Tour del relitto 98: Il Kimya

Il tour del relitto di Kimya
Il tour del relitto di Kimya

Questa vittima della tempesta degli anni '1990 è facile da trovare e può essere apprezzata da sub di tutti i livelli se le condizioni sono giuste. JOHN LIDDIARD racconta la fuoriuscita di olio di girasole dalla nave, con illustrazioni di MAX ELLIS

ALCUNI RELITTI SONO DIFFICILI DA TROVARE. Trascorri i primi minuti di un'immersione seguendo una linea di tiro, sperando solo che alla fine ci sia un relitto.

Le chimica è proprio l'opposto. Vicino alla baia sabbiosa di Port Twyn-Mawr, con l'acqua bassa la prua supera appena la superficie. Fai attenzione a non sbattere la testa contro il relitto mentre entri.

Date le condizioni del mare calmo a sud-ovest di Anglesey, questo è il relitto ideale con cui iniziare la stagione. È uno per mostrare il nuovo gruppo di principianti, ma anche per aiutare i vecchi subacquei a rimettersi in gioco dopo l'inverno.

Poiché la prua emerge dalla superficie in acque basse e anche in acque alte, in condizioni di buona visibilità può essere vista semplicemente guardando oltre il lato della barca, quindi questo è il punto più semplice per iniziare un'immersione (1).

La leggera corrente che c'è spingerà un po' oltre la prua, quindi è meglio entrare in acqua dal lato controcorrente del relitto. Il ponte di prua è intatto, con la consueta collezione di bitte, anche se il verricello dell'ancora è stato tolto dal ponte per lasciare i supporti vuoti (2).

La vita marina è costituita dalle fronde delle alghe verdissime che si trovano in acque poco profonde, con in mezzo mitili e stelle marine. Le parti più profonde e ombreggiate del relitto ospitano alcuni anemoni piumati.

Sul lato sinistro della prua mancano alcune piastre del ponte, fornendo un foro che guarda verso il basso all'interno del castello di prua. Oltre la murata di prua, ma restando in prossimità della prua, le cubie dell'ancora sono vuote (3).

Più in basso, sul fondo del mare, il chimica ha un rigonfiamento dell'arco molto pronunciato (4), ora semisepolto nella sabbia, a 9 metri con la bassa marea e qualche metro più in profondità con l'alta marea.

Il rigonfiamento della prua è mezzo sepolto nella sabbia
Il rigonfiamento della prua è mezzo sepolto nella sabbia

Appena fuori dal lato sinistro, il verricello dell'ancora è su un lato e semisepolto (5). Rapporti del 1991, quando il chimica è stato rimorchiato qui e arenato, si noti che il verricello dell'ancora veniva utilizzato per rompere la superficie. Forse è stato liberato da una grande barca per le immersioni che vi era legata.

Montaggio dal salpa-ancora
Montaggio dal salpa-ancora

Tornando al ponte di prua, nella parte posteriore del castello di prua si trovano dei gavoni rettangolari su entrambi i lati (6). Al centro, una scala custodita (7) conduce ad una passerella che corre lungo e sopra il ponte principale (8).

Le porte su entrambi i lati conducono all'interno del castello di prua (9). Sono piccole, tuttavia, e l'interno è ostruito da limo e cavi, quindi questo non è il posto più facile per entrare in un relitto, anche se è profondo solo 5 metri.

Pochi metri a poppa, lungo il ponte, alcuni gradini conducono alla passerella (10). Come sulla maggior parte delle petroliere, il ponte principale non era realmente progettato per camminarci sopra e la passerella forniva il metodo principale per viaggiare avanti e indietro. Le costole scoperte corrono lungo e attraverso il ponte e devono aver reso molto difficile stare in piedi in mare agitato.

