Tour del relitto 166: L'Ailsa Craig

Tour del relitto 166: L'Ailsa Craig
Tour del relitto 166: L'Ailsa Craig

Questo classico sottobicchiere britannico silurato verso la fine della prima guerra mondiale si trova al largo della costa del Dorset e offre molto di cui interessare JOHN LIDDIARD. Illustrazione di MAX ELLIS

AVEVO DATO PER PUNTO che l' Ailsa Craig prende il nome dall'isola nel Firth of Clyde, ma poiché la nave è stata costruita dalla Ailsa Shipbuilding Co e gestita da Hugh Craig & Co, forse questa ipotesi è una coincidenza.

Avendo in mente una grande isola di granito famosa per l'estrazione di pietre da curling perfette, avevo anche immaginato questo famoso relitto come una nave a vapore più grande. Quindi, circa una settimana prima dell'immersione Ailsa Craig, Ho pensato che sarebbe stato meglio documentarmi e ho capito che si trattava di un sottobicchiere da 601 tonnellate.

Ho sviluppato un certo gusto per queste navi. Sebbene siano state costruite centinaia se non migliaia di sottobicchieri dal design simile e, come sottobicchieri, molti sono affondati in profondità dove è possibile immergersi, ci sono sempre abbastanza differenze per mantenerli interessanti, ma abbastanza somiglianze per rendere facile l'immersione.

Su un piccolo relitto, gli skipper in genere preferiscono puntare l'eco più grande verso il centro, che come al solito è la caldaia (1).

A 35 metri dal fondale marino, la maggior parte dei subacquei sarà in grado di realizzare un giro completo del Ailsa Craig che richiedono non più di pochi minuti di decompressione, soprattutto se si utilizza nitrox. Di conseguenza, il nostro percorso dalla caldaia è verso il lato di dritta del relitto (2), dove una piastra dello scafo è caduta attraverso la stiva di poppa.

Tra le stive c'è il solito verricello da carico (3), quindi, mentre il nostro giro attraversa la stiva di prua, un paio di centine dal lato di dritta dello scafo rimangono verticali (4).

verricello da carico a servizio della seconda stiva
Verricello da carico a servizio della seconda stiva

All'interno di questo, una sezione della mastra del portello rimane intatta (5).

Mastra dal castello di prua
Mastra dal castello di prua

La prua, insolitamente, è crollata leggermente all'indietro e a tribordo, nella direzione opposta alla maggior parte del resto del relitto. Il piccolo boccaporto (6) che il nostro percorso successivo attraversava in realtà a poppa del castello di prua, con il mucchio di catene accanto ad esso che era scivolato fuori dal castello di prua (7). Il verricello dell'ancora (8) è ancora attaccato ai resti del ponte, anche se inclinato come descritto.

Le piastre del ponte intorno alle cubie sono cadute dalla prua
Le piastre del ponte intorno alle cubie sono cadute dalla prua

A tribordo, una bobina di cavo di ormeggio e un paio di bitte (9) sdraiarsi sul fondo del mare. Vicino alla prua, le cubie dell'ancora (10) sono anche sul fondo del mare a dritta. Sospetto che il palo dello stelo (11) potrebbe in realtà salire a una profondità inferiore rispetto alla caldaia, ma semplicemente non viene visualizzato in modo così chiaro su un ecoscandaglio.

Ora, dirigendoci di nuovo a poppa verso il lato sinistro del relitto, le bitte da questo lato della prua sono cadute molto più vicine (12) e sono seguiti da un altro paio di centine verticali dello scafo (13).

Mentre attraversiamo la stiva di prua, proprio davanti al verricello da carico c'è una sezione di ponte di legno intatto (14). Poi, a poppa del verricello da carico c'è un'ancora modello Ammiragliato (15), una di riserva che sarebbe stata riposta assicurata al ponte tramite il verricello.

Questi piccoli sottobicchieri tipicamente avevano una timoneria a poppa, immediatamente davanti alla caldaia, o tra le stive di prua.

I Ailsa Craigl'elmo (16) si trova poco più a poppa e a sinistra, a dimostrazione che la timoneria era a centro nave.

Tornando verso la caldaia, alcuni grandi tubi del vapore (17) può essere visto sul pavimento di quella che sarebbe stata la stiva.

Sezioni di grigliato (18) condurre a poppa lungo il lato sinistro della caldaia fino a un motore composto a due cilindri solidamente in piedi (19).

Sul lato di dritta del relitto, tra il motore e la caldaia, si scorge una piccola pompa bicilindrica (20) può essere visto disteso tra i rottami.

