TOUR DEL RELITTO 8 – IL MOHEGAN

Il relitto appiattito di questa nave, sparso sul fondo del mare, è una testimonianza della sua fine violenta e tragica. John Liddiard si immerge nel transatlantico del XIX secolo. Illustrazione di Max Ellis
Il relitto appiattito di questa nave, sparso sul fondo del mare, è una testimonianza della sua fine violenta e tragica. John Liddiard si immerge nel transatlantico del XIX secolo. Illustrazione di Max Ellis

I resti rotti del piroscafo vittoriano Mohegan costituiscono probabilmente il relitto più conosciuto e più intensamente immerso nell'insidioso Manacles Reef al largo di Lizard, in Cornovaglia.

Sebbene i transiti e un ecoscandaglio possano portarti in cima alle caldaie di Mohegans, preferisco iniziare l'immersione dal pinnacolo esterno di Maen Voes. Ciò è in parte dovuto al fatto che le rocce sono ricoperte da una spettacolare vita marina, ma anche perché sono pigro e questo mi evita il fastidio di cercare e sparare!

Maen Voes si trova facilmente in acque basse ed è semplicemente sommerso in acque alte. Fare molta attenzione durante l'acqua alta perché 200 metri più a sud c'è uno scoglio, Carn-du, che sporge fuori dall'acqua e assomiglia pericolosamente a Maen Voes durante la bassa marea. Un addetto alla barca troppo entusiasta potrebbe puntare dritto verso di essa e danneggiare la barca su Maen Voes o su altre rocce poco profonde sul Manacles Reef.

Entrando in acqua sul lato nord di Maen Voes (1) seguire una parete incrostata di anemoni e idroidi fino al fondale roccioso a 14 m (2). Tieni gli occhi aperti per i banchi di pesci sopra di te. Nel periodo di Pasqua di quest'anno un enorme banco di cefali ha vorticato per almeno una settimana.

Seguendo la direzione nord-est della bussola, bastano pochi minuti a nuoto per raggiungere lo scafo rotto della Mohegan.

Lungo il percorso il fondale è costituito da massi di medie dimensioni con in mezzo sabbia grossolana e conchiglie rotte.

La vita marina sulle rocce comprende ventagli di gorgonie, dita di uomini morti e anemoni gioiello. Sulla sabbia potresti avvistare occasionalmente la flattie o la rana pescatrice.

Dovresti colpire il relitto a circa metà strada tra le caldaie e la poppa (3) a una profondità di 22 metri, o un po' di più in caso di acqua alta. Il relitto del Mohegan è ben rotto ed è stato ampiamente recuperato in passato. Anche così, la navigazione è facile poiché le travi longitudinali e trasversali forniscono una griglia approssimativa da seguire.

Volgendosi verso poppa, il primo relitto riconoscibile è un'asta piegata che sporge dal relitto con pale rotte all'estremità (4). Presumibilmente questo è l'albero dell'elica, anche se sembra un po' sottile per una nave da 7000 tonnellate.

Non troverai il timone qui, poiché il Mohegan ha perso il timone sulla Vase Rock mezzo miglio a nord prima di essere trascinato su Maen Voes (vedi pannello).

Volgendoti in avanti, potresti frugare sotto i piatti confusi nella speranza di trovare souvenir, oppure iniziare un piacevole tour. I tempi di fondo possono essere generosi, dato che il relitto si trova per lo più tra i 22 e i 26 metri.

Se segui approssimativamente la linea centrale della nave, arriverai presto ai resti del motore (5), circa la metà dei quali sporge al di sopra del livello generale del relitto. Quando la marea è alta, la corrente corre quasi direttamente lungo la lunghezza del relitto, il che significa che le gorgonie che crescono perpendicolarmente alla corrente forniscono un altro comodo aiuto alla navigazione.

