Tour del relitto 66: L'Ashbury

L'Ashbury
L'Ashbury

Dovrai viaggiare più a nord che puoi nella Scozia continentale per immergerti in questo piroscafo, una delle peggiori vittime della Seconda Guerra Mondiale per cause naturali. JOHN LIDDIARD cerca il quadro generale. Illustrazione di MAX ELLIS

LA ASBURY È UNO DI QUEI RELITTI questo semplicemente non viene visualizzato su un ecoscandaglio. Il relitto è ben spezzato tra le rocce, disteso e così vicino che anche in una giornata di calma piatta l'ondata fa muovere la barca su e giù mentre si avvicina il più possibile per far scendere i subacquei.

Tutto quello che puoi fare è avvicinarti a un taglio nel lato occidentale di Dubh Sgeir Mhor e seguire il tuo naso.

Sott'acqua, il taglio nella roccia non è così pronunciato, solo una valle arrotondata nella parete rocciosa che digrada oltre alcune travi a 7 m (1) ad una sezione di albero su una cengia a 12-15 m (2).

Girando a sud lungo la sporgenza, con la salita a sinistra e la discesa a destra, i prossimi grandi rottami sono i perni rotti di un argano da carico con un pezzo di catena drappeggiato su di essi. (3).

Il relitto poi svanisce su un pendio coperto di alghe che segue la roccia a sinistra, con dita di uomini morti, anemoni e spugne sotto le sporgenze. (4). Sarebbe facile tornare indietro e pensare che la situazione fosse finita lì.

Tuttavia, esplorando ulteriormente continuando la discesa verso sud si arriva alla sezione anteriore del relitto, distesa su un'ampia insenatura sabbiosa tra le rocce a 20 m. I primi elementi riconoscibili sono un gruppo di tre argani ravvicinati tra le stive divaricate (5).

Seguendo la linea spezzata della chiglia più a est attraverso il pavimento della stiva di prua, il primo segno della prua è un mucchio di catene dell'ancora (6).

Poi c'è il verricello dell'ancora, appoggiato verticalmente sulla sua piastra di montaggio, e poi le cubie, separate dalla prua ma ancora incrociate l'una sull'altra.

Solo la punta della prua è ancora intatta, appoggiata sul lato sinistro (7) e si eleva a circa 3 metri sopra il fondale marino.

La sezione di prua del relitto si estende lungo un'insenatura sabbiosa tra le rocce. Seguendo i rottami lungo il bordo meridionale dell'insenatura si arriva a un argano capovolto, il quarto del precedente gruppo di argani, e ad una sezione dell'albero che giace sul relitto. (8).

Più lontano, le piastre e le centine generali della seconda stiva finiscono per svanire sulla sabbia (9). Girando di nuovo a nord, è possibile seguire il bordo del relitto attraverso l'insenatura fino a un'ancora (10) appoggiato sulla sabbia appena sotto le rocce. Ciò dimostra semplicemente che disastro confuso sia questo.

Per raggiungere la successiva area principale del relitto è necessario seguire la giunzione tra la sabbia e le rocce oltre un tratto di catena dell'ancora. (11) alle caldaie (12). Due delle tre caldaie si trovano sul pendio della scogliera, mentre la terza si trova sotto di loro, diritta e ben sepolta nella sabbia, tanto che sporge meno di un metro della caldaia.

Sopra le caldaie, un'area di detriti provenienti dalla sala macchine è sparsa lungo il pendio verso la cengia dove il nostro giro del Ashbury ha iniziato (13).

Ci sono molti pezzi di tubi, valvole e parti di un motore ausiliario mescolati tra frammenti di acciaio casuali.

Dall'altro lato delle caldaie, piccoli frammenti di rottami continuano verso nord, proprio sulle rocce e sulla sabbia. Innanzitutto ci sono alcune travi evidenti che giacciono su una cresta tra le rocce (14), poi una sezione scatolare, parzialmente sepolta nella sabbia (15).

