Tour del relitto 172: Il nuovo

Tour del relitto 172: Il nuovo
Tour del relitto 172: Il nuovo

Identificata con certezza solo di recente, questa miniera vittoriana affondata al largo della costa del Sussex non è stata molto immersa, dice JOHN LIDDIARD, ma attenzione alla possibile scarsa visibilità. Illustrazione di MAX ELLIS

IL naufragio di questo mese è un altro in cui mi sono tuffato per la prima volta quando era sconosciuto. Lo skipper Dave Ronnan lo ha semplicemente contrassegnato come JR1 Il nostro-Wed è così che ho registrato l'immersione nel mio logbook.

Ad un certo punto il Stanhope fu proposto e poi eliminato perché non c'erano abbastanza caldaie, ma il relitto venne spesso chiamato “Not the Stanhope”.

I Stanhope è stato successivamente identificato dal Tunbridge Wells Sub-Aqua Club (TWSAC) nel 2011 e descritto come Tour del relitto 163 lo scorso giugno.

Altri relitti scomparsi un tempo considerati erano il Horst Martini e la Metà del Surrey. Poi, nel marzo 2011, il subacqueo TWSAC Ian Davies ha rintracciato la nave dalla targa del produttore del motore "John Dickinson No. 260 1882" e l'ha identificata come la nave a vapore da 994 tonnellate. Newent, molto probabilmente perso in una collisione con un brigantino a palo norvegese nel 1909.

Come al solito, il nostro tour inizia con una sagola agganciata al relitto tramite un'unica caldaia (1), che all'epoca fornì la prova immediata che sicuramente non era così Stanhope. Entrambi i lati della caldaia sono spazi per il deposito del carbone in una tipica configurazione a sella.

motore a vapore composto a due cilindri
motore a vapore composto a due cilindri

Uno spesso tubo del vapore (2) dall'estremità poppiera della caldaia si accede ad un bell'esempio di motore composto a due cilindri (3), in piedi tra i detriti caduti su entrambi i lati della sala macchine. Una paratia intatta separa la sala macchine dalle stive di poppa, ora piene di limo.

Tubo del vapore al condensatore del motore a vapore composto a due cilindri
Tubo del vapore al condensatore del motore a vapore composto a due cilindri

Seguendo il lato di dritta del ponte a poppa, la profondità è ora di 33 metri. Una sezione di tubo curva che giace sul ponte è una delle gru per barche (4).

A metà del lato della stiva ci sono un piccolo paio di bitte (5) e poi un tubo del vapore più sottile (6) conduce attraverso il ponte tra le stive di poppa ai supporti per un verricello. L'argano stesso (7) è caduto nella stiva di poppa.

Sul lato di dritta del ponte c'è una bobina di cavo (8), poi, a metà della stiva di poppa, un'altra coppia di piccole bitte (9).

Ora a poppa (10), è subito evidente che il cassero era a filo, senza ponte di poppa rialzato. I lati del ponte e dello scafo sono leggermente divaricati nei punti in cui si sono deteriorati.

Lo sterzo era tramite un semplice timone (11), un tempo trainato con catene dal timone più avanti.
Abbassare l'asta del timone, il timone (12) si trova parzialmente al riparo da un graffio nel limo con, al momento della mia immersione, una singola pala dell'elica visibile a 41 m.

Tuttavia, i banchi di limo si spostano, soprattutto durante le forti maree di Beachy Head, e i subacquei hanno successivamente riferito che si vedono tre pale dell'elica.

Ritornando a prua lungo il lato sinistro del ponte, la disposizione delle attrezzature di coperta è ormai familiare, con una coppia di piccole bitte nel punto centrale della stiva (13), un avvolgicavo tra le stive (14) e un'altra coppia di bitte a metà della stiva successiva (15).

All'estremità poppiera della caldaia, una piastra rettangolare (16) giace di traverso sul lato sinistro del ponte. È della misura giusta per una copertura per portello, ma non ci sono aperture evidenti da cui potrebbe essere caduta.

Attraversando il relitto a prua della caldaia, nascosto nell'angolo anteriore di dritta della stiva c'è un serbatoio dell'acqua verticale (17).

Il nostro tour ha attraversato il relitto, perché è qui che penso che la cosa diventi davvero interessante. Il lato di tribordo dello scafo è incassato, nell'evidente forma a V della prua di un veliero, anche se un po' frastagliato.

Un'ulteriore prova dell'impatto si trova nel punto in cui la paratia si è leggermente piegata e rotta al centro, in seguito alla spinta dello scafo dal lato di dritta.

Nella parte inferiore della fessura a forma di V e un po' all'interno dello scafo c'è un paio di piccole ancore (18), che potrebbe facilmente provenire dalla prua della barca.

piccole ancore sul lato di dritta appena a proravia della caldaia, vicino alla fessura a forma di V nello scafo, forse il risultato di una collisione
Piccole ancore sul lato di dritta appena a proravia della caldaia, vicino alla fessura a forma di V nello scafo, forse il risultato di una collisione

Un altro sottile tubo del vapore conduce fuori dai detriti e lungo il lato di dritta dello scafo, oltre la ormai familiare piccola coppia di bitte. (19) sul ponte tra le stive di prua (20).

