Tour del relitto 87: Il Clyde o Spyros

Tour del relitto del Clyde o di Spyros
Tour del relitto del Clyde o di Spyros

Due piroscafi, oNe ferro, uno acciaio, entrambi costruiti nel 1880 ed entrambi destinati ad affondare al largo dell'Isola di Wight, ma in quale relitto si è immerso JOHN LIDDIARD? Gli indizi devono sicuramente esserci... Illustrazione di MAX ELLIS

QUANDO MI IMMERGÒ IN QUESTO RELITTO, si pensava fosse il Clyde. Da allora, Dave Wendes mi ha informato che sono stati ritrovati alcuni rubinetti che indicano un'origine scandinava, e il relitto potrebbe effettivamente essere il Spyros.

L'identità non è affatto certa e al momento si potrebbe lanciare una moneta per decidere di quale nave si tratta effettivamente questo relitto. Entrambe le navi avevano dimensioni e attrezzature simili, quindi altri indizi per confermare l'identità sono pochi e rari.

Il nostro tour inizia a centro nave presso la caldaia (1), un vecchio design con un gruppo essiccatore a vapore a forma di torretta sulla parte superiore. Lo scopo è quello di applicare un po' di calore extra ed eliminare le ultime tracce di umidità dal vapore, perché l'eventuale umidità è fissata in volume e non contribuisce ad alimentare il motore, come fa il vapore secco.

Asciugatore a vapore nella parte superiore della caldaia
Asciugatore a vapore nella parte superiore della caldaia

L'orientamento è abbastanza facile. L'essiccatore è a poppa della caldaia e il motore dietro, anche se il nostro percorso prima andrà nella direzione opposta, verso prua. A prua della caldaia e sul lato di dritta, una macchina a forma di 8 visibile tra le travi del ponte è il motore dello sterzo (2), caduto qui da una timoneria di legno che un tempo avrebbe attraversato la nave sopra il ponte.

L'intelaiatura di una paratia separa i macchinari dalla seconda stiva (3). Il ponte si è decomposto lasciando cadere la mastra intatta nella stiva. Allo stesso modo, gran parte dello scafo è decaduto lasciando solo una struttura di nervature verticali lungo entrambi i lati di babordo e tribordo di questa stiva.

Restando all'interno della stiva e verso il lato di dritta, i verricelli che un tempo sarebbero stati montati sul ponte tra i portelli ora poggiano entrambi lungo l'interno del lato di dritta dello scafo (4). Anche la mastra del portello della stiva di prua è caduta nella stiva, ma non del tutto, sostenuta dai resti di alcune travi del ponte.

Verricello da carico caduto nella stiva di prua
Verricello da carico caduto nella stiva di prua

A prua c'è la prua, che sospetto fosse a filo con il ponte piuttosto che un castello di prua rialzato, anche se con il decadimento generale è difficile esserne sicuri.

Una torre curva si trova lungo la prua (5), la parte superiore poggia in prossimità dell'estremità di un piccolo verricello che poggia sulla sua estremità. Non ci sono segni di cubie di ancoraggio. Qui la torre sarebbe stata utilizzata per issare le ancore sul lato della nave, le catene guidate da un semplice passacavo su entrambi i lati della prua. Entrambe le ancore riposano insieme (6) proprio accanto al verricello dell'ancora.

A prua e sul fondale a 33 metri non ci sono segni di ulteriori detriti del relitto, anche se una vecchia nassa si è impigliata proprio sulla punta della prua.

Mirando a un tour non-stop a poco più di 30 metri, un percorso veloce per tornare alla caldaia e al motore si trova lungo il lato sinistro del ponte (7), semplicemente perché questo è più integro rispetto al lato di dritta.

Il motore (8) è un'unità composta a due cilindri, montata su entrambi i Spyros e la Clyde. I frammenti di carbone tra i detriti sul fondo della sala macchine provengono più probabilmente dai bunker che dal carbone Spyrosè il carico di carbone.

La parte superiore del motore composto a due cilindri
La parte superiore del motore composto a due cilindri

La paratia della sala macchine è solo un'intelaiatura del relitto, con il piede d'albero fissato saldamente contro la sua linea centrale (9). Dietro questo, un verricello da carico è caduto da un lato nella stiva (10).

Il ponte attorno alla stiva di poppa (11) conserva più struttura di quella delle stive anteriori, con la mastra ancora mantenuta nella sua posizione originale.

Verricello da carico a poppa
Verricello da carico a poppa

Come la prua, la poppa (12) si è rotto notevolmente rispetto al resto dello scafo. Sospetto che continuasse il flush-deck e che non ci fosse un quarter-deck rialzato. Qualsiasi sistemazione sarebbe stata in tughe di legno.

Le pale dell'elica sono state rotte
Le pale dell'elica sono state rotte

Sotto la poppa, l'elica (13) è appena visibile con un'unica lama rimasta, le altre tre lame si sono rotte. Dietro l'elica, il montante del timone si innalza proprio a poppa fino a diventare una semplice barra di governo (14).

Braccio del timone nella parte superiore del timone
Barra del timone nella parte superiore del montante del timone

Invece di essere nascosto sotto la poppa, sospetto che il timone si estendesse semplicemente dalla parte posteriore, in linea con il progetto primitivo del resto della nave.

Le Spyros (o Clyde) è un relitto così piccolo e semplice che può essere facilmente visitato con una rapida immersione senza sosta, quindi la risalita sulla linea di tiro o una SMB ritardata sono entrambe opzioni ragionevoli.

