Alberi secolari un puzzle per i subacquei

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Alberi secolari un puzzle per i subacquei

Cipresso 2

Immagine: LSU.

Gli alberi di cipresso calvo si stabilirono nelle paludi in quello che oggi è il Golfo del Messico settentrionale durante l'ultima era glaciale, prima che un evento catastrofico sconosciuto seppellisse le antiche foreste. Ora i subacquei hanno recuperato gli alberi dai sedimenti sotto le acque del Golfo – e li hanno trovati profumati come quando furono sepolti nell’era del Pleistocene.

Nel 2004 l’uragano Ivan ha attraversato la regione esponendo l’antica foresta, affermano i ricercatori della Louisiana State University (LSU). Si sono immersi per trovare i ceppi degli alberi a una profondità di circa 18 metri, a otto miglia dalla costa dell'Alabama.

"Siamo rimasti sorpresi di trovare questo legno di cipresso intatto, perché il legno normalmente si decompone nell'oceano a causa di terloni e batteri", ha detto la professoressa associata Kristine DeLong, geologa marina e paleoclimatologa del Dipartimento di Geografia e Antropologia della LSU.

Suo nonno aveva tagliato i cipressi in Florida e lei riferì che il legno riesumato "profuma di cipresso appena tagliato".

Cipresso calvo (Taxodium distichum) è diffuso in tutto il sud-est degli Stati Uniti ed era molto apprezzato nel XIX secolo perché resistente alla decomposizione, alla putrefazione dell'acqua e agli insetti. La specie è ora protetta.

DeLong e il suo team hanno iniziato ad immergersi nel sito nel 2013, quando hanno recuperato i primi esemplari di cipresso per l'analisi. Hanno scoperto che erano troppo vecchi per la datazione al radiocarbonio, ma attraverso altri metodi hanno stabilito che la foresta aveva avuto origine nella prima parte dell’ultima era glaciale – 42-74,000 anni fa.

I sommozzatori hanno continuato a raccogliere campioni di sedimenti nell'area. Hanno trovato sabbia e conchiglie negli strati superiori ma anche torba organica con radici e foglie verso il fondo dei tubi.

"Come geologo marino, non vediamo questo tipo di sedimenti", ha detto DeLong. "La cosa interessante è stata trovare semi di erba di San Giovanni, cespuglio di bottoni e malva, che sono piante autoctone che possiamo trovare oggi sulla terraferma."

Il team ha collaborato con esperti di alberi e piante terrestri, ma rimane perplesso sulla sopravvivenza degli esemplari, anche se ci si poteva aspettare che il basso contenuto di ossigeno nelle acque paludose ne arrestasse la decomposizione.

19 Giugno 2021

Una teoria è che il livello del mare si sia alzato improvvisamente, con la pianura alluvionale che ha seppellito la foresta di cipressi. Un’altra è che lo scioglimento della calotta glaciale abbia causato un improvviso afflusso di acqua nel Mississippi e in altri fiumi vicini, spingendo i sedimenti sugli alberi.

A partire da 18,000 anni fa, con lo scioglimento dei ghiacci, il livello del mare si sarebbe alzato e avrebbe inondato ulteriormente l'area. I ricercatori ritengono che potrebbero esserci altre antiche foreste di cipressi sottomarine lungo la costa del Golfo.

I loro risultati sono stati pubblicati di recente sulla rivista BOREAS.

maggiore

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x