Il pop va alla vita marina

Book Review

Il pop va alla vita marina

Eye of the Shoal: una guida per fishwatcher alla vita, agli oceani e a tutto di Helen Scales

0618 revisione occhio di secca

Apparso su DIVER giugno 2018

IMPROBABILE COME SEMBRA, un nuovo libro sulla biologia marina che non contiene nemmeno una fotografia a colori è candidato per il mio libro dell'anno sulle immersioni. E lo scriverò ad aprile.

Eye of the Shoal è un libro intelligente. È una sorta di concetto di “meraviglie del mondo sottomarino” di Blue Planet, realizzato attraverso le parole sulla pagina piuttosto che le immagini sullo schermo. E se questa affermazione sembra così audace come lo slogan del libro, è perché la qualità della scrittura, dell'osservazione e della selezione dei contenuti riescono ad assorbire il lettore prima ancora che lui o lei possa iniziare a desiderare ausili visivi.

Helen Scales è una biologa marina subacquea e, più recentemente, apneista, ambientalista e conduttrice radiofonica regolare della BBC. Il suo ultimo libro si basa su un viaggio di nove mesi in 10 paesi e su una grande quantità di conoscenze pregresse.

Previous books Spirals in Time and Poseidon’s Steed dealt with molluscs and seahorses respectively, but Eye of the Shoal is all about fish. Chapters cover broad themes such as coloration, light effects, shoaling, feeding, toxicity, sound, ancestors and feeling pain, and the text jumps lightly about within these loose frameworks in a way that can appear to be free-associating but always amounts to a coherent whole.

C'è molto materiale interessante sulla storia della biologia marina e sui contributi di alcuni dei suoi eccezionali professionisti. I capitoli sono affiancati da leggende di pesci provenienti da tutto il mondo e eccellenti illustrazioni stilizzate di collage di Aaron John Gregory conducono ogni sezione.

Avrei potuto cogliere esempi dello stile di scrittura semplice di Scales da qualsiasi pagina, ma eccone uno quasi a caso: “Uno studio del 2013 a Trinidad ha rivelato che le femmine di guppy preferiscono i maschi dall'aspetto strano con colori rari.

Ma come una nuova moda che inizia tra pochi individui spigolosi – come le barbe hipster, le camicie da boscaiolo o gli occhiali dalla montatura spessa – presto prende piede finché quasi tutti sembrano uguali.

“Alla fine quei colori che una volta erano rari ed entusiasmanti tra i guppy diventano troppo popolari e cadono in disgrazia. Probabilmente le femmine hanno sviluppato una preferenza per i colori rari perché questo le aiuta a evitare la consanguineità e l'accoppiamento con parenti stretti.

"Di conseguenza, le popolazioni di guppy cambiano colore, mantenendo un mix di molte tinte e mantenendo la loro reputazione di 'pesci arcobaleno'."

Leggi la descrizione dell'autore del rapporto tra il labro pulitore e i suoi clienti e tutto ciò che hai notato in una stazione di pulizia sembra avere più senso.

Or consider fish’s swim bladder-generated noises on a reef-dive: “Think of all the different sounds you can make with a regular balloon. You can drum your fingers against it, make it squeak by rubbing its surface against something else, or you can let a trickle of air out in a squeaky whine; fish do all these things and many more. The only thing they don’t do (on purpose) is pop their swim bladders to make a loud bang.”

Leggere questo libro non può che migliorare la tua esperienza subacquea. L'ho letto come ebook e, appena finito, ho ricevuto la copertina rigida: un pacchetto soddisfacente.

Bloomsbury Sigma
ISBN: 9781472936844
Copertina rigida, 320 pagine, 14x23 cm, £ 16.99

Recensione di Steve Weinman

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x