Tour del relitto 99: L'Elsa

Il tour del relitto di Elsa
Il tour del relitto di Elsa

Si tratta di un grande piroscafo, silurato al largo del Devon meridionale nel 1918 ma ancora in condizioni impressionanti, afferma la nostra guida turistica JOHN LIDDIARD. Illustrazione di MAX ELLIS

ARRIVANDO AL NOSTRO PRIMO SECOLO of Tour dei relitti, Inizio presto i miei festeggiamenti pensando “in grande”.

Elsa era un piroscafo da 3,581 tonnellate, silurato al largo di Dartmouth da UB31 all'inizio del 1918. Il siluro colpì la stiva, rompendola Elsa in due, con le due parti che affondavano a soli 10 metri circa di distanza e le caldaie rovesciate in mezzo.

Per qualche ragione perversa, è molto più facile colpire la parte poppiera del relitto. Un colpo caduto sulla parte anteriore tende a scivolare nella raschiatura.

Si tratta di una grande esplorazione, che si estende per 10 metri di profondità nel banco di limo circostante, fino a poco più di 50 metri. Se scopri che il tiro è lontano dal relitto, scendi semplicemente e ti ritroverai a prua o a poppa.

Ad ogni modo, ai fini del nostro tour, suppongo che lo scatto abbia preso piede subito dopo la pausa (1), sul ponte barca a 39m. Il ponte qui è sopra la sala macchine. Verso poppa, una tuga con piccole bocchette di ventilazione sul tetto (2) si trova sopra, l'accesso verso il basso ora bloccato da limo e detriti.

Portelli del ventilatore su una tuga all'estremità poppiera della sovrastruttura a centro nave
Botoli di ventilazione su una tuga all'estremità poppiera della sovrastruttura a centro barca

Dietro questo c'è il portello per la stiva numero 4 (3). Elsa ha cinque stive e questa è la prima a poppa. Il portello della stiva si estende per un terzo centrale del ponte, quindi c'è un bel po' di ponte su entrambi i lati, quindi un'alta mastra attorno al portello. Guarda dentro e vedi che la stiva è piena di limo.

Se la visibilità è limitata, un consiglio per orientarsi è che i buchi marciti sul ponte corrono attraverso la nave e possono essere utilizzati per spostarsi tra le stive e i macchinari del ponte, che generalmente si trovano lungo la linea centrale, attraverso il ponte fino ai lati .

L'albero di poppa è caduto diagonalmente in avanti e si trova rivolto verso il lato di dritta. Grandi argani da carico corrono sul ponte a prua e a poppa della base dell'albero (4).

Dietro il secondo argano una ringhiera attraversa il ponte, con gradini su entrambi i lati che scendono verso il ponte principale (5) a 42m. IL Elsa ha un ponte barca esteso che va dal ponte e dalla timoneria fino alla stiva numero 4. Come la stiva precedente, la stiva numero 5 più arretrata è piena di limo.

Ringhiera all'estremità poppiera del ponte della barca
Ringhiera all'estremità poppiera del ponte della barca

Dietro la stiva, una piccola torre di trivellazione è sospesa sul portello, quindi la poppa risale fino a 40 m con gradini su entrambi i lati (6). Le porte conducono all'interno a un banco di limo negli alloggi dell'equipaggio.

Piccola torre dietro la stiva n. 5
Piccola torre dietro la stiva numero 5

Il ponte di poppa ha i soliti accessori di grandi bitte di ormeggio su entrambi i lati, con passacavi più piccoli attorno alla poppa. Al centro del ponte si trova una piccola tuga (7), poi dietro un grande quadrante dello sterzo (8).

Il quadrante dello sterzo
Il quadrante dello sterzo

Scendendo di murata, la poppa a sbalzo taglia via quella poca luce naturale che c'è, e tutto diventa nerissimo. Vale comunque la pena dare un'occhiata perché il grande timone e l'elica sono ancora al loro posto (9). Il fondale marino sottostante è il punto più profondo della ricerca a 54 m, anche se non è necessario andare oltre i 50 m per vedere l'elica.

