Trovate 300 anfore: contenuto, etichette e tutto!

Mallorca

I subacquei hanno finito di recuperare il contenuto di un relitto mercantile romano a Maiorca - e gli esperti che li hanno esaminati ritengono che si tratti di una delle scoperte di navi antiche meglio conservate e significative nel Mediterraneo.

Insolitamente, molte delle 300 anfore di argilla trovate a bordo conservano non solo tracce del loro contenuto ma anche iscrizioni dipinte.

Leggi anche: 6 relitti del Med controllati durante la missione dell'UNESCO

Il relitto del 3° o 4° secolo d.C. è stato conservato nella sabbia e, giacendo a soli 2 metri di profondità appena fuori dalla trafficata spiaggia di Ca'n Pastilla nella baia di Palma, sembra miracoloso che sia rimasto indisturbato per circa 1700 anni. Tuttavia, da decenni i sommozzatori locali avevano riferito alle autorità che sospettavano potesse essere sepolto qualcosa nelle vicinanze.

È stato proprio il ritrovamento di alcuni frammenti di anfora nel luglio 2019 a spingere gli archeologi marittimi ad agire, come riportato all'epoca su Divernet. Ora esposto nella zona delle onde, si è ritenuto che il relitto fosse a rischio di danni causati dalla tempesta e di saccheggio, quindi il sito è stato transennato ed è diventato parte del progetto Arqueomallornauta, gestito dall'autorità regionale del Consell de Mallorca e da archeologi marittimi del università delle Isole Baleari, Barcellona e Cadice. 

anfore
Sopra e sotto: archeologi che lavorano sul relitto romano poco profondo vicino alla spiaggia (Arqueomallornauta / Consell de Mallorca / Università delle Isole Baleari, Barcellona e Cadice) 
anfore

La pandemia di Covid è intervenuta ma gli scavi sono finalmente iniziati nel novembre 2021, con una squadra di otto subacquei che ha lavorato per individuare e recuperare le anfore e altri oggetti per la conservazione e l'analisi. La fase subacquea dell'operazione si è conclusa alla fine di febbraio. 

Le 300 anfore avrebbero trasportato vino, olive, olio o salsa di pesce, e 100 di esse sono state trovate complete di iscrizioni dipinte e, in alcuni casi, di segni cristiani sui sigilli. 

Sono state recuperate anche due scarpe intatte, una di cuoio e l'altra, tipo espadrillas, di corda di sparto; una pentola; una lampada ad olio recante il simbolo della dea Diana; e un trapano per la lavorazione del legno. 

"Si tratta di un'opportunità praticamente unica per studiare un carico completo del periodo della prima fase della tarda antichità, un'epoca in cui c'erano poche navi conosciute nel Mediterraneo e ancora meno con carichi ispanici", ha affermato l'Università delle Isole Baleari.

Ora conosciuto come il relitto di "Ses Fontanelles", si ritiene che la nave abbia ancorato nel sito, forse durante una traversata dalla Spagna, e sia affondata quando una tempesta la costrinse sugli scogli. Secondo gli esperti, la scoperta sottolinea il valore delle Isole Baleari come punto di sosta per i commercianti in epoca romana.

La nave era lunga 12 metri con una larghezza di 5-6 metri. Lo scafo deve ancora essere sollevato, ma caratteristiche come le paratie del carico sono intatte e si dice che i legni rimangano saldi al tatto. L’esame del legno suggerisce che la nave sia stata costruita nella regione spagnola di Cartagena.

anfore
Sopra e sotto: alcune delle 300 anfore trovate sul relitto (Arqueomallornauta / Consell de Mallorca / Università delle Isole Baleari, Barcellona e Cadice)
anfore

Naufragio bizantino

Nel frattempo, in un ritrovamento meno spettacolare ma comunque significativo, le ceramiche di un relitto bizantino del V-VI secolo sono state scavate a est dell'isola greca di Fourni, nell'Egeo orientale. 

A differenza del relitto sovraesposto di Ses Fontanelles, il sito di Fourni è profondo 43-48 metri in una parte sabbiosa di una delle regioni più ripide, ventose e inaccessibili dell'isola, il che ha reso difficile il rilevamento del relitto.

Il numero di anfore era molto inferiore, con circa 15 trovate sepolte nella sabbia, ma sono state scoperte anche un gran numero di ceramiche da tavola e il legname della nave. 

Il Ministero della Cultura e dello Sport greco ha affermato in un recente rapporto sulla stagione di scavi del 2021 che il sito è stato datato tra il 480 e il 520 d.C. e che la nave e il suo carico erano in uno stato di conservazione insolitamente buono.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x