Tour del relitto 175: Il Saphir

Tour del relitto 175 Il Saphir
Tour del relitto 175 Il Saphir

Questo piroscafo superò quasi indenne la Grande Guerra, poi si incontrò U94 al largo della Cornovaglia settentrionale. JOHN LIDDIARD ci guida attraverso i suoi resti distrutti in un tour illustrato da MAX ELLIS

CON TIPICI DELLA CORNOGLIA north coast visibility and a wreck that, although well broken, lies pretty much in a straight line, our wreck this month is easy to navigate, though perhaps a little tricky to find, as it lies alongside a rocky reef.

Tuttavia, con il GPS e un buon occhio all'ecoscandaglio, è possibile individuare la forma caratteristica di una caldaia, che si innalza fino a 29 metri da un fondale di 32 metri.

È qui che Hutch e Andrew della Harlyn Dive School lasciano il colpo.

Alcuni resoconti danno il Zaffiro come se avessi due caldaie, ma in realtà si tratta di un'unica caldaia principale (1) e una caldaia per asino più piccola (2). La caldaia dell'asino era originariamente in una configurazione a sella sulla parte anteriore della caldaia principale, ma ora poggia appena davanti ad essa, mentre l'orientamento della caldaia principale indica che è rotolata a dritta.

Caldaia principale
Caldaia principale

Un po' più a dritta, una larga sezione della lamiera dello scafo (3) giace piatto sul fondo del mare. Tracciando una linea a poppa dal bordo interno di questa piastra, una sezione dell'albero motore (4) è caduto ben lontano dal resto del motore.

Più sezioni di albero motore e cuscinetti (5) sono più vicini a dove ci si aspetterebbe e, insieme ad altre parti dei macchinari, sostengono effettivamente il lato sinistro dello scafo abbastanza da poter esplorare il sottosuolo. Intorno a quest'area è inoltre sparso un groviglio di sottili tubi di condensatore (6).

sezione del cuscinetto dell'albero motore.
Sezione del cuscinetto dell'albero motore

It now becomes apparent that the wreck has fallen and then collapsed to starboard, perhaps as a result of initially landing on the ridge of reef that runs almost parallel to the keel.

Il nostro percorso a poppa segue il lato di tribordo e quello del ponte del relitto, oltre una piccola torre di trivellazione (7) e un argano da carico rovesciato (8), situato all'incirca tra le due stive di poppa. Inoltre, una volta sul ponte tra le stive, ma ora ancora più lontano dal relitto, c'è un'unica bitta (9).

verricello di carico a poppa
Verricello da carico a poppa

Questo una volta sarebbe stato uno di una coppia, quindi forse l'altro si trova da qualche parte più lontano dal corpo principale del relitto, o sepolto o coperto di detriti.

Di nuovo dentro al corpo principale, la mastra per la stiva di poppa (10) ha un bordo leggermente dentellato.
Proseguendo verso poppa, lo scafo appiattito arriva a un'estremità tagliata di netto dove la poppa si è rotta. Di nuovo uscendo dal corpo principale del relitto, un pezzo di relitto sorprendentemente fuori posto è una sezione dell'albero dell'elica e della chiglia. (11).

Subacqueo dall'elica
Subacqueo dall'elica

La poppa stessa è stata ridotta da quasi 100 anni di profonde tempeste invernali alla sola parte inferiore (12) con l'albero dell'elica che lo attraversa. L'elica di ferro (13) rimane al suo posto.
Il timone (14) si è staccato dal suo supporto e giace un paio di metri più in alto. La parte superiore del montante del timone è piegata all'indietro.

Sorprendentemente, dopo tutta questa distruzione, il semplice timone dello sterzo è rimasto attaccato.
Ritornando in avanti, seguendo il lato della chiglia del relitto (15), lo scafo è sostenuto leggermente dall'albero dell'elica in dotazione e, più avanti, da parti del motore.

A proravia della caldaia e della caldaia dell'asino, sul ponte e sul lato di dritta del relitto, un paio di piccole torri di trivellazione (16) giacciono leggermente separati. La stiva si sta avvicinando qui (17) ha ancora una volta un bordo dentellato.

