Tour del relitto 31: L'Oregon

Tour del relitto 31 L'Oregon
Tour del relitto 31 L'Oregon

Ora passiamo a qualcosa di completamente diverso: JOHN LIDDIARD ci porta in giro per un brigantino a vela vittoriano con scafo in acciaio. Illustrazione di MAX ELLIS

I relitti delle navi a vela generalmente tendono ad essere di maggiore interesse archeologico rispetto ai relitti di buone navi a vapore o diesel. Sono rimasti a terra per molto tempo, sono stati schizzati contro le rocce e gli scafi tipicamente di legno sono marciti.

I Oregon è un'eccezione. Sebbene fosse rimasta intrappolata su una barriera corallina al largo di Thurlestone nel 1890, la nave da 810 tonnellate fu rimessa a galla e si diresse verso Plymouth prima di affondare a 30 metri. Lo scafo in acciaio è crollato per lo più sul fondo del mare, ma la maggior parte della struttura del relitto è ancora lì e identificabile.

Se vuoi dare un'occhiata al relitto di un veliero in buone condizioni, questo è il posto dove immergersi.

Essendo piccolo e abbastanza piatto contro il fondale marino, il Oregon è un relitto difficile da trovare. Nella zona sono presenti alcuni piccoli scogli rocciosi che si innalzano per un metro o due dal fondale e possono essere facilmente confusi con il Oregon su un ecoscandaglio.

Alcune guide pubblicano i transiti, ma sono il tipo di transito difficile da interpretare finché non ci si trova proprio sopra il relitto. L'ultima volta sono andato a cercare il Oregon su una barca del club utilizzando i transiti e le coordinate elencate, ci è voluta una buona ora e mezza di ricerca per trovarlo, ed eravamo ben lontani dalla boa di ricerca che avevamo lasciato cadere.

Dopo aver fatto tutti questi problemi, la posizione registrata nel GPS è stata sovrascritta da un altro viaggio prima che potessi iniziare a copiarla su carta. Quindi lo skipper Mike Rowley mi ha aiutato con alcuni numeri molto precisi da mv Maureenil GPS differenziale.

Un piede d'albero sull'Oregon
Un piede d'albero

La prua e la poppa del Oregon sono le uniche parti che si alzano abbastanza da dare un'eco davvero positiva, quindi suppongo che il tiro sia caduto sugli archi (1).

La punta della prua è intatta e appoggiata sul lato di dritta. In condizioni di mare aperto la profondità sarà di circa 34 m sul fondale e costante per tutta l'immersione. Anche quando la marea è alta, la corrente non è così forte e non ha formato una corrente.

Il lato sinistro superiore della prua raggiunge i 30 metri ed è ricoperto da una fitta foresta di idroidi, con alcuni graziosi anemoni piumati nascosti sotto i bordi. Quando la corrente è un po' forte, un banco di merluzzi gialli si forma stretto sopra la prua, mentre i labridi pattugliano individualmente più vicini al relitto.

Anemoni piumati sotto la punta degli archi, con il broncio di pattuglia
Anemoni piumati sotto la punta dell'arco, con il broncio di pattuglia

All'interno della prua, il piano di calpestio in legno è marcito lasciando scoperte le cubie dell'ancora (2). Una grande ancora (3) sta appoggiato su una punta appena sopra la prua. Uno sfortunato pescatore ha perso qui la sua attrezzatura da traino, con una vecchia trave tirata saldamente sotto l'ancora.

La mia ipotesi è che questa sia molto più antica delle reti che si impigliano nell'angolo superiore degli archi.

Il verricello dell'ancora è posizionato dietro la prua (4), verticale e fissato alla piastra di rinforzo in acciaio che lo avrebbe fissato al ponte, prevalentemente in legno. La cosa interessante di tutti gli argani del Oregon è che sono progettati per la potenza muscolare piuttosto che per quella del motore.

Un po' più indietro lungo il relitto, un portello d'acciaio della stiva di prua è in piedi su un lato con alcune piastre dello scafo appoggiate su di esso (5). Questo fa una piccola nuotata, di solito con un banco di imbronciati che si disperdono sulla tua strada quando entri.

Sopra il ponte ecco la parte inferiore del primo dei Oregonsono tre alberi (6). Proseguendo verso il relitto, si trovano piastre dello scafo crollato (7) ospitano boschi di ottime gorgonie.

Circa al centro della nave, un grosso cilindro d'acciaio (8) potrebbe essere stato un serbatoio d'acqua. Su una nave a vela non riesco a immaginare cos'altro sarebbe stato. Dietro c'è l'albero di un argano da carico (9).

Questo è seguito da una sezione dell'albero principale (10) e un anello d'acciaio che avrebbe sostenuto longheroni o vele sull'albero.

Più indietro c'è il piede dell'albero di mezzana (11), verticale in una piastra del ponte, e immediatamente dietro questa la cornice del portello della stiva di poppa (12), questa volta disteso contro il relitto.

Poiché l'Oregon era una nave a vela, ci sono molte sezioni rotte di alberi e pennoni.
L'Oregon era una nave a vela, quindi ci sono molte sezioni rotte di alberi e longheroni.

Da qui la poppa acquista una certa struttura, sdraiandosi sul lato di dritta e sollevandosi di circa 4 metri, così come la prua. Verso poppa la postazione del timone, con la timoneria ancora in posizione, è tenuta appena fuori dal fondale (13). Come a prua, a poppa è drappeggiata una vecchia rete da pesca.