SOLO UN PO' DI URTO

Dovrebbe essere classificato come “sconosciuto”, ma i subacquei considerano tutti i relitti sconosciuti come una sfida. Quindi, a seguito di alcune immersioni determinate, l'identità di questa nave al largo di St Catherine's Point è stata ridotta da tutti i relitti sconosciuti al largo dell'isola di Wight a soli due.

Il favorito è un piccolo piroscafo in ferro chiamato Clyde, che colpì un frangiflutti mentre lasciava il porto di Portland nel primo pomeriggio di domenica 25 maggio 1902. Nessuno a bordo se ne preoccupò. "Solo un piccolo colpo, tutto qui," disse l'ufficiale.

E la nave da 307 tonnellate, costruita nel 1880 dalla Whitehaven Shipbuilding Company, lunga 40 metri con una larghezza di 6 metri e un pescaggio di soli 3 metri, continuò la sua strada, spinta dal suo motore composito a due cilindri da 70 cavalli e con una sola caldaia.

Le Clyde trasportava un carico di minerale di piombo da Aberystwyth ad Anversa. Era arrivato a Portland la mattina presto per prendere il carbone. Fu proprio durante la partenza che avvenne il “piccolo colpo”.

Non c'erano segni di danni e il fatto non era nemmeno registrato nel registro. Ma alle 9 era chiaro che avrebbe dovuto esserlo. L'acqua iniziò ad entrare così velocemente che sembrava che la chiglia fosse gravemente danneggiata.

Il capitano Tom Brown sapeva che la sua nave era condannata. L'equipaggio non riuscì a fermare il flusso e alle 10.20 ordinò l'abbandono della nave. Dalle loro barche lui e i suoi 10 membri dell'equipaggio non dovettero aspettare molto prima che... Clyde abbassò l'arco e scivolò silenziosamente sotto. Gli uomini furono tutti prelevati e sbarcarono sani e salvi a Dover il giorno successivo.

Anche impegnativo per il punto sconosciuto lo è Spyros, un piroscafo greco in acciaio, che per molti versi era simile al Clyde. Anch'esso fu costruito nel 1880, a Rostock. Era piccolo, con una stazza lorda di 387 metri, lungo 45 metri con una larghezza di 7 metri e un pescaggio di 4 metri. Era azionato dallo stesso tipo di motore, un bicilindrico composto, a caldaia singola, che produceva 51 CV.

Nel suo girovagare per l'Europa, è stato nominato per primo Cito, poi Nacka, poi Jyden prima di prendere il suo cognome tra tutti.

A dicembre 1921, Spyros stava viaggiando da Newcastle upon Tyne a St Ives con un carico di carbone. Martedì 20 dicembre mari enormi sono stati sollevati da venti di burrasca e così Spyros raggiunse il livello - anche se ben al largo - di St Catherine's Point, il colpo che stava subendo provocò una grave perdita in una delle stive piene di carbone.

Spyros virò verso terra per ripararsi, ma quando l'acqua raggiunse la sala macchine, perse potenza e affondò. Pochi membri dell'equipaggio sono sopravvissuti.

Quale nave è il relitto? Finora i subacquei hanno trovato un rubinetto di ottone sulla caldaia - con quella che sembra una scritta tedesca sopra - e lo skipper della barca per immersioni Dave Wendes ha recuperato un telegrafo ripetitore della sala macchine cesellato con caratteri inglesi. Sembra improbabile che questo relitto rimanga “sconosciuto” ancora a lungo.

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Dalla rotatoria allo svincolo 27 della M1, svoltare a sud sulla A337 attraverso Lyndhurst e proseguire fino a Lymington. Proseguire verso il centro città fino a quando la strada svolta nettamente a destra e svoltare in salita verso High Street. Invece di risalire la High Street, prosegui dritto e segui la strada in discesa fino al fiume e ai porti turistici.

MAREE: Il rallentamento dell'acqua è essenziale e si verifica 10 minuti dopo Dover con l'acqua alta o 45 minuti prima di Dover con l'acqua bassa.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 50 36.710N, 001 34.480W (gradi, minuti e decimali).

IMMERSIONE: Spirito Wight, lo skipper Dave Wendes, 02380/270390 Visita Mare profondo.

ARIA : TAL Immersioni, Christchurch, 01202/473030

ALLOGGIO : La Nuova Foresta è una zona turistica popolare, con di tutto, dai campeggi agli hotel, prontamente disponibili. Chiamata 01590/689000.

LANCIO: C'è un ormeggio nel porto di Lymington. È soggetto alle maree e si asciuga verso l'acqua bassa.

QUALIFICHE: Adatto a subacquei sportivi abbastanza esperti. La profondità media di poco più di 30 metri rende il Spyros or Clyde ideale per nitrox.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 2045, Si avvicina al Solent. Mappa dell'Ordnance Survey 196, Il Solent e l'Isola di Wight. Immersioni a Wight e Hampshire, di Martin Pritchard e Kendall McDonald.

PRO: Quasi la dimensione giusta per vederlo tutto in un'unica immersione, con abbastanza da interessare coloro che sono felici di accumulare un po' di decompressione.

CONS: Di che nave si tratta? Spyros oppure Clyde?

Grazie a Dave Wendes e ai membri dell'Hampshire Police Diving Club.

Apparso su DIVER maggio 2006

Altri tour sui relitti dell'Isola di Wight su Divernet: Clarinda, Londinese, Sud-occidentale

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x