A prua del motore ci sono tre enormi caldaie (6). Questo è più o meno il punto in cui inizierebbe un'immersione se ti prendessi il tempo di giocare con un ecoscandaglio e lanciare una linea di tiro. Nuotando sopra queste vedrai delle rotture nella pelle delle caldaie e noterai anche che la caldaia centrale è in realtà due caldaie più piccole una dietro l'altra.

Proseguendo in avanti, le disposizioni quadrate nelle travi potrebbero indicare la posizione dei portelli di carico (7). Verso il lato sinistro più profondo del relitto arriverai presto a un paio di bitte e all'estremità di un argano che sporge da sotto il relitto crollato (8). Questi sono quasi tagliati fuori dal corpo del relitto da una grande roccia. Dall'altro lato del relitto le corrispondenti bitte di dritta (9) si trovano facilmente, ma più avanti, i rottami si disintegrano fino a diventare occasionalmente un frammento di placcatura o una piccola trave.

Seguendo la linea principale del relitto verso le caldaie noterete un'enorme roccia che sovrasta il relitto (10). Qui puoi scegliere se restare sul relitto o dare un'occhiata ad alcune belle rocce e anemoni sulla barriera corallina sopra di esso.

Appena davanti allo strapiombo c'è una piccola grotta in cui è divertente nuotare. Dalla grotta mi piace seguire la barriera corallina oltre un ripiano a 12 metri fino ad una finestra nella roccia a poco meno di 10 metri (11). Questa finestra e il burrone dietro di essa sono assolutamente tappezzati di anemoni.

È facile seguire la barriera corallina verso ovest (12) ritorno verso il punto di partenza su Maen Voes. Il trucco sta nel rimanere sui lati verticali nord delle rocce. Lungo la strada ci sono ancora altri anemoni, idroidi, nudibranchi e la maggior parte dei membri britannici della famiglia dei labridi. Sopra le rocce si trovano spesso piccoli banchi di merluzzi gialli.

Di ritorno a Maen Voes, una fessura sulla parete nord piena di anemoni piumati offre un luogo conveniente per una sosta di sicurezza (13).

Se, tuttavia, vuoi vedere più relitti, dalla grotta ritorna alla poppa del Mohegan e segui la bussola in direzione sud-ovest fino a quando la profondità sarà poco meno di 18 metri. Seguendo poi la sagoma in direzione circa ovest si giunge ai resti dello Spyridion Vagliano, un piroscafo greco di 1100 tonnellate affondato nel 1890. Rimangono solo le piastre dello scafo e una caldaia rotta.

Il tuo club o centro immersioni vorrebbe vedere il suo relitto preferito presentato qui Se desideri aiutare John Liddiard a mettere insieme le informazioni per un particolare relitto, perché non invitarlo a venire a immergersi con te Scrivi a John c/o Wreck Tour al Diver.

STERZARE LA ROTTA SBAGLIATA

Dicevano che un timoniere pazzo l'aveva fatta naufragare, o che le rocce magnetiche avevano influito sulle sue bussole. Ma la verità è che all'inizio del primo e ultimo viaggio della nave sotto il nuovo nome di Mohegan, la rotta era destinata al disastro, scrive Kendall McDonald.

Salpò il 13 ottobre 1898 da Londra a New York con 97 membri dell'equipaggio e sei uomini per movimentare il bestiame previsto come carico durante il viaggio di ritorno. A Tilbury prese a bordo 53 passeggeri di prima classe prima che il capitano Richard Griffith, un commodoro di 46 anni della Atlantic Line, la guidasse lungo la Manica a una velocità costante di 13 nodi.

Ovest verso nord, era la rotta data al timoniere quando segnalava "Tutto bene" alla stazione di segnalazione di Prawle Point. La rotta di Mohegan verso il disastro era stata stabilita. Adesso si stava dirigendo dritta verso le Manacle Rocks.

