Chasing Coral

POSTER DEL FILM INSEGUENDO IL CORALLO
POSTER DEL FILM INSEGUENDO IL CORALLO

Movie Review

Chasing Coral

Ora in streaming su Netflix

POSTER DEL FILM INSEGUENDO IL CORALLO

Apparso su DIVER settembre 2017

SE IL FILM Chasing Coral ha due difetti, uno non è causato da lui stesso. È che gli spettatori che potrebbe attrarre sono convertiti.

Ma, con l’uscita di Netflix, lasciamo che quelli di noi in quel campo sperino che possa coinvolgere e motivare un pubblico più ampio.

Il secondo difetto è che si tratta di una polemica, più che di un documentario equilibrato che mostra punti di vista opposti. Al suo centro sta il problema – o no-problema, come lo è per alcuni, del riscaldamento globale. Quindi è unilaterale.

L’idea è venuta dall’ex dirigente pubblicitario londinese e fondatore della Ocean Agency, Richard Vevers.

È stato ispirato ad applicare le sue capacità di marketing a un progetto cinematografico per attirare l'attenzione sul ruolo svolto dai coralli nell'ecosistema mondiale e sui danni già causati, in gran parte nascosti alla vista del pubblico, dall'aumento della temperatura del mare.

Ha poi visto il film Chasing Ice, che metteva in risalto gli effetti del riscaldamento globale sulle calotte polari e diretto da Jeff Orlowski. I due uomini hanno unito i loro talenti e il loro marchio, con Orlowski che ha assunto l'incarico di dirigere quello che è diventato Chasing Coral.

Scegliendo località tropicali, il piano era quello di dimostrare l'effetto sbiancante del riscaldamento sulle barriere coralline utilizzando il time-lapse fotografia.

Furono costruite fotocamere a controllo automatico, ma la tecnologia fallì: un evento che fa sorridere qualsiasi fotografo subacqueo esperto. La squadra non ha avuto altra scelta che immergersi e scattare le foto, una per una.

L'effetto di centinaia di ore di lavoro trascorse sott'acqua azionando faticosamente i pulsanti di scatto richiede solo pochi secondi sullo schermo, ma l'impatto è drammatico e fa riflettere.

A differenza di altri film del suo genere, questo è un pezzo corale e non guidato da un sedicente eco-crociato. Per me questo è un grande punto di forza. Nessuno fa la tribuna: il film resta concentrato sul messaggio, non sul messaggero.

La scienza, che ci si aspetta che si acquisisca con fiducia, è di livello laico e accessibile ma non condiscendente.

Ad esempio, viene spiegato che i mari e gli oceani sono dei dissipatori di calore, che assorbono e trattengono molto più calore della terraferma. Per quanto ho capito, il problema non è che ci sia un aumento stagionale della temperatura, ma che gli aumenti attribuiti al riscaldamento globale ora superano di gran lunga ciò che la natura ha mai adattato a tollerare i coralli.

Il film afferma che nel 29 il 2016% dei coralli della Grande Barriera Corallina è morto.

Inseguendo Coral lo fa problema una chiamata alle armi. I subacquei dotati di fotocamera possono fornire immagini delle barriere coralline locali per facilitare il monitoraggio. Sono inoltre incoraggiate le proiezioni locali del film, per aumentare la consapevolezza su questi problemi. Senza intervento, che può fare affidamento sul potere dei cittadini, Chasing Coral prevede “lo sradicamento di un completo ecosistema nel corso della nostra vita”.

Sarà un cliché pubblicitario, ma sono uscito dalla proiezione pensando: quando non c’è più, non c’è più. Consigliato.

Laboratori di esposizione
chasingcoral.com
Netflix, 93min

Recensione di Steve Weinman

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x