Per evitare alcuni metri di su e giù a poppa, il nostro percorso segue lo scafo risalendo il lato sinistro e proseguendo a 42 m per ricongiungersi al ponte principale (10). Poi si risalgono i gradini e si oltrepassa la ringhiera fino al ponte della barca, e si prosegue lungo il lato del ponte. (11), oltrepassata la stiva numero 4 e sopra la sala macchine fino alla sosta (12).

L'interruzione attraversa una coppia di lucernari sul ponte che avrebbero ospitato i portelli di ventilazione sopra il calore delle caldaie.

A questo punto devo confessare di non aver completato il file Elsa in un'unica immersione, quindi mentre il nostro tour prosegue scendendo sul fondale per trovare le caldaie (13), questo è probabilmente il punto in cui dividere il relitto in due immersioni.

Le caldaie sono parzialmente sepolte nel limo a 48 m. La perlustrazione arriva fino agli scogli di poppa, ma ci sono 6 metri vicino alle caldaie.

Non è un modello insolito effettuare la perlustrazione più in profondità dove la corrente si precipita attorno all'estremità di un relitto. Ciò che è insolito è la sua vastità.

Seguendo una linea retta oltre le caldaie si dovrebbe raggiungere il lato sinistro della parte prodiera del relitto (14), a circa 10 mt dalla sezione di poppa. Tornando al livello del ponte della barca, un paio di tagli rettangolari all'interno della rottura rappresentano le altre estremità dei lucernari incontrati sul lato poppiero della rottura.

A prua di questi, una struttura metallica attraversa il ponte (15), in origine struttura portante di una tuga in legno e delle torri di salvataggio.

Una corta coppia di alberi in una configurazione a palo forma parte della struttura, con un argano più piccolo sul ponte appena a prua per servire la stiva numero 3 (16).

Anche se non mi sono avventurato all'interno, questa stiva sembra essere priva di limo, il che suggerisce che ci sia una via d'uscita significativa da qualche parte sotto, forse attraverso la rottura, o forse c'è un'altra rottura sul lato dello scafo.

Le caldaie sono rotolate dove lo scafo è spezzato in due
Le caldaie sono rotolate dove lo scafo è spezzato in due

La timoniera (17) è a prua di questa stiva, attraversa il ponte delle barche e si eleva di un livello sopra. Una fotografia originale del Elsa mostra che questo si alza ancora di un altro livello, per dare tre ponti in totale alla timoneria, sebbene i ponti superiori sarebbero stati costruiti in gran parte in legno.

A prua della timoneria scendiamo sul ponte principale, una serie di gradini su entrambi i lati, con una vecchia nassa per aragoste sul lato di dritta della stiva numero 2 (18).

Un altro paio di grandi argani da carico (19) servire le stive di prua dal ponte in mezzo, anche se non c'è traccia dell'albero poiché ce n'era più a poppa - solo i piedini sulla piastra d'acciaio del ponte tra i verricelli.

La prima presa (20) è nuovamente pieno di limo. Corre in avanti in un ritaglio nel castello di prua, con circa il 25% della stiva circondata da castello di prua, gradini e ringhiere (21).

Nella parte posteriore del ponte sovrastante, una coppia di piccoli argani disposti ad angolo sarebbero stati utilizzati per il traino delle cime di ormeggio. A prua di queste ci sono sei paia di grandi bitte di ormeggio (22), posizionarne quattro paia sul ponte, poi un'altra coppia su entrambi i lati del verricello dell'ancora (23), che è ben a prua sul ponte.

Dal verricello, le catene dell'ancora corrono attraverso i tubi della cubia, con entrambe le ancore ancora in posizione su entrambi i lati della prua (24).

Si pensava che il relitto in questa posizione fosse il Greatham, anch'esso affondato UB31 appena due giorni prima. Dopo averlo immerso, è ovviamente il Elsa, e il Greatham c'è un relitto classificato come sconosciuto a solo un miglio o due di distanza.

