Tour del relitto 71: Il Verona

Il tour del relitto di Verona
Il tour del relitto di Verona

Uno yacht di lusso veloce e armato di cannoni: il Verona è una prospettiva intrigante, dice JOHN LIDDIARD. Estratto nel 1917, si trova a 39 metri da Lossiemouth. Illustrazione di MAX ELLIS

Con tutte le dotazioni di uno yacht di lusso, ingegneria avanzata e armi aggiuntive, tutte stipate in uno spazio che può essere esplorato senza andare troppo lontano nella decompressione, il Verona ha gli ingredienti giusti per un'immersione su un relitto stimolante.

Una boa è mantenuta legata al palo ad H in legno sul ponte di prua, nascosta in questa vista (1). A proravia di questo, il bompresso in stile clipper (2) si protende coperto dalle dita di uomini morti, simbolo della Verona- per la sua taglia ed età - è di 14 nodi.

un water in porcellana con motivo dipinto di blu all'interno
Ancora sotto la prua, troppo moderna per essere una di quelle Verona'S

Tutta la prua è molto inclinata a dritta. Dietro il montante H, il verricello dell'ancora sta cominciando a sgretolarsi, la base e l'asse principale sono ancora attaccati al ponte in teak, mentre due alberini più piccoli sono caduti sul fondo del mare a 39 m, ancora una volta invisibili da questa vista (3).

Restando per ora sul lato di dritta, vicino al fondale, anche un paio di piccole bitte sono cadute dal ponte meno consistente dietro il verricello dell'ancora. Poi arriva il primo dei Verona', con la canna puntata a poppa (4).

Tagliando il relitto ormai distrutto verso il lato sinistro, la porcellana bianca che emerge tra i detriti rappresenta i resti di due water e un lavabo, i water finemente decorati con motivi a linee blu (5). È un ricordo dell'opulenza dello yacht originale. Lo scafo del Verona è rotto qui.

il verricello dell'ancora
WC in porcellana con motivo interno dipinto di blu

Anche se la prua è caduta molto a dritta, a poppa delle teste è più verticale e un po' più a sinistra. Subito dopo la rottura, un piatto con un anello solido al suo interno (6) potrebbe essere stato parte della base per il supporto della pistola. A poppa da qui, le centine del ponte sono cadute nello scafo, inclinandosi verso il lato più alto di tribordo per formare una sezione triangolare.

Arrivando alle caldaie, vedrai che la caldaia dell'asino ha un design verticale a cupola (7), mentre la caldaia principale è di tipo scozzese più evidente (8), anche se piuttosto grande per le dimensioni del Veronae un'altra indicazione della sua velocità.

I tre fori per il fuoco sono allineati verticalmente sul lato sinistro del relitto, indicando che la caldaia ha ruotato di 90° a tribordo dal Verona fu quasi fatto saltare in due da una mina nel 1917. Ventitré vite furono perse, quindi il relitto è una tomba di guerra e dovrebbe essere trattato con il dovuto rispetto. La BSAC di Inverness, proprietaria del relitto, richiede che gli oggetti non vengano rimossi.

La rottura è appena a poppavia della caldaia, con la sezione poppiera del relitto di 60-70° fuori linea rispetto alla parte prodiera. IL Quello di Verona la timoneria sarebbe stata sopra la caldaia, e proprio a sinistra della caldaia una piastra sul lato del relitto copre parzialmente il timone della nave (9).

Tornando alla struttura principale del relitto, anche lo scafo a poppa è ben ruotato verso sinistra, anche se più spezzato rispetto alla parte prodiera. (10).

Sempre a babordo, una scatola rettangolare ha parzialmente rovesciato alcune lastre di vetro sulla sabbia (11). Questo è un po’ un mistero fino ai piani originali del Verona vengono esaminati, rivelando che in questa parte dello yacht c'era la camera oscura di un fotografo. Queste lastre sono molto probabilmente lastre fotografiche che sarebbero state conservate in una scatola rivestita di piombo.

Tornando al corpo principale del relitto, i servizi di poppa sono contrassegnati da un altro water in porcellana con il motivo dipinto di blu (12), in piedi sulla sua sezione del ponte.

Come lo scafo a prua, la poppa è caduta a sinistra, con un secondo cannone adagiato sul fondo del mare con la canna rivolta verso poppa (13).

Appena lontano dalla punta della canna, un tubo con stretti pistoni lungo entrambi i lati forma parte del motore dello sterzo (14), i pistoni opposti essendo azionati dal vapore per assistere la rotazione del timone.
Si può appena distinguere il profilo curvo della poppa nel punto in cui si è rotta ed è caduta sul timone, lasciando la parte superiore del montante del timone che sporge da sotto il caos generale dei rottami. (15).

Una leggera rottura nel relitto proprio davanti a questo fornisce una finestra attraverso la quale si può vedere l'elica, con il bordo curvo di una pala che si trova sotto i resti dell'elica. Veronail mazzo di (16).