Mentre i passeggeri si sedevano a cena venerdì 14 ottobre, il Mohegan proseguì con le luci accese. All'ultimo minuto, i razzi di avvertimento della guardia costiera si alzarono dalla riva e il capitano Griffith ordinò di virare a sinistra. L'ha trasformata ancora di più nei Manacles. Ha colpito prima il Vase Rock, dove ha perso il timone, e poi si è lanciata contro le Voices, strappando gran parte del suo lato di dritta. Le sue luci si spensero immediatamente. Quindici minuti dopo, alle 7.04:106, la Mohegan affondò e con lei morirono nel buio XNUMX persone.

Leggi anche: Tour del relitto: 5, Il sottomarino M2

FASCICOLO DI FATTO

MAREE: L'acqua stagnante è compresa tra 2 ore e 1 ora prima dell'acqua bassa e dell'acqua alta a Coverack. Con una buona pulizia è possibile immergersi nel Mohegan durante la marea piena.

ARRIVARCI: Seguire la M5 per Exeter, poi la A30 e la A3076 per Truro e la A39 per Falmouth. Per i siti di lancio più vicini appena prima di Falmouth seguire la A394 per Helston, quindi prendere la A3083 verso Lizard Point e svoltare a sinistra sulla B3293 per St Keverne subito dopo aver superato RNAS Culdrose. Dalla piazza di St Keverne girare a sinistra per Porthkerris o proseguire dritto per Porthoustock.

IMMERSIONE E ARIA: Centro immersioni Porthkerris, 01326/280620, sulla Lizard circolano numerose barche per le immersioni, può assistere con il varo dalla spiaggia e dispone di un compressore. Azione in immersione, 01326/280719, a St Keverne gestisce un RIB da Porthoustock e può fornire aria e nitrox. Lodge per immersioni della Cornovaglia, 01326/290633, gestisce un RIB. A Falmouth prova il Cornish Diving, 01326/311265, Scuola subacquea di Haven, 01326/378878 o il mv Patrice, 01326/313265. Da Truro prova la barca charter Mentor 01872/862080.

LANCIO: Lo scalo più vicino è a Falmouth. Il varo è possibile sulle spiagge di ciottoli di Porthkerris e Porthoustock. A Porthkerris avrai bisogno dell'assistenza del gatto delle nevi del centro di immersione per sopravvivere alla ghiaia. La spiaggia di Porthoustock è percorribile solo con un 4×4 se l'autista fa attenzione. I subacquei sono scoraggiati dal lanciarsi a Coverack. Più a sud è possibile lanciarsi sulla sabbia a Kennack.

ALLOGGIO: I centri immersioni locali possono metterti in contatto con alloggi convenienti; alcuni ne hanno addirittura uno proprio. Ci sono molte aree di sosta per roulotte locali dove è possibile noleggiare roulotte fisse.

QUALIFICHE: Chiunque provenga da un subacqueo appena qualificato, a condizione che abbia una leadership adeguata.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 154, si avvicina a Falmouth. Ordnance Survey Map 204, Truro, Falmouth e area circostante. Guida subacquea, Immersioni nella Cornovaglia meridionale di Richard Larn. Informazioni turistiche di Falmouth, 01326/312300. Informazioni turistiche di Helston, 01326/565431. Sito web Cornovaglia in linea.

PRO: Riparato dal maltempo occidentale. Abbastanza poco profondo per i subacquei appena qualificati. Vale comunque la pena frugare sotto i piatti. Qualche spettacolare vita marina sugli scogli.

CONS: Le maree possono essere un problema. Particolarmente affollato nel fine settimana di Pasqua.

COME TROVARLO: La posizione sulla mappa del pinnacolo esterno di Maen Voes è 50.02.72N, 5.02.60W (gradi, minuti e decimali). Se vuoi sparare alle caldaie, usa i transiti e un ecoscandaglio per cercare a circa 50 metri, appena a est di nord-est di Maen Voes.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x