trascorso una settimana a Heraklion, a Creta, rinfrescando le loro abilità subacquee e controllando attrezzature e procedure. Il proprietario del centro immersioni locale, Dimitris Drakos, fornirebbe supporto, comprese le barche.

IL PRIMO COMPITO all'arrivo ad Anticitera dovevamo stabilire la nostra base costiera. Un hotel moderno con vista sul porto, con 12 camere e una cucina completamente attrezzata, fornito di tutto ciò di cui avevamo bisogno. Avevamo procurato provviste per un soggiorno di 20 giorni.

La barca per le immersioni da 10 metri e un RIB di supporto da 7 metri sono stati portati al porto ed è stata allestita una stazione di rifornimento. Sono stati installati ossigeno ed elio sufficienti, due compressori a carburante e una pompa booster a gas.

Le attrezzature di pronto soccorso e le disposizioni per l'evacuazione con l'elicottero facevano parte di un piano di emergenza dettagliato, mentre i restanti dettagli venivano definiti sul posto.

Gli archeologi subacquei Dr Theotokis Theodhoulou dell'EUA, Dr Brendan Foley e Alex Tourtas dell'OMS, sono stati molto sistematici.

Il terreno sottomarino è roccioso e altamente anomalo, rendendo impossibile distinguere tra oggetti artificiali e naturali sul fondale marino utilizzando apparecchiature di rilevamento acustico del fondale.

Inoltre, le numerose rocce che si estendono fino a 20 metri sopra il fondale marino circostante potrebbero rappresentare un serio pericolo per le attrezzature oceanografiche subacquee trainate.

I subacquei in grado di gestire tempi sott'acqua molto lunghi e di coprire comodamente lunghe distanze hanno dovuto osservare visivamente il fondale, aiutati dai CCR e dai DPV.

Le immersioni si basavano principalmente su profili di non decompressione multilivello con algoritmo VGM, partendo da 40 metri e risalendo di 5 metri ogni volta che il limite di non decompressione scendeva a due minuti.

CON 90 MINUTI tempi di fondo e tre squadre sovrapposte, il primo compito è stato portato a termine in soli otto giorni lavorativi, coprendo 22 miglia di costa.

I sommozzatori EUA Manolis Tzefronis e Louis Mercenier hanno presidiato la barca di sicurezza, seguendo i progressi tramite un protocollo di segnalazione SMB. Sono stati rilevati vari punti di interesse per le operazioni future.

Avevamo un'idea approssimativa della posizione del relitto sulla base di appunti e descrizioni di operazioni precedenti, ma nessuna posizione fissa.

Io e il subacqueo tecnico britannico Phil Short abbiamo esaminato un'ampia area fino a 65 metri utilizzando il trimix, rispettando i tempi di decompressione massimi di 30 minuti.

Ci ha aiutato a comprendere e ricordare la topografia del fondale e abbiamo potuto eliminare la narcosi dall'equazione.

I detriti di un antico naufragio potevano essere riconosciuti anche quando si scivolava sul fondo ad alta velocità.

Pezzi di ceramica sparsi ci hanno portato al carico. Le anfore caratteristiche del relitto erano state studiate dal team nella mostra dedicata al Museo Archeologico Nazionale di Atene, e i subacquei ne furono certi quando inviarono un SMB con la nota "trovato il relitto" che il famoso sito del naufragio di Anticitera era stato ricollocato .

E vetro, tutti trovati sul luogo del relitto
E vetro, tutti trovati sul luogo del relitto

Il carico e alcune parti resistenti alla decomposizione in piombo, bronzo ecc. sono tutto ciò che si può vedere sul fondo del mare. È probabile che i resti di legno vengano trovati solo se sepolti sotto la sabbia.

Il vantaggio delle moderne tecniche di immersione è che puoi rimanere in sicurezza per 30-40 minuti a profondità dove i subacquei delle spedizioni precedenti non avrebbero potuto trascorrere più di 5-10 minuti.

Di conseguenza siamo stati in grado di documentare tutte le parti visibili del carico e del relitto.

Le dimensioni del sito sono state attentamente misurate da Alex Tourtas. I reperti sparsi su una superficie di 60 x 20 metri indicavano uno dei più grandi carichi antichi mai ritrovati. Ed O'Brien, ufficiale di sicurezza subacquea dell'OMS e sommozzatore della squadra di spedizione, descrisse la nave, in base alle sue dimensioni, come il “Titanic del suo tempo”.

Sono stati raccolti campioni di carico per aiutare a identificare con certezza il relitto. È stata individuata e sollevata anche una parte di ancoraggio in piombo.

I depositi di calcio sulla superficie di alcuni manufatti li avevano cementati alla roccia circostante. Ci sono voluti due giorni di lavoro per liberarli delicatamente prima di allevarli.

OGGETTI SALVATI è stato sottoposto a una conservazione iniziale in loco (pulizia meccanica e desalinizzazione) prima di essere inviato ai laboratori EUA per ulteriori cure.

Con solo quattro giorni di maltempo nell’arco delle quattro settimane di durata del progetto, solo piccoli guasti alle apparecchiature e nessun altro grave inconveniente, la fortuna è stata dalla nostra parte.

Il progetto Antikythera 2012 ha prodotto risultati importanti nella documentazione di questo sito e ha dimostrato il valore dell'utilizzo di CCR con DPV per esaminare un'intera isola per scopi scientifici. La combinazione si è rivelata efficace, sicura e relativamente confortevole.

Il team del Progetto Anticitera 2012.
Il team del Progetto Anticitera 2012.

IMMERSIONE SU ANTICHI RELETTI
Vuoi visitare un sito di relitti greci di 2000 anni fa? Al momento ci sono ancora pesanti restrizioni, ma ciò potrebbe diventare possibile tra qualche anno.

Solo le istituzioni scientifiche che lavorano con una licenza speciale sono attualmente autorizzate a lavorare sulle antichità sottomarine in Grecia. L'immersione sportiva non può essere effettuata nei siti di interesse archeologico e in alcune aree marine protette.

Tuttavia, la legge greca in riferimento ai siti archeologici sottomarini prevede che “secondo una certa procedura, tali luoghi possono essere qualificati come musei sottomarini e possono essere offerte immersioni guidate, accompagnate da personale specializzato”.

La prefettura della Tessaglia, nel Mar Egeo nordoccidentale, ha avviato questa procedura per allestire il primo museo sottomarino della Grecia, che il responsabile del progetto prevede di aprire nel 2015.

Il piano è quello di aprire ai subacquei una serie di antichi relitti intorno alle isole Sporadi, con misure adeguate per garantire la protezione dei monumenti.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x