Antico relitto ritrovato al largo dell'Egitto

Antico relitto ritrovato al largo dell'Egitto
Antico relitto ritrovato al largo dell'Egitto

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Una rara e antica galea è stata scoperta dall'archeologo subacqueo Franck Goddio e dalla sua squadra di sub nella città sommersa di Thonis-Heracleion, al largo della costa mediterranea dell'Egitto.

Si sa che la nave da guerra affondò dopo essere stata colpita da grandi blocchi provenienti dal tempio del dio supremo egiziano Amon, poiché crollò durante una frana catastrofica nel II secolo a.C.

La galea era stata ormeggiata a un molo sul profondo canale che scorreva lungo la parete sud del tempio, e i blocchi caduti l'avevano inchiodata al letto del canale, preservandone i resti poiché tutti gli spazi erano stati riempiti di detriti.

Il relitto, che ora giace sotto 5 metri di argilla dura mescolata ai resti del tempio “incontaminati”, è stato rilevato utilizzando un prototipo di profilatore sub-fondo.

Istituto europeo di archeologia subacquea di Goddio lavora nel sito della Baia di Aboukir da oltre due decenni, in collaborazione con il Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano e con il sostegno della Fondazione Hilti.

Thonis-Heracleion si trova a più di quattro miglia al largo di quella che oggi è la costa settentrionale egiziana, ma per secoli è stato il più grande porto del Mediterraneo del paese, a guardia dell'ingresso nel Nilo prima che il re greco Alessandro Magno fondasse Alessandria nel 331 a.C.

The Ptolemaic dynasty, ruled by one of Alexander’s generals, replaced the pharaohs soon afterwards and lasted for nearly three centuries. However earthquakes, tsunamis and rising sea levels triggered soil liquefaction that caused 42 sq miles of the Nile delta to collapse beneath the sea, including Thonis-Heracleion. Goddio’s divers rediscovered the city in 2000.

"I ritrovamenti di galee veloci di questo periodo rimangono estremamente rari, l'unico altro esempio fino ad oggi è la nave punica marsala", ha detto Goddio, riferendosi a una nave datata al 235 a.C.

“Prima di questa scoperta, le navi ellenistiche di questo tipo erano completamente sconosciute agli archeologi.

“Il nostro studio preliminare mostra che lo scafo di questa galea è stato costruito secondo la tradizione classica e si basava su lunghi giunti a mortasa e tenone e su una struttura interna ben sviluppata. Tuttavia, contiene anche caratteristiche dell'antica costruzione egiziana.

“Era una nave a remi che era dotata anche di una grande vela, come dimostra un gradino d'albero di notevoli dimensioni. Questa lunga barca aveva il fondo piatto e la chiglia piatta, il che era molto vantaggioso per la navigazione sul Nilo e nel delta.

“Alcune caratteristiche tipiche della costruzione navale dell’antico Egitto, insieme alle prove del riutilizzo del legno nella nave, indicano che fu costruita in Egitto. Con una lunghezza superiore a 25 metri, aveva un rapporto lunghezza/larghezza vicino a 6 a 1”.

In un'altra zona di Thonis-Heracleion, lo scavo di un tumulo accanto al canale d'ingresso nord-orientale ha portato alla luce resti di un'estesa area funeraria greca risalente all'inizio del IV secolo.

Mercanti e mercenari greci vivevano nella città vicino al Tempio di Amon e recentemente tra i resti del tempio sono state trovate prove delle loro offerte funebri.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x