Dente antico trovato su un relitto profondo 110 metri

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Team di immersioni del Progetto Relitto Fenicio. (Foto: Università di Malta)

Subacquei tecnici hanno trovato i primi resti umani, sotto forma di un singolo dente, nel sedimento inferiore del relitto fenicio del VII secolo a.C. ritrovato al largo di Gozo nel 7.

Il primo molare inferiore destro è già stato esaminato da esperti dentistici maltesi. Si ritiene che appartenesse a un giovane perché è appena indossato e ha una grande camera pulpare, secondo un articolo del Times of Malta.

Il progetto del naufragio fenicio, che coinvolge i sommozzatori archeologici che operano abitualmente oltre i 100 metri sul sito del relitto, è stato presentato nell'edizione di settembre di DIVERTIMENTO rivista (Relitto Xlendi: in funzione a 110 m).

Il direttore del progetto, il dottor Timmy Gambin dell'Università di Malta, ha descritto le implicazioni dell'ultima scoperta come “enormi”. Dice che l'intenzione è quella di applicare al dente sia tecniche di datazione al carbonio che di analisi del DNA per ottenere maggiori informazioni sugli antichi occupanti della nave.

Sono stati ritrovati solo sette relitti fenici e il contenuto del relitto della baia di Xlendi è descritto come "l'unico carico fenicio misto ben conservato ad essere scoperto intatto".

A seguito delle indagini sui sommergibili con equipaggio, gli scavi sono iniziati nel 2017, rivelando un gran numero di oggetti in ceramica e pietra, tra cui anfore e urne, nonché legni dello scafo che erano stati collegati tramite giunti a mortasa e tenone.

Il dottor Gambin ha dichiarato al giornale che ora crede che il team internazionale “sia arrivato il più lontano possibile con la tecnologia di cui disponiamo oggi. Ogni volta che ci immergiamo, impieghiamo sei minuti a scendere per poter trascorrere 14 minuti sott'acqua. Poi ci vogliono due ore e mezza per riemergere.

“Dobbiamo decidere se lasciare il relitto affinché le generazioni future possano continuare a esplorare con la tecnologia del futuro, o investire molto e scavare di più”.

*****  OLTRE A un appello alla polizia per ottenere informazioni su Divernet il 27 settembre, un esame post mortem ha rivelato che il corpo trovato a 46 miglia al largo di Salcombe, nel Devon, è quello di un maschio bianco.

Escluso come uno dei sub scomparsi dal Scilla relitto in Cornovaglia all'inizio del mese, l'uomo era alto un metro e settanta, aveva tra i 5 e i 9 anni, misurava 20 scarpe e aveva un cappuccio sui denti inferiori. Indossava uno ZZCO medio nero a figura intera muta, calzini Slinx e guanti Slinx di medie dimensioni e una marca di stivali non identificata.

Chiunque abbia informazioni è invitato a chiamare DC Claire Scammell del Southampton CID allo 07392314306 o a inviarle un'e-mail qui.

Il riferimento della polizia è 44210383426.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x