Relitto di 750 anni ritrovato al largo del Dorset, legname e tutto il resto

Subacqueo con lapide
Subacqueo con la lapide a croce con la testa a ruota (Università di Bournemouth)

Gli archeologi marittimi hanno lavorato a Poole Bay, al largo della costa del Dorset, sui resti dello scafo, della prua e del carico di una nave risalente al XIII secolo, rendendolo il primo sito di relitto designato nelle acque inglesi a includere legname conservato.

La rarità del ritrovamento è sottolineata dal fatto che, legname o meno, non sono noti relitti di navi marittime nelle acque inglesi risalenti al periodo di 400 anni tra l'XI e il XIV secolo.  

Leggi anche: Le nuove costruzioni attraggono la vita marina urbana 

Il ritrovamento è stato annunciato insieme a quello di due successivi ma anche rari naufragi al largo della costa meridionale dell’Inghilterra – poiché a tutte e tre le navi è concesso il massimo livello di protezione ufficiale.

È stato lo skipper locale e subacqueo Trevor Small della Rocket Charters a scoprire la nave medievale sul lato occidentale dello Swash Channel in avvicinamento al porto di Poole due anni fa, e a riferire la sua importante scoperta agli archeologi di Università di Bournemouth.

Small, di famiglia marinara, dice di aver percorso migliaia di miglia marine dal suo porto di Poole alla ricerca di relitti. "Nell'estate del 2020, ho scoperto quello che credevo fosse il sito di un relitto non rilevato", dice. “Le recenti tempeste avevano rivelato qualcosa di sconosciuto sui fondali marini. Mi è stato concesso il permesso di immergermi nel relitto. Il resto è storia: ho trovato uno dei relitti più antichi d’Inghilterra”. 

"Rimangono pochissime navi di 750 anni che possiamo vedere oggi e quindi siamo estremamente fortunati ad aver scoperto un esemplare così raro e in così buone condizioni", ha commentato l'archeologo marittimo dell'Università di Bournemouth Tom Cousins. "Una combinazione di acqua poco ossigenata, sabbia e pietre ha contribuito a preservare un lato della nave e lo scafo è chiaramente visibile." 

Costruita con assi di legno sovrapposte che la rendono una nave "clinker", la nave navigava durante il regno di re Enrico III e trasportava un carico di pietra calcarea di Purbeck quando affondò. Nel sito sono stati trovati diversi mortai di pietra utilizzati per macinare il grano, quindi la nave viene chiamata il relitto del mortaio.

Subacqueo con lapide
Subacqueo con la lapide con croce a braccio allargato (Università di Bournemouth)

Estratta sull'isola di Purbeck, la pietra poteva essere molto lucidata ed era apprezzata per il suo utilizzo nell'architettura gotica in tutta Europa dell'epoca. Sul relitto sono state trovate due lastre di pietra tombale non lucidate ben conservate, una scolpita con una croce a testa di ruota in stile dell'inizio del XIII secolo e l'altra con una croce a braccio allargato successiva, due stili non precedentemente noti per essere contemporanei.

Sul relitto è stato rinvenuto anche un grande calderone adatto alla preparazione di stufati, uno più piccolo per riscaldare l'acqua e recipienti per bere in cemento.

Contenuti del relitto di mortaio
Reperti del relitto del mortaio (Università di Bournemouth)
Grande calderone
Grande calderone (Università di Bournemouth)
illustrazione medievale del calderone
Illustrazione medievale di un calderone per stufato in uso in mare (Università di Bournemouth)
boccale
Boccale (Università di Bournemouth)

L'analisi ha dimostrato che le assi dello scafo della nave sono state tagliate da querce irlandesi, abbattute tra il 1242 e il 1265, sebbene ciò non indichi necessariamente una nave irlandese perché il legname veniva ampiamente esportato per l'edilizia. Una teoria è che la nave si trovava sulla costa del Dorset ma si perse mentre si dirigeva verso il luogo in cui doveva consegnare la pietra.

