Seac Libera

1018 SEAC libera principale

Apparso su DIVER ottobre 2018

FARE FREDDO SOTTO L'ACQUA È intorpidisce il corpo e la mente. Quando le tue mani si congelano, disconnettere un feed diretto che si è bloccato o implementare un DSMB diventa difficile se non impossibile. Il livello di distrazione mentre la tua mente si concentra su quanto ti senti a disagio, rende più difficile svolgere in modo efficiente il multitasking mentale richiesto da ogni immersione.
Anche il consumo di gas aumenterà, quindi, in generale, avere freddo è una sicurezza problema. Quando è stato chiesto di testare un'acqua fredda muta, il mio compito è trovare alcune condizioni adeguatamente fredde e vedere quanto tempo ci vuole per iniziare a tremare, o almeno definire alcuni limiti per le prestazioni della tuta di prova.
Odio prendere freddo e questi test non sono quelli che non vedo l'ora di fare. Seac sostiene fortemente le prestazioni del suo Libera 7mm, che dovevo testare a Gibilterra, dove ho iniziato la mia carriera subacquea. Negli anni '1980 la mia bombola era più piccola e mi tuffavo dalle tabelle, no computer, quindi ho avuto meno tempo sott'acqua. Ho usato giacche spesse e pantaloni lunghi, e spesso li ho sovrapposti con sotto-gilet aggiuntivi.
Intorno al mio busto potrei essere avvolto in quasi 20 mm di neoprene. Anche allora, il freddo alla fine mi trafisse muta e spesso mi cacciava fuori dall'acqua.
Quindi ho guardato questo pezzo unico da 7 mm con una certa trepidazione. Possiedo un pezzo unico da 7 mm di marca premium che a valore nominale sembra quasi identico al Libera. E nel Mar Rosso a 23° chiamavo le immersioni dopo meno di un'ora a 10 metri perché tremavo in modo incontrollabile.
Senza mezzi termini, mi aspettavo di congelarmi nella Libera.

La misura

Le mute dipendono da due caratteristiche chiave del design, vestibilità e tipo di neoprene. Gli altri fattori che influenzano il tuo comfort includono la profondità, la temperatura dell'acqua, la miscela di gas, il livello di attività, il numero di immersioni effettuate, la loro durata e il tempo che intercorre tra loro e la tua predisposizione personale al freddo.
La maggiore perdita di calore quando si utilizzano le mute deriva dall'acqua che scorre dentro e fuori dalla muta. Qualsiasi acqua fredda a contatto con il tuo corpo assorbirà il calore corporeo. Poiché l’acqua sottrae calore 25 volte più velocemente dell’aria ferma, raramente il tuo corpo può generare calore abbastanza velocemente da sostituire ciò che perdi da questo flusso.
Le mute devono cercare di intrappolare l'acqua per impedirlo; la sfida è realizzare un abito standard che possa adattarsi a una vasta gamma di corporature. Ad esempio, un maschio di media statura potrebbe avere un fegato da birra e un abito di media taglia deve comunque adattarsi.
Un neoprene molto elastico può farcela, ma si espanderà anche per consentire la raccolta dell’acqua. Un esempio può verificarsi quando si sale sulla scaletta di una barca e, se la muta ha una buona tenuta alle caviglie, la parte inferiore delle gambe può riempirsi con molta più acqua di quella che dovrebbe contenere una muta attillata, tradendo una scarsa vestibilità.