A pochi metri dal relitto, sopra la poppa, c'è un altro piede d'albero (14). Sospetto che questo potrebbe essere stato il piede dell'albero maestro (10), spostato e spostato da qualche evento nel Oregonè passato.

Seguendo la linea del palo del timone attraverso la poppa verso la chiglia, il timone (15) giace piatto contro il fondale marino.

Poiché il relitto è caduto sul lato di dritta ed è crollato, l'altro lato del relitto è praticamente composto solo da piastre dello scafo e chiglia, con ulteriori foreste di gorgonie. In mezzo a questo lato del relitto ci sono occasionalmente pietre di zavorra.

Dato che il relitto è abbastanza piccolo da potersi immergere senza accumulare molta decompressione, ed è anche facile da navigare, non dovrebbe essere troppo difficile ritrovare la strada per il tiro e risalire la linea.

CHIAMATI PILOTA!

Potresti pensare che il capitano Albert Lowe abbia avuto sfortuna con il pilota assegnato a Falmouth per portarlo sano e salvo lungo la Manica. Dopotutto, era riuscito, senza pilota, a portare con sé la sua barca a tre alberi con scafo in acciaio Oregon da Iquique, in Cile, doppiando Capo Horn e attraversando l'Atlantico con un carico di nitrato di sodio, scrive Kendall McDonald.

I suoi ordini erano abbastanza chiari. Avrebbe dovuto prendere un pilota una volta raggiunto Falmouth prima di continuare il suo viaggio verso Newcastle. Quindi a bordo del 60m Oregon mentre risaliva la Manica c'era un pilota, oltre ai 18 membri dell'equipaggio e al loro capitano.

Il problema era che non era un granché come pilota. Nel buio e nella pioggia della sera del 18 dicembre 1890, il Oregon è riuscito a colpire Book Rocks, appena fuori dalla spiaggia vicino allo spettacolare arco di Thurlestone Rock nel South Devon.

Il capitano Lowe virò immediatamente la sua nave, la sentì liberarsi e poi si diresse in mare aperto. Ma era gravemente bucata e nel giro di pochi minuti il ​​capitano dovette ordinare l'abbandono della nave. La prima barca è stata sommersa non appena è stata ammainata, ma la seconda lancia è andata meglio e tutti sono scesi sani e salvi. IL Oregon affondò pochi minuti dopo.

Nessuno, tanto meno il pilota, sapeva dove fossero. Nell'oscurità sono andati alla deriva per 12 ore prima di avvistare una luce sulla riva, che li ha condotti al rifugio del villaggio di pescatori di Inner Hope, dove i giornali dicono che "sono stati trattati con grande gentilezza".

Il relitto del Oregon fu tuffato per la prima volta da Kingston BSAC e fu identificato dalla data di costruzione - 1875 - fusa nel mozzo della sua ruota quando fu costruito da Mounsey & Foster di Sunderland. I subacquei ne hanno recuperato molti lignum vitae blocchi di sartiame.

MAREE: L'acqua stagnante è due ore dopo l'acqua alta e l'acqua bassa a Plymouth. I subacquei più esperti possono immergersi durante la marea durante i neap.

ARRIVARCI: Dalla M5 e dalla A38, svoltare a sinistra sulla A384 per Totnes e prendere la A381 per Kingsbridge e Salcombe. Hope Cove è svoltare nettamente a destra nel villaggio di Malborough, poco prima di Salcombe, attraverso stradine di campagna molto strette. Prega solo di non incontrare una carovana che viene dalla direzione opposta. Per Dartmouth, lascia la A381 a Halwell sulla A3122. Maureen riprende dal pontile galleggiante solo nel sistema a senso unico.

COME TROVARLO: Le coordinate di un GPS differenziale sono 50 14.676N, 3 56.318W a 50 14.697N, 3 56.295W (gradi, minuti e decimali). Gli archi sono a sud-ovest. Si noti che il GPS è stato impostato per visualizzare le coordinate OSGB (carta) anziché le coordinate WGS predefinite del sistema GPS.

IMMERSIONE E ARIA: Da Salcombe, Kara C, skipper Alan House. Da Dartmouth, Maureen, lo skipper Mike Rowley.

LANCIO: A Salcombe il parcheggio del parcheggio Shadycombe è utilizzabile durante tutta la marea. Anche se costoso per un solo fine settimana, questo noleggio può essere più economico per una settimana o due ed è più adatto ai gommoni di grandi dimensioni. Uno scivolo a Hope Cove (Inner Hope) ha un costo di lancio ragionevole ed è bagnato solo per un'ora o due su entrambi i lati dell'alta marea. Sotto lo scivolo c'è una solida spiaggia sabbiosa adatta al varo dalla spiaggia con un 4×4.

ALLOGGIO: Crociere Maureen. Centro informazioni di Salcombe

QUALIFICHE: Più adatto ai subacquei sportivi e superiori. Questa non è sicuramente un'immersione per principianti o subacquei appena qualificati.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 1613, Eddystone Rocks fino a Berry Head. Mappa dell'Ordnance Survey 202, Torbay e zona sud di Dartmoor. Immersioni nel sud del Devon, di Kendall McDonald. La guida del demolitore del South Devon, parte 2, di Peter Mitchell.

PRO: Un'interessante occasione per vedere i resti relativamente completi, anche se non intatti, di un veliero. È abbastanza piccolo da poter essere visto con un numero minimo di soste di decompressione, ma allo stesso tempo abbastanza grande da rendere utili le immersioni più lunghe.

CONS: Difficile da trovare.

Grazie a Mike Rowley e ai membri dell'UBUC.

Apparso su Diver, settembre 2001

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x