Jacuzzi profonda 60 metri a Soda Springs

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Jacuzzi profonda 60 metri a Soda Springs

Soda

Molti subacquei avranno visitato siti di immersione vulcanici con fondali marini caldi che filtrano bollicine e nomi come Champagne, ma un sito delle Filippine, recentemente immerso a 60 metri di profondità, emette quella che potrebbe essere la più alta concentrazione naturale di anidride carbonica mai registrata.

Soprannominato Soda Springs, il sito sta rilasciando bolle di CO2 a un ritmo senza precedenti, secondo l'idrologo e subacqueo tecnico Bayani Cardenas, il cui team lo ha scoperto.

Cardenas è professore alla Jackson School of Geosciences dell'Università del Texas, e dice che si stava concentrando su una parte dell'oceano raramente studiata perché "è troppo superficiale per i veicoli telecomandati ed è troppo profonda per i subacquei regolari".

Gli scienziati stavano esaminando l’effetto delle acque sotterranee di un’isola vicina sull’ecosistema marino del Verde Island Passage, uno degli ambienti con la maggiore biodiversità del mondo.

Cardenas ritiene che Soda Springs, dove un vulcano emette gas attraverso le fessure del fondale marino vicino a barriere coralline sane forse per millenni, potrebbe rivelarsi ideale per studiare come tali barriere coralline affrontano il cambiamento climatico.

“La vita lì è ancora fiorente, ma forse non come quella a cui siamo abituati”, dice.

Gli scienziati hanno misurato le concentrazioni di CO2 da 60,000 a 95,000 ppm (parti per milione). La cifra più alta è più di 200 volte la concentrazione riscontrata nell'atmosfera.

27 Gennaio 2020

Anche se il gas viene presto diluito nell’oceano, ciò significa comunque un ambiente elevato di CO2 lungo tutta la costa della penisola di Calumpan, vicino a Batangas, con livelli tipici di 400-600 ppm.

I subacquei hanno anche trovato punti caldi del fondale marino dove le acque sotterranee venivano scaricate nell’oceano, indicando un percorso per gli inquinanti tra l’isola e il sistema corallino.

Mentre lo sviluppo costiero in tali aree è stato guidato dalla qualità delle barriere coralline, un’attrazione per i subacquei e altri, Cardenas ha affermato che le comunità che si rivolgono agli ecoturisti invariabilmente smaltiscono i rifiuti utilizzando fosse settiche piuttosto che moderni sistemi fognari – con il rischio di inquinando le stesse barriere coralline su cui si basava l’economia.

Lo studio dell'Università del Texas e di altre istituzioni nelle Filippine e nei Paesi Bassi è stato ora pubblicato su Geophysical Research Letters.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x