I ritrovamenti del carico del relitto del mortaio verranno visualizzati in uno di Museo Pooletre nuove gallerie marittime l’anno prossimo. Tom Cousins ​​ha detto che l'Università di Bournemouth stava cercando di raccogliere fondi durante l'estate per fornire protezione al relitto con sacchi di sabbia.

Relitti della Shingles Bank

Il relitto del mortaio, insieme a due relitti molto successivi ma anch'essi rari, scoperti al largo dell'isola di Wight, sono stati ora designati dal governo sotto il Protection of Wrecks Act del 1973, su consiglio di Historic England (HE).

Il relitto dello Shingles Bank del XV e XVI secolo, designato NW15, e il relitto dello Shingles Bank NW16 del XVII secolo furono scoperti al largo del Needles Channel dai subacquei dell'Isola di Wight Martin Pritchard e Dave Fox.

La Shingles Bank è un noto pericolo per la navigazione per le navi che entrano nel Solent da ovest e si pensa che entrambe le navi si siano arenate lì prima di affondare. "La sopravvivenza di navi risalenti a prima del 1700 è estremamente rara, così come lo è il ritrovamento di siti di relitti precedentemente non registrati nel Solent, rendendo queste scoperte significative a livello nazionale", afferma HE.

I resti archeologici includono diversi cannoni, una grande ancora e, sulla NW96, almeno 50 lingotti di piombo molto grandi con segni non identificati che sarebbero stati usati come forma di valuta, così come palle di cannone di pietra. 

Cannone dal sito NW68
Cannone nel sito NW68 (Martin Pritchard / MAT)
Subacqueo sul sito NW68
Un subacqueo registra la struttura in legno sopravvissuta nel sito NW68 (Paolo Croce / MAT)

I lingotti venivano fusi da un “bolo”, un tipo di fornace usato raramente dopo il 1580 circa, e le palle di cannone di pietra non erano più in uso entro la fine del XVI secolo.

Uno dei cannoni della NW68 fu fuso ad Amsterdam tra il 1621 e il 1661, suggerendo una nave olandese armata della metà e della fine del XVII secolo che potrebbe essere stata coinvolta nella battaglia di Portland del 17, uno scontro durante la prima guerra anglo-olandese. 

L'estate scorsa Pritchard e Fox si sono immersi e stanno continuando a indagare sui relitti con gli archeologi dell' Fondazione per l'archeologia marittima ed Archeologia del Wessex, finanziato da SE. Sono in fase di sviluppo modelli fotogrammetrici ad alta risoluzione dei siti per consentirne l'immersione virtuale.

Martin Pritchard
Il subacqueo dell'Isola di Wight Martin Prichard con Hefin Meera di HE sulla barca per le immersioni (MAT)

"Sono molto lieto che a questi relitti risalenti al XVI e XVII secolo sia stato concesso il massimo livello di protezione", ha affermato Pritchard. “Sono una scoperta straordinaria. Lavorando con HE, subacquei volontari e archeologi, continueremo a indagare, comprendere e registrare questi siti di relitti”.

"Congratulazioni a Martin e Dave: se non fosse stato per loro, questi importanti siti probabilmente sarebbero ancora da scoprire", ha affermato Graham Scott, specialista tecnico marittimo senior della Wessex Archaeology.

“Sono un ottimo esempio dell’importante contributo che viene ancora dato alla nostra comprensione del nostro straordinario patrimonio marittimo e al lavoro di Historic England da parte di subacquei ricreativi e investigatori di relitti. Ancora un altro ottimo esempio di ciò che possiamo ottenere quando lavoriamo tutti insieme!”

Le tre designazioni portano a 57 il numero dei siti di relitti protetti nelle acque inglesi. I subacquei richiedono una licenza amministrata da HE per conto del Dipartimento Digitale, Cultura, Media e Sport per immergersi in questi siti.

Anche su Divernet: Il relitto dei Diving Brothers ritrova il "più grande dai tempi di Mary Rose", I subacquei trovano la tragica nave bianca

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x