Sospetto che ci siano molti altri rottami sepolti sotto la sabbia, anche se, sorprendentemente, una sezione del cuscinetto dell'albero dell'elica si trova in una leggera rientranza, quasi galleggiando sulla sabbia a circa 10 metri dalle rocce. (16). I rottami lungo il bordo delle rocce terminano dietro l'angolo successivo con una scatola più grande (17).

Dirigendosi verso sud, gran parte del motore e della parte di poppa del relitto si trovano a monte della sabbia.

Un canale risale le rocce con travi sparse (18), la scia di rottami si fa più fitta e presto porta ai resti del motore (19), adagiato in una valle poco profonda a 15m.

Il canalone tra le rocce sopra la poppa. Sul fondo del burrone sono polverizzati diversi rottami
Il canalone tra le rocce sopra la poppa. Sul fondo del burrone sono polverizzati diversi rottami

Due cilindri sono intatti e il terzo cilindro a bassa pressione è rotto.

Dietro il motore, una sezione piegata dell'albero dell'elica (20) si allontana giù per la valle, finendo tra i fusi di un argano rotto (21). Strani frammenti di rottami continuano verso nord, per poi svanire quando la valle termina e si apre sulla parete inclinata della roccia. (22).

Ritornando alla sezione piegata dell'albero dell'elica e seguendola nella direzione opposta, un'altra sezione dell'albero termina nel cuscinetto reggispinta (23) poi, nelle vicinanze, c'è l'albero motore del motore (24) e, sepolta sotto l'albero motore, l'elica di riserva.

Una massa compatta di rottami continua lungo il fondo della valle mentre sale verso le acque basse, restringendosi e incurvandosi fino a formare uno stretto canyon. (25). Anche se sarebbe possibile terminare l'immersione ed emergere qui, ha più senso costeggiare la parete rocciosa ed emergere più vicino al punto di ingresso, dove una barca avrà meno problemi a raccogliere i subacquei.

Quindi, finito il tour, torniamo al quadro generale. IL Ashbury era una grande nave da 3,900 tonnellate e lunga 104 metri. Ovviamente si è rotto la schiena proprio davanti alle caldaie, la parte anteriore con due prese spingeva avanti e oltre le rocce.

La parte poppiera fu poi fatta a pezzi contro l'estremità settentrionale delle rocce, le caldaie caddero giù per il pendio, e il motore e almeno parte dell'albero dell'elica si fermarono nella valle a metà delle rocce.

C'erano quattro argani tra le stive di prua, il che mi porta a pensare che ce ne sarebbero stati un numero simile anche tra le stive di poppa, ma il mio schizzo ne mostra solo uno. L'albero dell'elica punta verso nord, ma i rottami presto svaniscono.

Ciò significa che dal mio schizzo manca una parte del relitto, forse tanto quanto l'intera stiva di poppa e la poppa.

Ho esplorato molto a nord di ciò che mostra l'illustrazione e ho cercato anche più lontano, sulla sabbia, ma senza successo. Forse i resti della poppa sono sepolti più lontano, nella sabbia.

La sezione del cuscinetto (16) sosterrebbe questa teoria. Un'altra possibilità è che la poppa fosse staccata dal relitto sufficientemente intatta da essere spinta oltre la barriera corallina e fuori dall'altra parte, trovandosi da qualche parte dietro le rocce dal punto di vista dell'illustrazione.

IN MERCATO DEI VENTI

I Ashbury ho avuto problemi al condensatore, per usare un eufemismo. Questo, unito alla ferocia della tempesta dell'8 gennaio 1945, la spinse sulla barriera corallina chiamata Dubh Sgeir Mhor, che dal gaelico significa Grande Roccia Nera. Si trova all'imbocco della baia di Talmine, quasi a nord quanto si può andare nel nord-ovest della Scozia, scrive Kendall McDonald.

Quando questo piroscafo affondò, tutti i 42 a bordo morirono annegati, rendendo questa una delle peggiori perdite di navi della Seconda Guerra Mondiale non causate dall'azione nemica.

