Chevy del 1927 trovata su un relitto con una strana angolazione

Coupé Chevrolet sul relitto di Manasoo.
Coupé Chevrolet sul relitto di Manasoo.

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

È raro trovare un'auto intatta su un vecchio relitto, ma nel lago Huron, in Canada, i subacquei hanno localizzato un'imbarcazione di 90 anni con tanto di una Chevrolet coupé del 1927 appartenente a uno dei passeggeri.

Sedici passeggeri e l'equipaggio morirono quando la Manasoo affondò al largo dell'isola Griffith nella Georgian Bay il 14 settembre 1928. Costruita a Glasgow nel 1888, la nave a vapore della Owen Sound Transportation Company trasportava anche 116 capi di bestiame, e furono i loro spostamenti in condizioni di tempesta che si pensava che ne avesse causato il ribaltamento.

Solo cinque persone sopravvissero all'affondamento: il proprietario dell'auto e del bestiame, Donald Wallace, e quattro membri dell'equipaggio che fuggirono con lui su una scialuppa di salvataggio.

Il nome della nave era stato cambiato da Macassa quando era stata trasferita l'anno precedente dal Lago Ontario, alimentando la superstizione locale secondo cui cambiare nome maledice una nave, anche se molti sembrano sopravvivere ai cambi di nome seriale senza apparenti effetti negativi.

Il relitto è stato localizzato a una profondità di 60 metri in “condizioni quasi perfette” dai noti sub lacustri statunitensi Ken Merryman e Jerry Eliason, in collaborazione con lo storico marittimo canadese Cris Kohl.

La nave affondò a poppa e, ancora una volta insolitamente, fu trovata seduta in posizione verticale ma con la poppa profondamente incastrata nel limo e la prua rivolta verso l'alto, ben lontana dal fondale. La timoneria era intatta, completa di timone e bussola, e i sommozzatori notarono anche il fumaiolo caduto, le scialuppe di salvataggio ancora al loro posto, il salone, le cabine e i recinti per il bestiame.

Poco dopo la stessa squadra di immersioni trovò un altro notevole relitto del Lago Huron a circa 50 metri. Anche il piroscafo costiero JH Jones era stato sorpreso da una tempesta nella Georgian Bay nel 1906, provocando la morte di tutti i 30 membri dell'equipaggio e dei passeggeri.

Ad accompagnare la squadra di sub c'era Robert Crawford, pronipote del capitano della nave JV Crawford. La ricerca di Kohl ha permesso ai subacquei di localizzare il relitto con tre scansioni sonar e hanno trovato lo scafo e il ponte principale intatti, sebbene mancasse la sovrastruttura superiore. Il JH Jones è stato ora designato sito archeologico marino protetto.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x