Il verricello di prua funge anche da verricello dell'ancora
Il verricello di prua funge anche da verricello dell'ancora

Ora seguendo il lato di dritta dello scafo a poppa e attorno a poppa, un piccolo argano (21) è caduto dal lato di dritta della poppa.

Sotto la poppa restano al loro posto un'elica a quattro pale in ferro e il timone (22) è difficile da portare.
Salendo verso poppa, il quadrante dello sterzo è orientato in modo simile, dimostrando che l'albero del timone non è rotto.

Il timone
Il timone

Al centro della poppa c'è un solido supporto per pistola con base a scatola (23), tipico di quello montato come armamento difensivo su molte navi durante la Prima Guerra Mondiale.

I rapporti dell'Ufficio Idrografico del 1982 notano che il cannone da 13 libbre era ancora al suo posto e scatole di munizioni sparse nelle vicinanze. I subacquei devono averli recuperati da allora, perché non rimane traccia.

Ancora modello Admiralty sistemata a centro nave
Ancora modello Admiralty sistemata a centro nave

Il ponte di poppa è crollato e la struttura della cabina è molto solida (24) è caduto con un'angolazione di circa 45° rispetto alla linea del relitto.

Infine, la parte superiore del motore composito (25) fornisce un posto conveniente per inserire un SMB ritardato e ascendere.

IN ACQUE PERICOLOSE

L'AILSA CRAIG, sottobicchiere. COSTRUITO 1906, affondato 1918

IL 601-TON AILSA CRAIG fu varata il 6 settembre 1906 dalla Ailsa Shipbuilding Co Ltd di Troon nel Firth of Clyde e gestita da Hugh Craig & Co, un commerciante di carbone e armatore con sede a Belfast.

È probabile che il file Ailsa Craig ha trasportato carichi di carbone nelle nostre acque costiere e attraverso la Manica per gran parte se non tutta la sua vita lavorativa.

Nel suo ultimo viaggio, la Ailsa Craig trasportava 705 tonnellate di carbone da Cardiff a Granville per le Ferrovie dello Stato francesi. Il suo comandante, il capitano Millikew, era sul ponte nel momento in cui il siluro colpì, e stava per ordinare un cambio di rotta a zig-zag, come da ordini dell'Ammiragliato.

Alle 7.10 del 15 aprile 1918, il Capitano Millikew udì effettivamente il siluro proveniente UB80 colpire momentaneamente il lato di tribordo della nave prima che esploda. Ha strappato il fondo della chiglia e ha fatto saltare i portelli delle stive.

Era ovvio che il Ailsa Craig stava affondando velocemente e ordinò di abbandonare la nave.

Nel giro di due minuti l'equipaggio e gli artiglieri del DEMS erano saliti sulla scialuppa di salvataggio del porto e si erano allontanati dalla nave che affondava.

Il Kapitänleutnant Max Viebeg, comandante dell'UB80 della Flottiglia delle Fiandre, fu responsabile di alcuni famosi relitti della Manica, tra cui le navi a vapore Martha e Grane di pattuglia prima di silurare la nave. Ailsa Craig, e il Boma ed Forza di riserva nei successivi pattugliamenti.

UB80 sopravvisse alla guerra per essere ceduto all'Italia e demolito nel 1919.

Il tour del relitto di Ailsa Craig
Il tour del relitto di Ailsa Craig

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Lasciare la M5 allo svincolo 25 (Taunton) e prendere la A358 oltre Chard fino ad Axminster, poi la A35 e la B3165 fino a Lyme Regis e seguire le indicazioni per Cobb.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 50 33.684 N, 002 47.526 W (gradi, minuti e decimali). Il relitto giace con la prua rivolta a ovest.

MAREE: L'acqua stagnante è 3.5 ore dopo l'acqua alta Portland.

IMMERSIONE E ARIA: Tartaruga Blu, 07970/856822.

ALLOGGIO: Lymergis Regis

LANCIO: I tagliandi sono disponibili a Lyme Regis. Sono previste tasse portuali e di varo.

QUALIFICHE: Comodo per un subacqueo sportivo BSAC, ma abbastanza profondo da richiedere una specializzazione profonda per chi ha un background PADI.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 3315, Berry Dirigiti a Bill of Portland. Mappa dell'Ordnance Survey 193, Taunton e Lyme Regis. Immersione nel Dorset, di John e Vicki Hinchcliffe. Relitti del canale della Prima Guerra Mondiale, di Neil Maw.

PRO: Un bell'esempio di classico sottobicchiere britannico.

CONS: Posso immaginare che il relitto sia affollato se c'è più di una barca carica di subacquei a bordo.

PROFONDITÀ: 20m - 35m

VALUTAZIONE DELLA DIFFICOLTA':

Grazie a Douglas Lanfear.

Apparso su DIVER settembre 2012

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x