Tour del relitto 88: L'Arfon

Il tour del relitto di Arfon
Il tour del relitto di Arfon

Non può resistergli: questo mese JOHN LIDDIARD ci porta a fare il giro di un altro peschereccio armato, che colpì una mina e affondò al largo della costa del Dorset nel 1917. Illustrazione di MAX ELLIS

IL NOSTRO TOUR DEL ARFON INIZIA A CENTRO NAVE ad una coppia di caldaie che occupano l'intera larghezza dello scafo (1). La caldaia di tribordo è accartocciata nella parte anteriore come una lattina di birra schiacciata. Forse quando il Arfon è andato sott'acqua, la crescente pressione dell'acqua lo ha semplicemente schiacciato.

Dirigendosi a poppa, il Arfonil motore sovradimensionato a tripla espansione (2) sta in piedi lungo la linea centrale della nave. L'ingranaggio della valvola del motore (3) riempie la maggior parte dello spazio dal motore al lato sinistro dello scafo.

I controlli del motore.
I controlli del motore

Come il motore, il cuscinetto reggispinta (4) è altrettanto sovradimensionato. Un peschereccio ha bisogno di potenza sufficiente per muovere lo scafo e le reti che sta rimorchiando, e il cuscinetto reggispinta trasferisce la spinta in avanti derivante da quella potenza dall'albero dell'elica allo scafo.

Dal cuscinetto reggispinta, la prima sezione dell'albero dell'elica è ancora racchiusa in un tunnel ad arco. Un argano (5) è caduto sul lato sinistro, con un'estremità appoggiata al tunnel dell'albero dell'elica, l'altra appoggiata sulle nervature dello scafo.

Dopo il primo tratto del tunnel, il resto dell'albero dell'elica non è protetto (6), appoggiato esposto sui suoi blocchi portanti e intatto fino a poppa.

L'elica
L'elica

La poppa stessa è caduta a sinistra. Sopra di esso, la timoneria è intatta nella parte superiore del timone (7). Dopo la postazione abbassata, il timone (8) giace piatto contro il fondale marino a 35 m. L'elica (9) è parzialmente sepolto, le sue lame inferiori sono intatte mentre quella superiore è rotta.

Come la maggior parte dei relitti della zona, il Arfon ospita un enorme banco di imbronciati e parecchi merluzzi gialli. Quando mi sono immerso ho dovuto allontanarli per avere abbastanza acqua limpida da poter fotografare la poppa.

Rimanendo verso il lato di dritta mentre si procede nuovamente in avanti, all'altezza della torre reggispinta curva (10) è caduto nello spazio del bunker che occupa gran parte dello scafo a tribordo del motore.

Una paratia longitudinale separa lo spazio del bunker dal motore e trattiene ancora alcuni frammenti di carbone. Appena a dritta, una sezione del ponte con il portello del bunker (11) poggia sul fondale marino.

Il verricello da traino Arfons.
Verricello da traino

Oltre le caldaie, la chiesuola dello sterzo (12), completo dei resti della ruota, poggia proprio a tribordo sul corpo principale del relitto.

Il ponte a prua da qui è crollato sul fondo del mare, ma rimane ragionevolmente intatto, con la mastra della stiva (13) seguito da una serie di argani che coprono la larghezza del ponte (14). L'albero che avrebbe sostenuto le torre di trivellazione associate è caduto in avanti e a sinistra.

Un peschereccio armato dovrebbe essere proprio così – armato – e le posizioni più probabili per un cannone sarebbero sul ponte di prua o a poppa. Ahimè, non vedrai una pistola sul Arfon, perché andò perduto sulle Lulworth Banks durante un tentativo fallito di recuperarlo diversi anni fa.

La caldaia di tribordo
Caldaia di dritta

I Arfon avevamo una sola presa in avanti, quindi il nostro giro è ormai quasi a prua. La prua stessa è abbastanza intatta da resistere a un paio di metri dal fondale marino ed è caduta a dritta. Proprio dietro di esso, sul ponte, è appoggiato il perno del verricello dell'ancora (15).

Muovendosi a prua, appena fuori dal lato di dritta, una delle ancore si trova sul bordo del fondale (16). Poi, a prua dell'ancora, c'è il corpo principale del verricello (17).

Sopra, sul ponte di prua, la base del verricello (18) sembra che possa trattarsi di una fusione integrata con i colli delle cubie.

L'ancora
L'ancora

La parte finale del relitto è la punta d'acciaio più robusta della prua, che si alza dal ponte per terminare un paio di metri sopra il fondale marino (19). Stando nella corrente, è il luogo privilegiato per gli anemoni.

I Arfon è un relitto ideale per la profondità. Abbastanza piccolo da poter essere visto in un'immersione senza sosta, è comunque abbastanza complesso da giustificare un'immersione più lunga per chi è disposto a fare un po' di decompressione. Riposizionare l'inquadratura dovrebbe essere abbastanza semplice, fornendo una salita pigra a chi non si ferma.