Fu varata a West Hartlepool nel 1924 come Nitedal. Un anno dopo era la Cairnhill. Nel 1935 fu acquistata dalla “flying bug line”, la Alexander Shipping Line, che utilizzava un'ape indaffarata sulla sua bandiera blu. Ha ribattezzato la nave Ashbury.

Alla fine del 1943 era ancora intatta, ma alla fine del '44 si trovava nel Mediterraneo quando il suo condensatore iniziò a funzionare. In Spagna 240 dei 992 tubi furono tappati, ma non era una cura e i suoi ingegneri dovettero usare segatura per fermare le perdite.

A Workington, il condensatore continuava a dare problemi, ma poiché lo scalo successivo era il Tyne, si decise di effettuare le riparazioni lì. Il fatto che ciò significasse prendere una nave con un condensatore poco sicuro intorno alla Scozia attraverso i mari selvaggi di gennaio non sembra aver preoccupato nessuno.

I Ashbury navigò in zavorra con 345 tonnellate extra di rifiuti di pietra. Ciò ha mantenuto il capo dell'elica sott'acqua ma ha lasciato le pale che rompevano la superficie. Ha comunque raggiunto in tempo l'appuntamento del suo convoglio a Loch Ewe, ma mentre aspettava gli ordini di partenza ha perso l'ancora di dritta quando il cavo si è spezzato.

Né il cavo né l'ancora furono sostituiti prima che salpasse con il convoglio il 6 gennaio 1945, dritta in una tempesta forza nove con neve da nord. Il capitano David Morris presto rimase molto indietro. La mancanza di una zavorra adeguata rese la nave ingovernabile e lui lasciò cadere l'ancora di prua e di sinistra e chiese aiuto via radio. Entro mezzanotte, Ashbury era alla deriva.

Santa Teresa della Marina canadese hanno combattuto per due ore per mantenere una linea a bordo prima di perdere il contatto. Alle prime luci dell'alba furono trovati 26 corpi trascinati a riva a Talmine e a Tongue, e dalla riva si potevano vedere due alberi alberi ergersi in mezzo a mari enormi.

Anni dopo, i membri del Thurso BSAC furono i primi a vedere il relitto quando trovarono un'elica di bronzo e un cannone da 4 pollici sul lato costiero della barriera corallina, dando un'idea di quanto fossero stati forti quei venti.

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Sulla mappa dell'Ordnance Survey, segui la A836 verso ovest da Thurso quindi, prima di Tongue, svolta a destra su strade non classificate per Skerray.

DIVING: Le barche charter più vicine hanno sede a Scapa Flow. Altrimenti è meglio prendere il proprio RIB.

ALLOGGIO: Campeggi e hotel nella zona di Thurso, a circa 90 minuti di auto da Skerray, o Kyles of Tongue più a ovest.

ARIA: Club subacqueo di Caithness

MAREE: I Ashbury è possibile immergersi con qualsiasi stato della marea.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 58 32.822N, 4 24.659W (gradi, minuti e decimali). Sull'ecoscandaglio non verrà visualizzato nulla, quindi scendi semplicemente sul lato occidentale di Dubh Sgeir Mhor ed esplora l'area mostrata nell'illustrazione.

LANCIO: Lo scalo più conveniente è nel porto di Skerray.

QUALIFICHE: Adatto a chiunque.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 1954, Da Cape Wrath a Pentland Firth. Mappa dell'Ordnance Survey 10, Strathnaver. Mappa dell'Ordnance Survey 11, Thurso e Dunbeath. Immersioni sui relitti di Caithness. Indice dei naufragi delle isole britanniche Vol 4 di Richard e Bridget Larn. Sito web della comunità di Caithness.

PRO: Quindi fuori mano raramente viene immerso.

CONS: Quindi fuori mano raramente viene immerso.

Grazie a Davy Carter, Mark Liddiard, Ian Mackay, Tony Jay, Victoria Jay, Tim Walsh e Rachel Locklin.

Apparso su Diver, agosto 2004

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x