Le nervature esposte corrono lungo il ponte principale, con travi più grandi che attraversano il ponte. La passerella è sullo sfondo
Le nervature esposte corrono lungo il ponte principale, con travi più grandi che attraversano il ponte. La passerella è sullo sfondo

Lo scafo del chimica è suddiviso in una griglia di serbatoi per il trasporto di oli vegetali, rivestiti in acciaio inossidabile e accessibili tramite portelli tubolari che corrono su entrambi i lati della passerella (11). Con le coperture per lo più a posto, sembrano file di funghi.

Le chimica fu originariamente arenata qui per controllare la fuoriuscita del carico di olio di girasole. Da allora il relitto è stato oggetto di numerosi studi scientifici sugli effetti delle fuoriuscite di olio di girasole sull'ambiente marino, che si sono rivelati notevolmente inferiori rispetto all'impatto che avrebbero causato gli oli minerali.

Dopo le prime due paia di portelli, la passerella si interrompe bruscamente (12). Il ponte e i portelli del serbatoio continuano, ma la passerella è stata spazzata via.

Il ponte scende di mezzo metro lungo ciascun lato del ponte principale (13). Attraversando il lato sinistro e scendendo sul fondo del mare, la sezione mancante della passerella è intatta ma capovolta, appena fuori dal relitto (14). Rende il nostro percorso un po' a zig-zag, ma è profondo solo 10 metri, quindi non dovrebbe essere un problema.

Tornati sul relitto, il ponte principale è bloccato da un lato all'altro da una struttura scatolata alta circa la metà della passerella. (15). Questo era il punto di pompaggio del carico petrolifero dentro e fuori dalla nave, collegato a tutti i serbatoi tramite tubi sotto il ponte.

La passerella prosegue ora verso poppa, con ulteriori gradini che la collegano al ponte principale (16). Poco prima della sovrastruttura rotta, il serbatoio più a poppa sul lato sinistro è crollato verso l'interno (17), consentendo di visionare le tubazioni che correvano sottocoperta collegando e ventilando i serbatoi.

Passi dal ponte principale alla passerella
Passi dal ponte principale alla passerella

La sovrastruttura (18) è in gran parte rotto, lasciando solo un unico livello sul lato di dritta, con una paratia longitudinale che mostra il punto in cui il lato di babordo è stato rotto. IL chimica originariamente si capovolse più al largo, poi l'equipaggio di salvataggio ruppe la maggior parte della sovrastruttura in modo da poter riportare lo scafo in posizione verticale e arenarlo nel suo attuale luogo di riposo.

Tirafune dietro i resti della sovrastruttura
Tirafune dietro i resti della sovrastruttura

Il lato sinistro della sala macchine è aperto, dove si può vedere il motore diesel sotto il ponte (19). L'albero dell'elica nel punto in cui esce dalla poppa è stato sepolto ben al di sotto del fondale marino di 10 metri mentre lo scafo si è stabilizzato.

Sopra la sala macchine sul lato di dritta, blocchi sul bordo del ponte principale (20) erano il punto di montaggio per uno dei chimicale barche di. Il ponte diventa quindi informe finché non si stacca nettamente a poppa (21). chimica avrebbe avuto una poppa con specchio di poppa piatto, quindi questo è il limite del relitto.

Non c'è nulla sul fondale nelle vicinanze, quindi sospetto che la sezione mancante del ponte e della poppa sia stata rotta contemporaneamente alla sovrastruttura.

Durante un'immersione così superficiale, la superficie è facilmente accessibile da qualsiasi punto del relitto. Per chi volesse fare una sosta di sicurezza a 3 metri circa, consiglio la sommità della sovrastruttura o il ritorno a prua. Quando emergi senza un SMB ritardato, assicurati di guardare in alto e intorno nel caso in cui ci siano barche che attraversano il relitto.

PETROLIO SULLE ACQUE TRAMPOLATE

Una nave che navigava sotto molti nomi: quella era la chimica. Quando fu costruita come nave cisterna in acciaio in Germania presso il cantiere di Menzer Ernst Schiffswerft, Geesthacht, fu rinforzata con il ghiaccio per far fronte alle rotte che avrebbe dovuto effettuare nelle acque settentrionali. È stata progettata anche per trasportare prodotti chimici in alcuni dei suoi serbatoi, nonché olio vegetale e vino in altri.