Qui le stive erano servite da due argani. Il verricello di poppa è ora ribaltato sul lato sinistro del ponte (21), mentre il verricello di prua (22) rimane al suo posto.

Verricello da carico
Verricello da carico

Come le stive di poppa, entrambe le stive di prua sono piene di limo. Il ponte qui è qualche metro più profondo che nella metà poppiera del relitto, ma non abbastanza per essere grave problema con profili di immersione.

Sempre nella stiva di prua, ci sono un piccolo paio di bitte su entrambi i lati (23). Come a poppa, il ponte di prua è a filo, senza castello di prua rialzato.

Il verricello dell'ancora (24) e un paio di bitte vengono staccate dal ponte e spostate a dritta. Le sommità delle cubie di ancoraggio (25) rimanere al loro posto, con i tubi effettivi visibili all'interno attraverso un'apertura dove le piastre dello scafo sono cadute dal lato sinistro della prua.

Verricello dell'ancora
Verricello dell'ancora

Il fondale sotto la prua viene nuovamente perlustrato fino a 39 metri, anche se in questa fase del tour non ha molto senso scendere. Con la marea al largo di Beachy Head che sta aumentando, è meglio effettuare la risalita rilasciando un SMB ritardato per una decompressione alla deriva.

VISTO L'ULTIMA VOLTA A SELSEY BILL

IL VAPORE DA 994 TONNELLATE Newent fu costruita come miniera di carbone nel 1882 dai fratelli Short di Sunderland, con una sola caldaia e un motore composto a due cilindri da John Dickinson & Co, sempre di Sunderland. Il costo per il proprietario James Westoll è stato di £ 26,000.

La compagnia di navigazione trasportava principalmente carbone sulla costa orientale e grano dal Baltico.

Nel 1895, la proprietà passò al figlio di James Westoll, anche lui James. Il 12 febbraio 1909, il Newent lasciò Southampton per Blyth in zavorra e fu visto l'ultima volta quella notte al largo della nave faro Owens al largo di Selsey Bill dal piroscafo Walter Scott.

Non sono stati segnalati avvistamenti successivi, e dopo il Newent non riuscendo ad arrivare a Blyth è stata dichiarata dispersa con il suo equipaggio di 16 persone. Il tempo era stato bello, quindi un semplice affondamento era improbabile.

I sottoscrittori dei Lloyds hanno concluso che il Newent fu affondata al largo di Beachy Head la mattina presto del 13 febbraio in una collisione con il brigantino a palo norvegese Inga, che riportava una prua gravemente danneggiata in una collisione con un piroscafo sconosciuto.

Il nuovo tour del relitto
Il nuovo tour del relitto

GUIDA TURISTICA

COME ARRIVARE: Dalla A27, prendi la A259 attraverso Pevensey verso Eastbourne da est. Sovereign Harbour è sulla sinistra. Alla rotonda per Asda e il parco commerciale svoltare a sinistra, quindi proseguire dritto attraversando la mini rotonda per il parcheggio più vicino al pontile di imbarco.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 50 40.970N, 000 15.580E (gradi, minuti e decimali). L'arco punta verso est.

MAREE: L'acqua stagnante è essenziale ed è 5.5 ore prima dell'acqua alta a Dover e ancora 30 minuti prima dell'acqua alta a Dover.

ARIAIl nostro W ha un compressore a bordo e una fornitura limitata di ossigeno per miscelare nitrox. Se hai bisogno di grandi quantità di ossigeno o di elio, è meglio organizzarlo in anticipo. La stazione aerea commerciale più vicina è Centro subacqueo di Newhaven, 01273/612012,

DIVING Il nostro W / Immersione-125, 07764/585353.

ALLOGGI: Molti hotel e B&B servono il mare e il porto turistico da Eastbourne a Pevensey. Il campeggio è disponibile anche a Pevensey. Per un budget per le immersioni, Dive 125 consiglia la Cambridge Guest House, 01323/721100.

LANCIO: Scivoli a Sovereign Harbour (Eastbourne) e Newhaven. Qualifiche BSAC Dive Leader o specialità PADI Deep combinate con una qualifica di decompressione rilasciata da una delle agenzie tecniche. Appena all'interno della portata di un subacqueo sportivo BSAC in acque basse.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 1652, Selsey Bill a Beachy Head. Carta dell'Ammiragliato 536, Beachy si dirige a Dungeness. Mappa dell'Ordnance Survey 199, Eastbourne e Hastings, Crowborough, Battaglia e Heathfield.

PROS: Un relitto immerso meno frequentemente, perché la sua identità era sconosciuta fino all'anno scorso.

CONS: Il relitto si trova su un banco di limo, quindi la visibilità è spesso scarsa, da qui il punteggio di difficoltà di 4.

PROFONDITÀ: 35m - 45m

VALUTAZIONE DELLA DIFFICOLTA':

Grazie a Dave Ronnan e Sylvia Pryer, Jamie Smith, Tunbridge Wells SAC.

Apparso su DIVER aprile 2013

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Alison Gould
Alison Gould
8 mesi fa

Molto interessante vedere cosa resta del Newent. Il mio bisnonno era uno dei membri dell'equipaggio che si erano persi quel giorno

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x