Lo scafo (18) ora è quasi completamente piatto rispetto al fondale marino. Tra le stive di prua c'è un singolo argano, con i mandrini (19) separato dalla base (20). La prua rimane piatta sul fondale e i detriti sono ben dispersi.

Fuori dal ponte c'è una piccola torre di ancoraggio (21), il verricello dell'ancora (22) e, sotto, una cubia e un mucchio di catene d'ancora (23), versato dove il deposito delle catene è marcio.

Cubia e catena dell'ancora.
Cubia e catena dell'ancora

Nella parte inferiore della prua rimane qualche struttura nel punto in cui la base dello stelo termina con l'inizio della chiglia (24).

Diving on a low-water slack, the tide will by now be picking up towards the reef. Ascent and decompression is best made on a delayed SMB.

QUASI FATTO

SAPHIR, nave da carico. COSTRUITO 1901, affondato 1918

Costruito nel 1901 da Laxevaags Maskin & Jernskibsbyggeri di Bergen, il piroscafo norvegese da 1406 tonnellate Zaffiro era alimentato da un motore a tripla espansione da 146 CV con vapore proveniente da un'unica caldaia.

Di proprietà di Erich Lindøe di Haugesund, il Zaffiro stava trasportando un carico di carbone da Barry Dock a Bayonne quando divenne la seconda e ultima vittima dell'Oberleutnant Martin Schwab e U94.

Il sottomarino ha silurato il Zaffiro as she rounded Trevose Head on 25 May, 1918. The Zaffiro mancavano solo sei mesi per sopravvivere alla prima guerra mondiale.

Una settimana prima, l'Oberleutnant Schwab aveva silurato la nave a vapore molto più grande da 10,644 tonnellate Hurunui 48 miglia a sud-ovest di Lizard Point.

U94 sopravvisse alla guerra senza affondare più navi e si arrese il 20 novembre 1918.


Tour Guide

La guida turistica del relitto Saphir
La guida turistica del relitto Saphir

COME ARRIVARE: Segui la M5 fino a Exeter, poi la A30 fino a Launceston, poi la A395 fino a Camelford e la A39 fino a Wadebridge, quindi la B3314 fino a Rock. La Harlyn Dive School si trova a poco meno di due miglia sulla collina di Pityme, vicino al cantiere navale Rock Marine.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 50 33.839N, 005 03.925W (gradi, minuti e decimali). La prua punta a sud-est.

MAREE: Il rallentamento dell'acqua avviene un'ora dopo l'alta o la bassa marea di Newquay, ma non durante le maree primaverili.

IMMERSIONE E ARIAScuola di immersioni Harlyn, 01208/862556.

ALLOGGI: Ci sono molte opzioni, dal campeggio ai cottage con angolo cottura, ai B&B e agli hotel. Tieni presente che durante l'alta stagione molti posti sono riluttanti ad accettare prenotazioni per meno di una settimana.

LANCIO: Scalo di alaggio per la spiaggia ferma di Rock.

TITOLI DI STUDIO: BSAC Sports Diver or PADI Deep speciality, ideally with a decompression qualification from one of the technical agencies.

PIÙ INFORMAZIONE: Carta dell'Ammiragliato 1149, Pendeen a Trevose Head. Carta dell'Ammiragliato 1168, Si avvicina a Padstow. Carta dell'Ammiragliato 1156, Trevose Head to Hartland Point. Mappa dell'Ordnance Survey 200, Newquay, Bodmin e dintorni. Indice dei naufragi delle isole britanniche, volume 1, di Richard e Bridget Larn. Immersioni nelle Isole Scilly e nella Cornovaglia settentrionale, di Richard Larn e David McBride.

PROS: Facile da navigare con una visibilità generalmente buona.

CONS: Just on the deep side for a PADI AOW missing a Deep speciality.

PROFONDITA ': 35 m - 45 m

GRADO DI DIFFICOLTÀ:

Apparso su DIVER agosto 2013

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x