La Pantera Nera continua a vivere

Book Review

La pantera nera
Vive su

Sottomarino tedesco U-1105 “Black Panther”,
di Aaron Stephan Hamilton

0819 recensioni pantera nera

Apparso su DIVER agosto 2019

Questo è quello che io chiamo un libro sui relitti dedicato e buona lettura. Sottotitolato The Naval Archaeology of a U-Boat, l'autore statunitense copre tutte le basi con la sua dissezione e la mantiene della giusta lunghezza e degna di attenzione ovunque.

Nell'U-1105 ha scelto un argomento davvero interessante. Faceva parte della generazione di U-Boot emersa nell'ultima parte della Seconda Guerra Mondiale, segnando la scomparsa di quei "sommergibili" che un tempo cacciavano in branchi di lupi e l'emergere di sottomarini attrezzati per operare come lupi solitari.

L'U-1105 disponeva di quasi tutta la nuova tecnologia necessaria per soddisfare questo compito. Era uno dei soli 10 U-Boot ad essere rivestito con il rivestimento in gomma Alberich progettato per impedire il rilevamento del sonar.

Trasportava il nuovo equipaggiamento per lo snorkeling che gli permetteva di rimanere sommerso per settimane, sia "a fondo" che in movimento a tutta velocità, pur essendo in grado di riciclare l'aria e ricaricare le batterie.

Trasportava anche il sofisticato sistema sonar passivo GHG Balkon che gli permetteva di rilevare le navi nemiche mentre era immerso.

Tale tecnologia avrebbe potuto cambiare la forma della Battaglia dell’Atlantico – se fosse stata pronta prima.

Il Black Panther (così chiamato in parte a causa di quel rivestimento) era l'unico sottomarino a svolgere una pattuglia in tempo di guerra così equipaggiato. Riuscì a evitare di essere scoperto e a silurare la fregata britannica HMS Redmill, ma poi arrivò la fine della guerra e la sua resa.

La sua carriera da allora in poi fu letteralmente fatta di alti e bassi, poiché divenne l'U-Boot più testato degli Alleati.

Gli inglesi lo misero alla prova prima che fosse spedito definitivamente negli Stati Uniti, l'ultimo sottomarino ad attraversare l'Atlantico con le proprie forze.

Gli americani sembravano più interessati a tenere l'U-1105 fuori dalle mani dei sovietici che ad analizzarne i miglioramenti, e lo usarono per prove ripetute sia delle loro cariche di profondità che della resilienza dei sottomarini.

Alla fine, nel 1947, fu abbandonato a 28 metri di profondità nel fiume Potomac nel Maryland, fu "scoperto" da un sub nel 1985 (sebbene non fosse mai andato veramente perduto) e può ancora essere visitato.

Sebbene lo scafo sia sepolto nel fango, ci sono molti dettagli interessanti da vedere intorno alla torre di comando e alle piattaforme del giardino d'inverno.

Hamilton, subacqueo e archeologo marittimo, scrive in modo chiaro e accattivante e il libro è prodotto magnificamente. Verso la parte posteriore ci sono piccole foto subacquee di tutte le caratteristiche principali. Questi sono collegati alle illustrazioni che mostrano le loro posizioni, quindi se dovessi decidere di fare quella che potrebbe essere un'immersione un po' imbarazzante in questo fiume affollato, potresti sicuramente sfruttare al meglio il tuo tempo di fondo.

Ci sono molte foto evocative della parte superiore e una prefazione di apprezzamento dell'esperto di immersioni subacquee Innes McCartney. Come la stessa Pantera Nera, questo libro soddisfa tutte le aspettative.

Pubblicazione di Osprey
ISBN: 9781472835819
Copertina rigida, 136 pagine, 24x26 cm, £ 25

Recensione di Steve Weinman

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x