Alchemist Breme è stato il primo nome dato a questa petroliera da 997 tonnellate, lunga 73 metri, alimentata da un motore diesel a otto cilindri che produce 1500 CV per azionare la sua singola elica. Era il 1979. L'anno successivo divenne la Chemariadnie nel 1985 il Aldebaran Chimica.

Dai suoi nomi era chiaro che veniva utilizzata principalmente per carichi chimici. Tutto ciò è cambiato quello stesso anno quando è diventata Elma Torn, fu acquistata dalla Fathom Shipping Limited di La Valletta, Malta, e navigò sotto bandiera maltese come chimica. Anche i suoi carichi assunsero un aspetto più caldo, principalmente olio vegetale e vino.

La nave era sopravvissuta a tempeste violente e persino agli iceberg e alla banchisa nei suoi primi anni, e aveva affrontato bene i mari enormi. Ma i mari delle acque europee non hanno rivelato la loro vera forza fino al chimica salpò da St Nazaire a Birkenhead nella prima settimana del 1991. Mentre risaliva il Canale di St George, una tempesta colossale si abbatté su di lei da nord.

Quando si trovava a 16 miglia a sud-ovest di Holyhead, onde gigantesche la capovolsero e lei andò alla deriva verso la costa a 53 08.70 N; 04 28.00 W. Sul posto sono subito intervenute le squadre di soccorso. Hanno rimosso parte della sua sovrastruttura, l'hanno raddrizzata e l'hanno rimorchiata verso la costa. Quindi, per ridurre al minimo l'effetto delle future ondate di tempesta, la affondarono su un fondale di sabbia soffice e la ancorarono.

Nonostante ciò, l'intero carico di olio vegetale finì in mare e il relitto della chimica è stato successivamente utilizzato per studi di ricerca sugli effetti dell'inquinamento provocato da tale petrolio sull'oceano
ambiente marino.

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Segui la A55 attraverso il Galles del Nord fino ad Anglesey. Una volta superato il ponte, prendere la rampa di raccordo e girare a destra per Menai Bridge (la città, non il ponte stesso). Girare verso il lungomare vicino all'edicola e all'ufficio postale di fronte alla HSBC. La barca parte dal pontile di fronte alla Capitaneria di Porto.

MAREE: C'è poca corrente sul relitto del chimica, ed è possibile immergersi in tutti gli stati della marea.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS per il chimica sono 53 09.520 Nord, 004 26.932 Ovest (gradi, minuti e decimali). La prua punta a nord-ovest, ad angolo rispetto alla riva di Porth Twyn-Mawr. Una boa verde di segnalazione a dritta contrassegnata con “chimica" è al largo del relitto.

IMMERSIONE E ARIA: Scott Waterman, Quest Diving Charters, gestisce un Lochin 40 per prenotazioni di gruppo e una navetta RIB da 7.5 m. Telefono 01248/716923, mobili 07974/249005.

ALLOGGIO: Scott Waterman può metterti in contatto con un'intera gamma di alloggi locali, dal B&B nel pub vicino all'ufficio portuale al campeggio fuori città.

QUALIFICHE: Un bel relitto facile, abbastanza superficiale per il basic formazione immersioni.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 1970, Baia di Caernarvon. Mappa dell'Ordnance Survey 114, Anglesey. Relitti e barriere coralline di Anglesey, Andy Shears e Scott Waterman. Guida subacquea al Galles del Nord, Volume 1, da Barmouth a South Stack, Chris Holden. Informazioni turistiche su Anglesey, 01407/762622.

PRO: Praticamente intatto, fatta eccezione per la sovrastruttura.

CONS: Il sovraccarico può essere un problema, soprattutto con alcuni bordi taglienti dei rottami.

Grazie a Scott Waterman e Chris Holden.

Apparso su DIVER aprile 2007

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x