Tour del relitto 78: Il Liverpool

Il tour dei relitti di Liverpool
Il tour dei relitti di Liverpool

È una bella via d'uscita nel Mare d'Irlanda, ma vale la pena dare un'occhiata a questa vittima del piroscafo e dell'U-Boot del 1890, ancora piena di attrezzature, afferma JOHN LIDDIARD. Illustrazione di MAX ELLIS

SITUATO A CIRCA 18 MIGLIA NAUTICHE a est del sud-est dell'Isola di Man e a circa 40 miglia nautiche a nord di Anglesey, il piroscafo Liverpool è uno dei nostri relitti meno accessibili, ma vale la pena arrivarci.

Su un fondale piatto di 38 metri, le parti che sporgono di più e si vedono meglio su un ecoscandaglio sono le caldaie, il motore e la poppa.

La postazione del timone e il quadrante dello sterzo si trovano ben al di sopra del ponte
Il timone e il quadrante dello sterzo si trovano ben al di sopra del ponte

When I dived the wreck, the shotline was nicely hooked onto the starboard side of the stern, so that’s where our tour of the wreck will begin, at 32m (1). Su questo lato della poppa sono stese una trave e una rete, anche se la rete è vecchia e facilmente visibile, quindi non presenta alcun pericolo.

La caratteristica principale della poppa è il montante del timone sormontato dal quadrante dello sterzo, che si trova a diversi metri dal ponte principale (2) e ricoperto di anemoni densamente fitti, con una folta pelliccia di idroidi sull'anello esterno del quadrante dello sterzo.

Originariamente ci sarebbe stato un altro livello del ponte, con i resti di un cuscinetto vicino alla parte superiore del montante del timone, ma questo è crollato e si è decomposto, lasciando poche tracce.

L'elica
L'elica

Scendendo sotto la poppa, l'elica di ferro a quattro pale è ancora al suo posto e il timone è difficile da portare a sinistra (3). Entrambi sono ricoperti da una miscela di margherite e anemoni piumosi e circondati da imbronciature. La profondità generale del fondale è di 38 metri, con uno scavo di 2 metri sotto la poppa.

Rimanendo vicino al fondale e avanzando lungo il lato sinistro del relitto, lo scafo si rompe e crolla fino a trovarsi quasi al livello del fondale, accanto a una coppia di bitte (4).

Un paio di bitte sul lato sinistro della poppa
Un paio di bitte sul lato sinistro della poppa

Ora torniamo al relitto, una paratia decomposta (5) sostiene il ponte a poppa e offre una vista all'interno, attraverso i grandi banchi di imbronciate che popolano il relitto.

Le Liverpool era solo un piccolo piroscafo, 686 tonnellate, lungo 62 metri e largo 9 metri, quindi con una buona visibilità è abbastanza facile avanzare lungo la linea centrale della nave, zigzagando su entrambi i lati per indagare su interessanti oggetti del relitto.

Innanzitutto, verso tribordo, c'è una sezione della ringhiera (6), appoggiato leggermente sopra il relitto e sede di un'altra bella collezione di anemoni.

Una sezione della ringhiera
Una sezione della ringhiera

Dietro la linea centrale del relitto, ma leggermente di traverso, c'è un argano che avrebbe servito le stive di poppa e la sua piastra di montaggio (7). Appena a prua e a dritta del verricello c'è una piastra d'acciaio con un anello con collare a un'estremità (8), forse spostato da sopra il motore. L'anello con collare sarebbe stato la base di un ventilatore.

Il motore a tripla espansione (9) is a beautiful and intact example, showing the cylinder size increasing from the high-pressure cylinder at the front of the engine to the low-pressure cylinder at the stern, with the connecting rods and crankshaft exposed below.

L'argano da carico
L'argano da carico

Il vapore veniva fornito da una coppia di caldaie (10), entrambi appoggiati a prua del motore.

A prua delle caldaie sulla linea centrale della nave, il motore del timone (11) è un blocco di macchinari a forma di G. A dritta, un'altra sezione della ringhiera (12) molto probabilmente proviene da una delle ali del ponte.

Il verricello che avrebbe servito la prua tiene (13) è nuovamente sulla linea centrale, anche se parzialmente coperta da un tratto di mastra della stiva (14).

Il nostro giro è ora nella zona della prua, anche se questa è ben rotta, forse da quando la Liverpool colpì la mina nel 1916, o quando affondò con la prua circa sei ore dopo.

Verricello da carico di prua, parzialmente oscurato da una sezione della mastra della stiva
Verricello da carico di prua, parzialmente oscurato da una sezione della mastra della stiva

Ancora più vicino alla linea centrale, un grande argano (15) è caduto da una parte. Il verricello dell'ancora (16) è leggermente spostato a dritta.