Ritornando verso il centro del relitto e verso il lato di dritta, un lungo tratto di chiglia (17) mostra che la parte poppiera del Verona era ben oltre sul lato sinistro prima di crollare.

I Veronail motore di (18) è parzialmente oscurato da una piastra della chiglia ed è in linea con la sezione prodiera del relitto. La rottura dell'albero dell'elica è nascosta dalle piastre della chiglia caduta.

Il motore è uno degli aspetti più ovviamente insoliti del Veronaè ingegneria. Si tratta di un motore a quattro cilindri a quadrupla espansione, con i cilindri disposti affiancati in due coppie. Dietro il motore, un disco forato fa parte del ripetitore telegrafico.

Rimanendo sul lato della chiglia del relitto, grossi pezzi di carbone sono sparsi sul fondale dietro e sotto la caldaia (19).

Il viaggio dalla caldaia a prua consiste in gran parte nel rivisitare tutte le chicche che hai incontrato durante l'uscita, tra cui la caldaia dell'asino, il supporto per la pistola e i water dipinti di blu. Per una piccola variazione, prendi il lato sinistro della prua, che è ricoperto da altre dita di uomini morti gialli e bianchi tutto intorno al bompresso, quindi torna al montante H e alla cima.

IL GIOCATTOLO DI UN UOMO RICCO

Lo yacht a vapore di lusso Tighnamara fu un ottimo esempio di ciò che i costruttori navali scozzesi potevano fare se sostenuti da abbondanti quantità di denaro vittoriano, scrive Kendall McDonald. Fu varata nel Clyde a Greenock nel 1890 e, una volta completata, era un'elegante goletta a due alberi di 50 metri, con il suo unico imbuto a centro nave.

La maggior parte dei suoi accessori erano di ottone massiccio, e anche i suoi bagni erano riccamente decorati con fiori blu nel gabinetto e foglie blu ricurve che correvano incontrollate attorno ai lavandini di porcellana, un segno sicuro a quei tempi che lei era il giocattolo di un uomo davvero ricco. .

Era anche una buona barca marittima, ideale per la crociera tra le Isole Occidentali. Quindi è difficile capire perché nessuno dei suoi proprietari l'abbia tenuta per più di qualche anno. Ognuna ha cambiato nome, così è diventata successivamente Katoomba, poi Lord Byron, poi Imogen. Un altro cambio di proprietario fece sì che quando l'Ammiragliato la assunse per lavori di guerra nel novembre del 1914, mantenne il suo ultimo nome.

HM Yacht Verona ricevette presto l'ordine di doppiare la Scozia e di assumere compiti di pattuglia antisommergibile al largo della costa orientale da una base nel Moray Firth. Lì era adeguatamente equipaggiata per attaccare qualsiasi U-boat avesse incontrato, con piccoli cannoni sulla sua contropoppa e altri due a prua, vicino al suo lungo bompresso. Successivamente venne modificata per accogliere una singola carica di profondità, che venne semplicemente fatta rotolare sulla poppa.

Non avrebbe mai dovuto usare i cannoni o la carica di profondità contro nessuna delle grandi imbarcazioni posamine di classe UC che stavano affondando un gran numero di navi alleate in piccoli campi minati al largo della costa scozzese.

Verona colpì una mina tedesca la mattina presto del 24 febbraio 1917 mentre pattugliava circa quattro miglia a sud-est di Tarbat Ness. Affondò in meno di un minuto.

Tour del relitto Il Verona

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Prendi la A941 da Elgin a Lossiemouth. A Lossiemouth, segui il lungomare lungo il lato ovest del fiume, oltre la prima parte del porto, poi a sinistra nella seconda parte. Top Cat è ormeggiato all'estremità del pontile sul lato nord del bacino.

MAREE: C'è poca corrente in qualsiasi stato della marea.

COME TROVARLO: I Verona si trova rivolto all'incirca a sud, posizione GPS 57 51.64N 03 38.61W (gradi, minuti e decimali). Non ci sono transiti comodi, quindi bisogna cercare con GPS ed ecoscandaglio.

IMMERSIONE E ARIA: Moray Immersioni, Top Cat, skipper Bill Ruck, 01309/690421, 07775/802963.

LANCIO: I RIB possono essere varati nel porto di Lossiemouth.

ALLOGGIO: Ente del turismo di Aberdeen e Grampian, ufficio di Elgin, 01343/542666.

QUALIFICHE: I Verona è sufficientemente piccolo da poter essere utilizzato come immersione senza decompressione, anche se più realisticamente sarà necessaria una moderata quantità di decompressione.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Grafici dell'Ammiragliato 115 Moray Firth; 222 Buckie a Fraserburgh; 223 Dunrobin Indica Buckie. Mappa del rilevamento degli ordigni 28 Elgin e Dufftown.

PRO: Molte caratteristiche insolite. Non è necessaria acqua stagnante.

CONS: Un po' più in profondità di quanto molti subacquei si sentano a proprio agio.

Grazie a Bill Ruck, John Leigh e Tim Walsh

Apparso su Diver nel gennaio 2005

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x