Recensione del libro: Nel frattempo, in superficie

Open Water: storia e tecnica del nuoto di Mikael Rosen
Open Water: storia e tecnica del nuoto di Mikael Rosen

Book Review

Per i non subacquei, quello che fanno i subacquei è il nuoto subacqueo, ma noi non lo consideriamo veramente come un nuoto, perché non usiamo le braccia e abbiamo una fioritura fantastica fini ai nostri piedi come macchine che moltiplicano l'effetto di ogni calcio.

There is often a certain amount of surface-swimming involved in scuba, of course, whether intentionally or otherwise but, again, this is often performed in an undisciplined style far removed from that of a Michael Phelps (or am I just speaking for myself?).

Still, the publishers of Open Water obviously felt that there was a link, and sent us a copy of this brick of a book to review.

Dubitavo che avrebbe avuto molta rilevanza, quindi ho deciso di leggere brevemente le sue 360 ​​pagine, ed è un tributo a quanto sia bravo uno scrittore Mikael Rosen che ho continuato a ritrovarmi assorbito dal contenuto e a leggerlo correttamente.

Posso confermare che ha poca rilevanza diretta per i subacquei, ma se sei il tipo di sub che è anche un appassionato nuotatore, o usa il nuoto per mantenersi in forma, lo apprezzerai.

Ci sono molti argomenti tecnici sulla rotazione del corpo e sulla lunghezza della bracciata, ma ciò che guida il libro sono le storie di persone che hanno nuotato attraverso la storia e continuano ad andare avanti oggi, dai velocisti delle piscine olimpiche ai supereroi di resistenza in acque libere.

C’è una forte propensione americana in tutto questo, ma del resto gli Stati Uniti hanno avuto la tendenza a dominare i libri dei record.

L'autore è infatti un allenatore svedese e ha uno stile di scrittura eccezionale che si sviluppa in ogni sorta di piste secondarie interessanti che servono solo ad arricchire la narrazione.

Non troverete molti inglesi in queste pagine, a parte Matthew Webb, il primo uomo a nuotare nella Manica ma che in seguito andò troppo oltre con un tragico colpo alle Cascate del Niagara, oltre a un fenomeno di 79 anni chiamato Jane Asher (non Quello).

Sfogliando il “muro della fama” in fondo, solo Adam Peaty, i triatleti Chrissie Wellington e Alistair Brownlee e la nuotatrice in acque libere Keri-Anne Payne ricevono una menzione fugace.

Tuttavia, il nuoto trascende i semplici confini nazionali! A proposito, tutti i medagliati drogati della Germania dell'Est degli anni '70 e '80 hanno avuto i loro nomi vergognosi cancellati.

Se tutto il materiale su esercizi, fitness e tecnica ti lascia indifferente, ci sono anche capitoli su argomenti come come si muove la vita marina e uno su come il corpo si deteriora con l'età che è deprimentemente forense.

Ma se nuoti bene pinna, potresti trovare questo libro una lettura stimolante.

Chronicle Books
ISBN: 9781452169941
Copertina rigida, 360 pagine, 18×24 cm, £ 25

Recensione di Steve Weinmann

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x