Una grande ancora modello Ammiragliato (17) è parzialmente coperto da una piastra dello scafo su una passera. Una piccola torre di trivellazione è caduta a dritta (18), il telaio che si estendeva dal relitto e si teneva sopra il fondo del mare. Quindi, sul lato sinistro della prua, poggia una cubia di ancoraggio (19).

Nonostante la profondità, per concludere l'immersione una nuotata veloce verso poppa richiederà solo un paio di minuti.

La postazione del timone è il luogo ideale per lanciare una SMB ritardata, prima di andare alla deriva attraverso il banco di merluzzi gialli che pattugliano la corrente sopra la poppa.

UN FIGLIO DEL DOLORE

Le Liverpool, un piroscafo in acciaio da 686 tonnellate e 62 metri, fu costruito nel cantiere di Liverpool di J Jones & Sons nel 1892. I suoi proprietari, la Sligo Steam Navigation Company, registrarono il suo porto di origine come Sligo in Irlanda, allora ancora parte del Regno Unito, scrive Kendall McDonald.

She worked as a short-voyage general cargo-carrier, often steaming back and forth between her name port and home port. Her three-cylinder triple-expansion engine with two boilers could produce 187hp, so she was not fast, but she was reliable and profitable, and remained so for the next 22 years.

Durante tutti quegli anni ricchi, i proprietari del Liverpool probabilmente pensava meno alla possibilità di una guerra con la Germania che a quella di un governo interno per l'Irlanda. Lo scoppio della guerra nel 1914 pose fine a tutto ciò e anche la Sligo Steam Navigation Company trovò le sue navi in ​​guerra.

Nei due anni successivi i carichi nelle stive della Liverpool erano più bellicosi, ma i soldi del governo erano buoni.

La Marina tedesca aveva varato il primo dei suoi unterseeboote, il U-1, nel 1906. La sua guerra sottomarina si sviluppò in modo casuale, poiché non capiva del tutto di possedere un'arma capace di mettere in ginocchio la Gran Bretagna affondando le navi mercantili su cui faceva affidamento per cibo e rifornimenti bellici.

Era una delle versioni molto successive dell'U-boat che doveva ridurre la Liverpoolè l'ora del mare. IL U-80 era uno dei nuovi grandi posamine, soprannominato dagli equipaggi "i figli del dolore".

Prestò servizio nella prima flottiglia di sottomarini della flotta tedesca d'alto mare, alla quale fu ordinato di riprendere la guerra affondamento a vista contro le navi mercantili nell'ottobre 1.

U-80 effettuò diverse missioni attorno alle Ebridi e nel Mare d'Irlanda. Comandata dall'Oberleutnant von Glasenapp, pose un campo minato al largo dell'Isola di Man, 11 miglia a sud-est del faro di Chicken Rock, il 18 dicembre 1916, per prendere le navi che utilizzavano Liverpool.

Ha catturato il Liverpool due giorni dopo. Tre membri dell'equipaggio morirono in una grande esplosione quando colpì una mina a contatto. Affondò rapidamente, ma il resto del suo equipaggio fu salvato.

Dopo aver affondato 26 navi nella sua carriera bellica, U-80 fu demolito dalla Gran Bretagna dopo la guerra.

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Isola di Man – Traghetto da Liverpool o Heysham a Douglas con l'Isola di Man Compagnia dei pacchetti di vapore, 08705/523523. Anglesey- ricerca riprende dal pontone di fronte all'ufficio portuale del ponte Menai (la città, non il ponte stesso).

MAREE: Il rallentamento dell'acqua è essenziale e si verifica un'ora prima dell'acqua bassa e dell'acqua alta di Liverpool.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 54 00.363N, 4 33.411W (gradi, minuti e decimali). La prua punta a sud, con i punti più alti del relitto costituiti dalle caldaie, dal motore e dalla poppa.

IMMERSIONE E ARIA: Da Port St Mary, Isola di Man – Mike Keggen, Vacanze subacquee sull'Isola di Man, 01624/833133, Da Anglesey – Scott Waterman, Quest Diving Charters. 01248/716923, email.

LANCIO: Scivolo a Port St Mary.

ALLOGGIO: Isola di Man – Appartamento con angolo cottura sopra il centro immersioni. Anglesey – B&B nel pub vicino all'ufficio portuale.

QUALIFICHE: Più adatto a subacquei esperti disposti a fare un po' di decompressione.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 2094, Da Kirkcudbright a Mull of Galloway e all'Isola di Man. Mappa dell'Ordnance Survey 95, L'isola di Man. Informazioni turistiche sull'Isola di Man 01624/686766. Mappa dell'Ordnance Survey 114, Anglesey. Indice dei naufragi delle isole britanniche Vol 5, costa occidentale e Galles, di Richard e Bridget Larn.

PRO: Un bel relitto con molti macchinari esposti.

CONS: Molto lontano dalla costa, quindi richiede ottime condizioni del mare.

Grazie a Mike Keggen e Scott Waterman.

Apparso su Diver nell'agosto 2005

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x