Se è coinvolta la decompressione, una SMB ritardata è solitamente l'opzione migliore, perché l'acqua stagnante finirà presto e la marea aumenterà al punto che aggrapparsi a una shotline non è più il modo più semplice per decomprimersi.

SENTIERO DEL FORCO

Quando il Arfon fu costruito nel 1908 a Goole per la Pattern Steam Trawling Co di Milford nel Galles del Sud. Era stato progettato per la pesca a strascico, non per la guerra. Una nave in acciaio da 227 tonnellate, era lunga 36 metri con una larghezza di 6 metri e un pescaggio di 3 metri. Come le sue sorelle, lavorò duramente pescando quasi ogni giorno fino allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, scrive Kendall McDonald.

La Marina lo requisì quasi subito, lo dotò di un cannone e lo mise al lavoro ancora più duramente. Aveva sede a Portland con molti altri pescherecci da traino dello stesso tipo, e il suo compito principale era quello di spazzare via le mine tedesche depositate dagli U-Boot posamine della classe UC dalle rotte marittime costiere al largo del Dorset.  Arfon spazzato mine per quasi tre anni.

Il 30 aprile 1917 fu diretto verso un presunto campo minato a circa 1.5 miglia a sud di St Alban's Head. Il tenente Edward McKeown, al comando di un altro spazzino di Portland, Vera Grazia, si è unito al Arfon per spazzare l'area, in cui Arfon aveva precedentemente fatto esplodere una mina.

Ha detto che il Arfon aveva tre vedette sul castello di prua ma sottolineava che, sebbene il mare fosse piatto e l'acqua limpida, la luce riflessa del sole verso cui erano diretti rendeva impossibile vedere molto sotto la superficie.

Quando raggiunsero un'area contrassegnata da molti pesci morti, si verificò un'esplosione quasi sotto il Quello di Arfon prua e nuvole di fumo coprivano la nave.

Arfon emerse a prua e affondò rapidamente. Il marinaio Walter Gleeson in seguito disse che pensava che la mina fosse esplosa sotto la "forca" di tribordo, una struttura vicino alla prua per riporre i longheroni di riserva e l'attrezzatura della barca.

Ha visto il cuoco James Doy correre fuori dalla cambusa, prendere un salvagente e saltare in mare. Anche un altro uomo si è saltato, ma era più vicino a poppa e l'elica lo ha catturato, uccidendolo sul colpo. Gleeson saltò e fu trascinato giù dalla nave, che stimò fosse ad un angolo di 70°, con l'elica che girava ancora alta nell'aria.

È stato prelevato da una barca dal Vera Grazia, che aveva già a bordo il marinaio di punta Mike Mcintyre e il segnalatore George White. Erano gli unici sopravvissuti al Arfon, che affondò in meno di un minuto portando con sé il capitano e gli altri otto membri dell'equipaggio.

Le ricerche dei sommozzatori non riuscirono a trovare il relitto fino al 1999, quando fu scoperto sette miglia a sud di Worbarrow Tout.

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Per Weymouth, seguire la A37 o A354 per Dorchester, poi la A354 per Weymouth e poi per Portland via Chesil Beach, svoltando a sinistra per il vecchio cantiere navale di Castletown mentre la strada inizia a salire sulla collina verso Portland. Breakwater Diving si trova presso l'Hotel Aqua, sulla sinistra quando si arriva a Castletown.

MAREE: L'acqua stagnante è 2.5 ore prima e 3.5 ore dopo l'acqua alta di Portland.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 50 29.844N, 002 10.445W (gradi, minuti e decimali). Il relitto si trova in parte al di là della marea, con la prua appena a ovest del nord.

IMMERSIONI, ARIA E ALLOGGIO: Centro immersioni Breakwater, Portland 01305/860269, Immersione nel Dorset, Visita Hotel Acqua.

LANCIO: I biglietti sono disponibili a Weymouth, Portland e Kimmeridge. Sono previste tasse portuali e di varo.

QUALIFICHE: Adatto a subacquei sportivi che effettuano immersioni no-stop e ad una profondità ideale per prolungare il tempo di fondo con una miscela nitrox.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 2610, Bill di Portland a Anvil Point. Mappa dell'Ordnance Survey 194, Dorchester, Weymouth e dintorni. Immersione nel Dorset di John e Vicki Hinchcliffe. Relitti del canale della Prima Guerra Mondiale di Neil Maw. Indice dei naufragi delle isole britanniche Volume 1 di Richard e Bridget Larn. Informazioni turistiche di Weymouth, 01305/785747.

PRO: Un altro peschereccio armato davvero carino (anche se senza cannone).

CONS: Un piccolo relitto, non ci vorranno molti subacquei per farlo sembrare affollato.

Grazie ad Andy Lawrence e David Aplin.

Apparso su DIVER giugno 2006

Altri tour del relitto del Dorset su Divernet: Cielo Eoliano, Alex Van Opstal, Elena R, Mezzi da sbarco, unità bombardiere e accendino VIC, P555

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x