Il neoprene

The type of neoprene used in a muta also makes a huge difference to how warm even a well-fitting suit will be. I and other divers brought up on wetsuits have long suspected that “modern” neoprenes used in “dive-suits” are inferior.
Il neoprene più nuovo sembra invecchiare rapidamente, indicato da una perdita di galleggiamento in poche immersioni che richiedono molto meno peso da utilizzare e dal raffreddarsi molto prima.
I neoprene dovrebbero essere selezionati in base all'attività. I pescatori subacquei potrebbero volerne uno morbido che si comprime facilmente, quindi perderà rapidamente la galleggiabilità durante la discesa e richiederà meno zavorra che dovrà essere riportata fisicamente in superficie quando vorranno respirare.
Poiché trascorrono più tempo in superficie che sott'acqua, la compressione della muta in profondità e la conseguente perdita di calore sono meno preoccupanti rispetto a un fotografo subacqueo lento come me, che lavora in profondità per lunghi periodi.
Le tute utilizzate per attività di superficie come il paddle boarding utilizzano neoprene simile, privilegiando la flessibilità rispetto al calore, perché non dovresti stare in acqua così a lungo se sei bravo.
Sono i neoprene per questi sport subacquei “morbidi” che sembrano essersi infiltrati nel mercato delle immersioni.
Seac ha voluto promuovere la qualità del neoprene Libera e mi ha inviato una scheda tecnica, molto utile perché solo guardando il tipo di neoprene utilizzato non si capisce.
Il grosso problema che i subacquei devono affrontare è la compressione del neoprene. Forma una barriera termica tra il tuo corpo e l'acqua e dipende dalle bolle di azoto per rallentare la perdita di calore dal tuo corpo caldo che viene attratto verso l'acqua più fredda.
Come ogni gas contenuto in un contenitore flessibile, la pressione comprimerà queste bolle, che è ciò che accade al neoprene mentre scendiamo. Poiché la gomma che circonda le bolle è meno flessibile, impedisce alle bolle di comprimersi, in conformità con la legge di Boyle.
Quindi a muta potrebbe non perdere metà della sua galleggiabilità e del suo isolamento, diciamo, a 10 metri, ma ne perderà alcuni.

1018 Sigillo da polso SEAC
Guarnizione sul polso, cucitura a secco e dettaglio sulla manica.

La Libera utilizza il neoprene “microbolle” Yamamoto. Il neoprene per gli sport di superficie tende a utilizzare bolle più grandi e sono il volume e l'area superficiale della bolla che influiscono sulla resistenza alla compressione e, in definitiva, sulla perdita di calore.
Ho chiesto al mio amico AJ, che ha un dottorato in chimica, di approfondire: "Si sostiene che il neoprene microcellulare abbia una percentuale maggiore di celle di gas e una maggiore uniformità", ha detto.
“Poiché sono le celle a gas a limitare la perdita di calore, ciò dovrebbe significare che è un isolante superiore.
"Avere celle più piccole consentirebbe anche un contenuto di gas più elevato senza compromettere la struttura della schiuma, con conseguente resistenza e flessibilità del materiale."

Il design

La Libera è rivestita in nylon su entrambi i lati. Il nylon interno facilita l'inserimento e la rimozione della muta, mentre l'esterno protegge il vulnerabile neoprene dai graffi.
Dopo che le cuciture sono state incollate bordo a bordo, la tuta viene cucita a secco, cioè lungo ogni cucitura interna ed esterna, senza che gli aghi penetrino mai completamente nella gomma. Richiede più tempo e costa di più, ma crea una forte cucitura impermeabile. Ciò impedisce lo scarico delle cuciture e rende la tuta più resistente e duratura.
Essendo semi-secco, il Libera ha guarnizioni in neoprene con rivestimento in gomma montate su avambracci e polpacci. Il neoprene rivestito con una fodera sintetica liscia aderisce alla pelle per impedire all'acqua di entrare e uscire.
Alcuni abiti hanno cerniere ai polsi e alle caviglie per facilitare il passaggio di mani e piedi più grandi, ma non mi sembra di averla problema. Le zip introducono punti di errore, quindi preferisco farne a meno, ma è un compromesso.
Con la normale usura, le guarnizioni dei polsini possono rompersi. Di solito, è possibile effettuare almeno una riparazione temporanea con la colla per muta, mentre una cerniera deve essere sostituita ma raramente si rompe.

