Individuati 5 relitti di bombardieri, mentre l'IA impara a trovarne altri

Fotomosaico di uno degli aerei B-24, con la sua elica al centro.
Fotomosaico di uno degli aerei B-24, con la sua elica al centro.

È stato rivelato che cinque bombardieri pesanti statunitensi precipitati nel mare Adriatico durante la seconda guerra mondiale sono stati individuati e si sono tuffati al largo della Croazia quest'estate, rappresentando la più grande scoperta di aerei sottomarini effettuata da Project Recover e dall'Università del Delaware.

Project Recover, che si dedica alla localizzazione dei resti del personale di servizio statunitense scomparso in azione (MIA) in tutto il mondo, afferma che presto adotterà un approccio di "apprendimento automatico" che fa risparmiare tempo per individuare le anomalie del fondale marino per il subacquei della squadra per indagare.

Leggi anche: L'app gratuita offre esempi di immersioni sui relitti dell'Adriatico

La missione di due settimane in Croazia, condotta in collaborazione con i subacquei tecnici locali in agosto, ha rivelato cinque Consolidated B-24 Liberator precipitati, tre dei quali identificati positivamente come collegati a 23 membri dell'equipaggio sulla lista MIA di Project Recover.

I relitti si trovano a una profondità di circa 90 metri, e i subacquei sono rimasti sorpresi nello scoprire che un certo numero di aerei, presumibilmente gravemente danneggiati, avevano cappottature motore, eliche e ali in gran parte intatte.

Uno dei bombardieri abbattuti della Seconda Guerra Mondiale (Evan Kovacs / Elizabeth Snyder/ University of Delaware)
Uno dei bombardieri abbattuti della Seconda Guerra Mondiale (Evan Kovacs / Elizabeth Snyder/ University of Delaware)

L'area di ricerca di 24 miglia quadrate non era sotto il controllo tedesco durante la seconda guerra mondiale, quindi veniva spesso utilizzata come "area di ammaraggio" per gli equipaggi dell'aeronautica militare statunitense che volavano su aerei con sede in Italia durante l'avanzata alleata. Si calcola che trenta aerei da guerra distrutti siano finiti lì.

L'operazione è stata guidata dal co-fondatore di Project Recover, il dottor Mark Moline, ed è stata portata avanti con il finanziamento e il supporto della US Defense POW/MIA Accounting Agency (DPAA). 

Facendo parte dell'iniziativa dell'agenzia per lo sviluppo di nuove tecnologie per la localizzazione dei siti dei relitti, è stata la prima missione in cui Project Recover è stato in grado di montare un sonar a scansione laterale, un magnetometro e una videocamera HR su un singolo AUV per perlustrare il fondale marino e produrre un'immagine quantità scoraggiante di dati grezzi. "Modello computerizzato ben addestrato"

Il subacqueo Evan Kovacs della Marine Imaging Technologies si prepara a scendere su un campo di detriti B 24 per condurre una documentazione fotografica.
Il subacqueo Evan Kovacs della Marine Imaging Technologies si dirige verso il basso per fotografare un campo di detriti (Evan Kovacs / Elizabeth Snyder / Università del Delaware)

La dottoressa Moline è una professoressa di studi marini presso l'Università del Delaware, dove la dottoressa Leila Character, specialista in apprendimento automatico, ha sviluppato algoritmi che, secondo lei, possono individuare potenziali relitti da enormi set di dati in modo molto più rapido e accurato di quanto fosse possibile prima.

"Gli aerei che stiamo cercando sono raramente intatti, il che richiede qualcosa di più della semplice visione umana per interpretarli", afferma il dottor Character. “Un modello computerizzato ben addestrato può ridurre del 90% il tempo di analisi dei dati raccolti da AUV. Ciò che prima richiedeva cinque ore, richiederà 45 minuti o meno”. 

Inserendo nel computer milioni di immagini del fondale marino basate su missioni precedenti, sta imparando a identificare in modo affidabile qualsiasi modello che potrebbe suggerire la presenza di un relitto. Si prevede che un modello funzionante di questo rilevatore di relitti sarà pronto entro sei mesi, dopodiché verrà perfezionato e messo in funzione.

Per la spedizione della scorsa estate, tuttavia, il lavoro delle gambe umane è rimasto di fondamentale importanza. "Prima di una spedizione come questa, conduciamo ricerche e raccogliamo la documentazione storica per tutte le potenziali perdite nelle vicinanze che riusciamo a identificare", afferma lo storico dell'Università del Delaware Colin Colbourn.

“Questo processo, aiutato dalle informazioni locali e dai ricercatori del DPAA, si è rivelato essenziale, poiché siamo stati in grado di identificare definitivamente diversi velivoli attraverso i piccoli dettagli lasciati nei documenti storici.

Mark Moline risciacqua l'AUV mentre Matthew Breece ed Erik White scaricano e analizzano i dati
Mark Moline risciacqua un AUV mentre Matthew Breece ed Erik White scaricano i dati per l'analisi, che può richiedere molte ore (Evan Kovacs / Elizabeth Snyder / University of Delaware)

“Grazie ai nostri partenariati, questo lavoro in Croazia ha rappresentato uno scenario ottimale”, afferma Colbourn. "In soli pochi giorni sul posto, siamo passati da scienziati e ingegneri che conducevano la ricerca utilizzando gli AUV, seguiti da subacquei e archeologi che indagavano sui relitti, all'identificazione di quegli aerei con documentazione storica."

Project Recover intende tornare in Croazia per ulteriori ricerche, alcune basate su soffiate di pescatori e subacquei locali, nonché su documenti militari, ma per utilizzare il modello computerizzato per accelerare l'analisi dei dati.

Precedentemente noto come progetto BentProp, Recupero progetto ha iniziato le sue missioni a Palau nel 1993. Lavorando con le nazioni ospitanti e il DPAA ha localizzato più di 50 aerei statunitensi della Seconda Guerra Mondiale, il 2% dei quali collegati a dispersi, e ha contribuito a rimpatriarne 60, di cui 14 in attesa di recupero. Il compito, tuttavia, è enorme: si stima che più di 87 militari statunitensi siano rimasti dispersi dalla Seconda Guerra Mondiale.

Anche su Divernet: I subacquei recuperano i resti di un pilota della Seconda Guerra Mondiale

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x