ASSENTE INGIUSTIFICATO

Le 3,581 tonnellate del piroscafo da 102 metri Elsa ha viaggiato molto dopo essere stata costruita dalla Tyne Shipbuilding Co di Sunderland nel 1904 per la Norwegian African Australian Line di Oslo, scrive Kendall McDonald.

Il suo viaggio finale non ha fatto eccezione. Cominciò a Calcutta nell'agosto del 1917 e la portò in Sierra Leone per un'ispezione di sicurezza marittima. Nella stiva piena di 2,000 tonnellate di carbone, 200 tonnellate di coke e 600 tonnellate di carico generale, si unì a un convoglio a Dakar che la portò sana e salva a Falmouth.

Lasciò Falmouth il 21 gennaio 1918 e stava risalendo la Manica quando un messaggio wireless la dirottò a Plymouth. Il capitano Johannes Woxholt rimase lì per tre giorni. Quindi, con sorpresa dell'Ammiragliato, lasciò Plymouth senza alcun ordine in tal senso. Ancora una volta si diresse verso la Manica.

Non è andato lontano. La mattina del 24 gennaio, l'Oberleutnant Wilhelm Braun, comandante della UB31, notato il Elsa cinque miglia al largo di Dartmouth. Ha sparato un siluro da un tubo anteriore alla profondità del periscopio. IL Elsa è stato colpito a tribordo, a circa 11 metri dietro la sala macchine. L'esplosione ha distrutto la stiva numero 5 e ha fatto saltare in aria le coperture del portello.

Il danno al siluro fece sì che la nave affondasse prima a poppa e il capitano Woxholt ordinò ai suoi 28 membri dell'equipaggio di salire sulle barche pochi istanti dopo. IL Elsa impiegò solo 20 minuti per affondare. I membri dell'equipaggio furono prelevati dalle barche da due lance di pattuglia e sbarcarono sani e salvi a Dartmouth.

Il capitano Woxholt ha ricevuto una dura punizione per aver lasciato Plymouth senza permesso. Gli agenti dell'Ammiragliato erano anche infastiditi dal fatto che le buffonate del capitano avessero portato alla sospensione di tutto il traffico tra Plymouth e Portsmouth e che il suo siluro avesse creato il caos lungo un ampio tratto del canale spazzato, bloccando la navigazione per mezza giornata.

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Dalla M5 e poi dalla A38, svoltare a sinistra sulla A380 e sulla A3022 per Torquay o Paignton.

MAREE: Il margine di allentamento è 3.5 ore dopo l'acqua alta a Devonport o 2.5 ore prima dell'acqua alta a Devonport, la migliore visibilità è dopo l'acqua alta.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 50 18.007 N, 3 30.633 W (gradi, minuti e decimali). IL Elsa si trova in uno scavo profondo 10 metri in un fondale generalmente limoso, ma scavato fino alle rocce attorno alla prua e alla poppa. L'arco punta appena a ovest del nord.

IMMERSIONE E ARIA: Jennifer Anna, Torquay, 01803/607704.

LANCIO: Lo scalo più vicino è a Paignton

ALLOGGIO: Tor Dean Hotel, Torquay, 01803/294669.

QUALIFICHE: Al limite dell'immersione in aria, il Elsa è meglio immergersi con molto gas e una miscela deco calda, anche se è appena alla portata di coloro che non vogliono caricarsi di kit tecnici.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 3315, Berry Dirigiti a Bill of Portland. Mappa dell'Ordnance Survey 202, Torbay e zona sud di Dartmoor. Relitti del canale della prima guerra mondiale di Neil Maw. Immersioni nel sud del Devon di Kendall McDonald.

PRO: Meravigliosamente intatto a parte la rottura a centro barca.

CONS: La visibilità può essere scarsa, soprattutto dopo forti piogge.

Grazie a Steve Mackay, Andy Micklewright e Rick Parker.

Apparso su DIVER maggio 2007

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x