Elegia per un eco-guerriero

Recensione cinematografica

Elegia per un eco-guerriero

Estinzione dagli squali diretto da Rob Stewart

0219 conduttura dell'acqua degli squali

Apparso su DIVER febbraio 2019

non sarebbe mai stato un orologio facile. Come nel pluripremiato film originale di Rob Stewart Sharkwater (2006), lo spinnamento degli squali è al centro di questo nuovo documentario e osservare il crudele maltrattamento degli squali non è qualcosa che piace a nessun sub.

Tuttavia, con Sharkwater e il suo secondo film Revolution (2012) che sono stati visti da circa 125 milioni di persone, il regista canadese ha aumentato la consapevolezza. Il fatto che non sia più vivo è alleviato solo dal fatto che rimane con noi nel film.

Questo è l’altro fattore che rende straziante Sharkwater Extinction: si accumula fino all’ultima immersione del 37enne, su un rebreather al largo delle Florida Keys, andato a cercare pesci sega a 70 metri per la terza volta in un giorno.

È stata una morte insensata, oggetto di azioni legali in corso, e vedere il sempre solare Stewart vestirsi per l'ultima volta è incommensurabilmente triste, poiché la telecamera si sofferma amorevolmente su ogni indicatore e scatto.

La madre di Stewart, Sandy Campbell, ha partecipato alla première londinese e ha spiegato che suo figlio ha sempre creduto che la conservazione dovesse essere una cosa interessante e che, per impegnarsi pienamente, le persone dovrebbero divertirsi nel farlo. "Rob vorrebbe che tutti continuassero la missione", ha detto.

A tal fine lei e il marito Brian hanno letto i numerosi quaderni del figlio e sono riusciti nella difficile impresa di hackerare il suo iPad per estrarre piani dettagliati su come voleva che fossero distribuite le 400 ore di riprese girate per questo film. Il risultato è impressionante.

La sezione finale non era quella che Stewart aveva pianificato, ovviamente. Ad un certo punto nella voce fuori campo dice: “Dico ai miei genitori che credo che starò bene.

So esattamente come morirò; quando morirò." Forse no.

Molte cose mi hanno sorpreso del film, tra cui l'affermazione che ogni anno vengono uccisi 150 milioni di squali, più del doppio della cifra su cui sembra che ci siamo stabiliti negli ultimi anni.

Ho chiesto informazioni a Sandy dopo aver visto il film e lei mi ha detto che la convinzione era che molti più piccoli e giovani squali vengano ora catturati illegalmente, non per il loro scopo. fini ma per essere venduto con l'etichetta “pesce bianco dell'oceano”.

Ciò riflette un'altra sequenza sorprendente del film, in cui Rob e la sua squadra vagano per Miami e scoprono che gli squali vengono serviti apertamente nei negozi e nei ristoranti.

Acquistano una serie di prodotti nei supermercati, li fanno testare e trovano carne o olio di squalo, ricchi di mercurio, piombo e neurotossine, che aumentano il volume del bestiame e degli alimenti per animali domestici e vengono utilizzati nei cosmetici. “Ci stiamo spalmando in faccia dei superpredatori”, osserva meravigliato Stewart.

Lo spinnamento degli squali è un grande affare; la criminalità organizzata prende la sua parte e Stewart rischia ripetutamente nei suoi viaggi. Affronta il viscido presidente del Costa Rica per aver rinnegato le sue promesse. "Shark Girl" Madison Stewart (nessuna parentela) filma uno squalo martello catturato da pescatori sportivi, e piange quando lo skipper ammette a Rob che quando gli squali vengono riportati in acqua "tendono a morire".

Ispeziona un bottino di quasi 40,000 fini a Panama, una delle principali aree di allevamento degli hammerhad, e filma una troupe giapponese che ammassa squali blu al largo di Capo Verde. “Novanta paesi hanno vietato lo spinnamento, ma non l’importazione fini – è una scappatoia enorme”, dice.

0219 riprese dell'acqua degli squaliAl largo di Los Angeles filma trebbiatrici e verdesche mentre vengono catturate con reti da posta, mentre i pescatori aprono il fuoco sulla sua barca mentre lui è ancora in acqua. Ma ci rallegriamo quando in seguito ci viene detto che il filmato ha aiutato California procedere verso il divieto delle reti derivanti.

"Avevo sviluppato una sfiducia e un'avversione verso l'umanità, ma le riprese mi hanno fatto amare di più l'umanità", afferma Stewart che, nonostante la crescente miseria, non sembrava mai rinunciare alla speranza.

Non sono molti gli eco-documentari che ottengono una prima reale e un'uscita cinematografica. Questo è un film che tutti i sub dovrebbero guardare, se non altro perché Rob Stewart era un sub vorace, un regista eccezionale ed un eroe della conservazione.

Ma ovviamente, sarebbe ancora meglio se quei governi che non riescono a frenare e persino a incoraggiare la carneficina guardassero il film e se ne accorgessero.

Immagini di Sharkwater
128min, nei cinema del Regno Unito il 22 marzo. Guarda il trailer qui.

Recensione di Steve Weinman

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x