Colletto 1018 SEAC e dettaglio zip
Il colletto e la cerniera.

Anche la cerniera principale di qualsiasi muta è potenzialmente fonte di vampate di calore e perdita di calore. La Libera utilizza un sottoflap per minimizzare questo.
La solita linguetta in velcro sul colletto fissa la cerniera dietro il collo in modo che non possa aprirsi sott'acqua, e un passante per il pollice nella parte bassa della schiena ti aiuta a chiudere la cerniera della tuta. Un bel tocco è un sistema di ritenuta per il guinzaglio, quindi non si muoverà.

In acqua

Ho effettuato un’immersione di circa un’ora in 20 metri lungo la scia del relitto di Gib, nuotando a velocità moderata con pause per scattare foto. A questa profondità la muta è compressa e l'acqua era fredda a 14°. Un'immersione più profonda comprimerà maggiormente la muta, riducendo l'isolamento, ma i tempi di no-stop saranno più brevi, quindi tenderanno ad annullarsi.
Ho usato un altro modello di cappuccio con il colletto corto. La zona interna della gola del Libera presenta un pannello in neoprene sfoderato destinato ad agganciarsi ad un pannello coordinato sul giogo di un cappuccio Seac. I due pannelli in neoprene quindi "si attaccano" l'uno all'altro per formare un sigillo efficace per eliminare lo scarico.
Senza quel sigillo, di tanto in tanto sentivo l'acqua fredda bagnarmi la nuca, anche se non sembrava che penetrasse ulteriormente.
Ho quindi effettuato un'immersione multilivello più profonda fino a 28 m, aggiungendo un sottogiubbotto da 3 mm non Seac con cappuccio attaccato che presenta il design della guarnizione del collo necessario per un test corretto.
Sono emerso ancora caldo dopo 65 minuti, inclusa una breve sosta deco. Dopo ogni immersione lo shampoo che utilizzo come indicatore per rilevare il rossore era ancora all'interno della muta, ottimo segno.
Il Seac Libera mi è andato benissimo. Forse perché era così aderente ma, sospetto, più a causa del tipo di neoprene. Ero molto consapevole che lo stavo indossando.
Questa non è una muta scomoda, è solo meno elastica di altre, e l’ho trovato rassicurante: era come se potessi sentire la densità del neoprene.
L'acqua non si accumula nelle gambe quando esci dall'acqua. Mentre alcune tute ad alta flessibilità sembrano in grado di allungarsi come un palloncino per adattarsi a quasi tutte le corporature, motivo per cui possono scaricare l'acqua, con la Libera sarà importante ottenere la taglia giusta.

Conclusione

Nel complesso, questo è un abito estremamente carino. Il suo semplice design con una sola cerniera riduce i punti di guasto, una considerazione importante per un subacqueo che lavora giorno dopo giorno. Soprattutto, sono rimasto colpito dalla sua vestibilità e dall'impressione che ho avuto il neoprene a microbolle che mi teneva caldo.
Non posso dire quanto durerebbe con immersioni impegnative e prolungate, ma la mia esperienza passata con le mute in neoprene a bolle piccole è che è probabile che durino più a lungo delle mute "ordinarie" con un certo margine. Altamente raccomandato.

Grazie a Dive Charters Gibilterra e Gibilterra SAC.

Specifiche

TESTER> Steve Warren

PREZZI> £ 249 (7 mm), £ 235 (5 mm), £ 210 (3.5 mm), paraluce da 5 mm £ 28

MISURE> Maschio – S, M, L, XL, XXL, XXXL, XXXXL.
Femmina – XS, S, M, L, XL, XXL

PESO> 2.5 kg

COLORE> Uomo – Nero/argento (7 mm), nero/rosso (5 mm), nero/blu (3.5 mm). Donna – Nero/grigio (7mm), nero/rosa chiaro (5mm), nero/azzurro (3.5mm)

CONTATTI> seacsub.com

GUIDA SUBACQUEA>  10/10

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x